api e impollinazione

Il blocco globale per Covid-19 sta salvando le api: i fiori selvatici appaiono nelle città di tutto il mondo

È forse l’anno in cui è più probabile che salviamo le api? In tal caso, il merito sarebbe per il nuovo coronavirus.

Misure restrittive che, tra l’altro, hanno notevolmente ridotto il traffico e l’inquinamento, ci hanno anche dato il vantaggio di vedere un enorme boom dei fiori selvatici, che in qualche modo ha contribuito a ripristinare i delicati ecosistemi di piante urbane e il timido ritorno delle api .

In breve, fiori rari e popolazioni di api in declino potrebbero iniziare a riprendersi durante il blocco del coronavirus, perché ora, in quasi tutte le città, le piante selvatiche di ogni tipo possono crescere senza essere disturbate dalla strada.

L’importanza della biodiversità urbana

Secondo la più grande organizzazione europea per la conservazione delle piante selvatiche, Plantlife , il ciglio della strada è in realtà l’ultimo rifugio per molte specie di piante che sono state devastate dalla conversione delle praterie naturali in terreni agricoli e complessi residenziali. Queste strette strisce di prati possono ospitare 700 specie di fiori selvatici.

Negli ultimi anni, spiega il botanico Plantlife Trevor Dines, i consigli comunali hanno adottato politiche eccessivamente impazienti che tagliano i fiori prima che maturino.

Ma i tagli, dovuti alla crisi di Covid-19, furono tra i primi servizi ridotti o addirittura sospesi in alcuni paesi. E gli ecosistemi vegetali urbani hanno già iniziato a riprendersi.

In alcuni casi come in Inghilterra vi sono state delle amministrazioni virtuose che hanno incentivato il ripristino della biodiversità al bordo delle strade più trafficate.

Fiori in città: uno scorcio di biodiversità utile per le api

Leggi anche: Comunicazione interspecie – I fiori preparano il nettare per l’arrivo delle api

In arrivo le api robot per l’impollinazione

Tutto ciò avvantaggia anche le popolazioni di api, farfalle, uccelli, pipistrelli e tutti gli insetti che dipendono dalle piante selvatiche per sopravvivere in modo straordinario.

In breve, lasciare semplicemente fiorire molte delle nostre piante può offrire polline e nettare alle api in uno scambio amorevole. D’altra parte, circa l’80% delle piante utilizza l’aiuto di insetti o altri animali per trasportare granuli di polline dal maschio alla parte femminile della pianta.

In tempi di coronavirus, quindi, la natura ha recuperato i suoi spazi. Ed è meraviglioso rendersi conto di quanto poco ci vorrebbe per lasciarlo solo e vivere in armonia con il pianeta in cui abitiamo.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.