Categoria: Alimentazione Biologica

Noi italiani ne dovremmo sapere qualcosa di alimentazione biologica.

La dieta mediterranea e gli ingredienti principali della cucina italiana sono riconosciuti dagli studiosi di tutto il mondo per essere il top per un regime alimentare sano, completo, ricco di principi nutritivi e decisamente gustosa, in grado di creare dei piatti sempre diversi e appetitosi.

Alla base di questo tipo di alimentazione biologica ci sono la frutta e le verdure, meglio se di stagione e biologiche.

Quando mangiamo tali alimenti è sempre indispensabile lavarli in quanto contengono naturalmente nitrati, presenti nell’acqua e nel terreno, che sono dissolvibili in acqua, e per lo stesso motivo è meglio non utilizzare l’acqua di cottura di certe verdure.

Soprattutto nelle verdure a foglia verde come spinaci, bieta e lattuga.

In effetti i nitrati di per se non sarebbero dannosi, il problema insorge quando una volta ingeriti nello stomaco, trovando una ambiente acido, favoriscono la crescita di nitriti e nitrosammine, già la loro trasformazione avviene nel cavo orale per opera dei batteri presenti.

Conviene sempre favorire le verdure di stagione, in quanto i nitrati aumentano la loro percentuale nell’ortaggio quando viene coltivato in serra. Il nitrato è una sostanza che aumenta a dismisura nelle piante a causa dei metodi di coltivazione intensa e dell’uso concimi naturali e fertilizzanti, l’opposto di quel che vogliamo rappresentare quando parliamo di alimentazione biologica.

Studi dimostrano che i nitriti e le nitrosammine sono cancerogeni, è bene quindi ridurre la loro presenza negli alimenti con qualche semplice accorgimento:

favoriamo il consumo di verdura biologica certificata dove il quantitativo di nitrati è minore.

• gli ortaggi coltivati in pieno campo contengono meno nitrati di quelli prodotti in serra

lavare sempre bene le verdure e la frutta anche dopo averle sbucciate in quanto in tal modo i nitrati si dissolvono

non utilizzate l’acqua di cottura delle verdure per scopo alimentare

• acquistare piccole quantità di verdure e conservarle a freddo per pochi giorni

• evitare di riscaldare le verdure cotte in precedenza

• carne in scatola e salumi contengono alte percentuali di nitrati, se proprio dobbiamo consumarle magari riduciamo la frequenza

• variare spesso il consumo di ortaggi a foglia verde, si consiglia non più di 2 volte a settimana

• in estate lattuga, bieta e spinaci contengono una bassa quantità di nitrati quindi si possono mangiare più spesso, in quanto le piante hanno bisogno di luce naturale per impiegare i nitrati nella sintesi di proteine necessarie alla loro crescita. Maggiore è l’esposizione dei vegetali al sole e minore è il quantitativo di nitrati.

• gli ortaggi raccolti al tramonto contengono meno nitrati di quelli raccolti al mattino

• in inverno è meglio ridurne decisamente il consumo e se proprio non si può evitare preferite il surgelato in questo caso meno a rischio

• evitare di conservare le verdure in sacchetti di plastica che favoriscono, con la mancanza di aria, la trasformazione da nitrati in nitriti, e quindi più pericolosi a livello cancerogeno

consumare spesso vitamina C in associazione degli alimenti a foglia verde previene la formazione di nitrosammine, esempio potete condire gli spinaci o la lattuga con una spruzzata di limone. Di per se gli alimenti a foglia verde contengono già una buona percentuale di vitamina C ma solo se l’alimento è conservato bene rimane integra la sua funzione. Quindi è indispensabile conservare il meglio possibile la nostra frutta e verdura.

Vivere sugli alberi

Chi da bambino non ha sognato almeno una volta una casa sull’albero, un luogo tutto suo dove giocare, volare con la fantasia e fuggire dalla realtà? Non...

Continua a leggere

Gel per capelli fatto in casa

Che gli egizi erano dei gran vanitosi si sa. È noto il loro amore per la cura del corpo, in particolare della pelle, e nel mondo antico le loro ricette per oli...

Continua a leggere

Un celiaco può essere vegano?

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, proteina contenuta in frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale. I soggetti geneticamente...

Continua a leggere

Cascata delle marmore (Terni)

Vogliamo condividere con voi alcune splendide immagini della Cascata delle Marmore in Umbria a Terni Acqua elemento di vita Acqua elemento primario Acqua impetuosa Uno...

Continua a leggere

Nutella vegana? ecco la ricetta

Una valida alternativa alla nutella, altrettanto buona ma assolutamente nutella vegana e ve la proponiamo in questa ricetta Spuntino di mezzanotte?? Irresistibile...

Continua a leggere