amazzonia coronavirus

Il governo brasiliano usa il coronavirus per coprire la devastazione dell’Amazzonia

Mentre la pandemia di coronavirus si fa strada nell’Amazzonia, sollevando timori di genocidio dalle sue tribù indigene vulnerabili, il governo del presidente di estrema destra di Jair Bolsonaro e i suoi sostenitori stanno smantellando le regole che proteggono le riserve naturali. 

Funzionari ambientali strategici sono stati licenziati e ambientalisti e leader indigeni temono che la pandemia venga utilizzata come cortina fumogena per un nuovo assalto alla foresta pluviale.

Si dice che un decreto presidenziale in attesa dell’approvazione del Congresso e le nuove regole dell’agenzia indigena Funai legalizzano efficacemente l’accaparramento di terre in foreste protette e riserve indigene.

“Le popolazioni indigene dell’Amazzonia sono sole e dobbiamo combattere il virus, i taglialegna e i minatori selvaggi. Non sappiamo quale sia la cosa peggiore “, ha dichiarato Alessandra Munduruku, una leader indigena dello stato del Pará.

Il piano di devastazione di Bolsonaro va avanti

Bolsonaro, noto per le sue osservazioni razziste sulle popolazioni indigene e sull’approccio nazionalista di devastazione delle risorse naturali dell’Amazzonia, è diventato popolare tra agricoltori, minatori, taglialegna e accaparratori di terre

Ha detto che la riserva indigena Yanomami, la più grande del Brasile, era troppo grande e ha attaccato le agenzie ambientali per multare le persone per crimini ambientali.

Nel dicembre 2019, ha emesso un decreto noto come MP910, che consente agli agricoltori di occupare fino a 2.500 ettari all’interno di riserve controllate dal governo per legalizzarlo. Una precedente legge del 2017 lo consentiva per i terreni occupati fino al 2011; Il decreto di Bolsonaro lo ha esteso fino al 2018.

Il Land grabbing legalizzato

I critici lo hanno definito il “decreto sul land grabbing”. Afferrare terre nelle riserve federali disboscando, bruciando alberi e insediando bestiame per consolidare il possesso è una pratica comune in Amazzonia.

“La misura consente la titolazione di aree pubbliche illegalmente disboscate con l’obiettivo di ottenere terreni”, ha affermato Imazon, un gruppo ambientalista no profit. I pubblici ministeri federali hanno affermato che renderebbe ancora più semplice il land grabbing, in un’analisi dettagliata.

Il decreto deve essere approvato dal Congresso fino al 19 maggio. I legislatori della lobby agricola spingono per un voto prima, in mezzo alla pandemia, dopo aver proposto cambiamenti che renderanno effettivamente più facile ed economico legalizzare la terra occupata.

Il 22 aprile Funai ha pubblicato una nuova regola per consentire ai sequestratori di terre indigene di regolarizzare le loro terre; questo processo può richiedere decenni per essere completato e richiede l’approvazione presidenziale, e Bolsonaro ha promesso di non delimitare “un centimetro in più” di terra indigena.

L’associazione dei dipendenti Funai ha affermato che la nuova regola “rende Funai un notaio immobiliare per occupanti abusivi, accaparratori di terreni e sviluppatori di terreni su terre indigene”.

La difesa del consiglio nazionale dei diritti umani

Il Consiglio nazionale per i diritti umani, un organo federale indipendente, ha chiesto l’abrogazione della norma, rilevando che 237 riserve indigene non avevano ancora completato il processo di delimitazione e altre sei aree ad “uso limitato” con notizie di gruppi isolati che non avevano immunità a malattie comuni come l’influenza. I landgrabber ora potrebbero rivendicare il titolo su tutti questi.

Con una mossa a sorpresa, 49 pubblici ministeri federali in tutto il Brasile hanno chiesto che il dominio Funai venisse rovesciato per la sua “incostituzionalità, anticonvenzionalità e illegalità”.

Daniel Azevedo, uno dei pubblici ministeri coinvolti, ha dichiarato di aver incoraggiato gli accaparratori di terra ad aspettarsi che simili decreti vengano poi attuati per far rispettare la difesa dei diritti umani e ambientali.

La foresta pluviale come mercato da svendere

“L’Amazzonia funziona come un mercato azionario. Ciò che dicono quelli al potere nel paese influenza davvero il comportamento delle persone “, ha detto. “Questo invia il messaggio che se disboscate ora nel 2020 o nel 2021, presto possederete quest’area”, ha aggiunto. “La tendenza è che la foresta sarà così devastata nei prossimi anni”.

I titoli che difendono i land grabbers sostengono che aiuteranno a regolarizzare la caotica situazione della proprietà terriera in Amazzonia. Consentire agli agricoltori di nominarsi la terra che hanno occupato in passato consente loro di accedere al credito e migliorare la produttività, riducendo la necessità di espandersi ulteriormente nella foresta, sostengono gli agricoltori.

Il senatore Irajá Abreu, che sta guidando l’MP910 attraverso il Congresso, ha dichiarato al Congresso e sul sito Focus che il decreto sul possesso di terreni era “buona legge per il 99% delle famiglie brasiliane, per i produttori brasiliani, a le persone che creano posti di lavoro.

Funai ha invece affermato che la sua nuova regola “avrebbe corretto le incostituzionalità riscontrate negli studi fatti”.

Gli ambientalisti hanno contestato tale argomento. “Il governo ha un progetto e sta facendo distruggendo la foresta, nelle popolazioni indigene, a beneficio di coloro che vogliono privatizzare la foresta”, ha dichiarato Mariana Mota, specialista di politiche pubbliche di Greenpeace in Brasile.

Mentre infuriava la controversia sulle nuove regole, l’agenzia ambientale brasiliana Ibama ha licenziato Renê de Oliveira e Hugo Loss, due funzionari di alto livello, settimane dopo aver coordinato un’operazione per espellere gli invasori dalle riserve indigene nel stato del Pará per paura di poter diffondere Covid-19.

L’operazione era stata descritta nel famoso programma televisivo Fantastic, che ha anche messo in connessione gli accaparratori di terre pro-Bolsonaro con ingerenze politiche. Il direttore della protezione di Ibama, Olivaldi Azevedo, era già stato licenziato.

I martiri di Madre Terra continuano ad essere uccisi

Gli ambientalisti hanno affermato che la riduzione della protezione e l’incoraggiamento delle invasioni delle aree protette hanno rischiato una maggiore violenza contro coloro che le difendono.

A marzo, un insegnante indigeno, Zezico Guajajara, è stato ucciso nello stato di Maranhão, il quinto omicidio nella zona in sei mesi. Ad aprile, Ari Uru-Eu-Wau-Wau, un insegnante della riserva Uru-Eu-Wau-Wau nello stato amazzonico di Rondônia, è stato ucciso. Faceva parte del gruppo che pattugliava la riserva della tribù ed era stato minacciato.

“Gli invasori credono di poter entrare nella riserva indigena a causa dell’agenda del governo”, ha dichiarato Ivaneide Bandeira, del gruppo no profit Kanindé, che ha lavorato con la tribù per decenni e conosceva Ari. “Covid è la coperta e la scusa per l’escalation di violenze e soprusi.”


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.