jair bolsonaro

Jair Bolsonaro: il presidente del Brasile firma un progetto che consente lo sfruttamento delle riserve indigene

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro i primi del mese di febbraio ha firmato un disegno di legge che consente la produzione di energia elettrica e di estrazione nelle riserve indigene.

Il disegno di legge deve essere sottoposto alla votazione del Congresso, dove dovrà essere approvato dalle sessioni plenarie del Senato e della Camera dei deputati prima di poter essere considerato in vigore a tutti gli effetti.

L’entourage del presidente ha spiegato che la costruzione mineraria e idroelettrica nelle riserve è prevista dall’articolo 231 della Costituzione del 1988, che fino ad ora non è stata regolamentata.

Cosa dice la legge e cosa vuole Bolsonaro

Il testo, che non è stato ancora pubblicato, regolerà l’articolo costituzionale sull’uso delle risorse idrauliche e la ricerca e l’estrazione della ricchezza minerale nelle terre indigene.

«Il grande passo dipende dal Parlamento. Subiremo pressioni dagli ambientalisti. Quelle persone legate all’ambiente, se un giorno potessi confinarle in Amazzonia, dal momento che a loro piace così tanto l’ambiente ”, ha detto Jair Bolsonaro. Il presidente è estremamente scettico riguardo ai cambiamenti climatici e vede solo delle rivendicazioni ambientali legate a cospirazioni di interessi stranieri, per sfruttare le ricchezze del suolo brasiliano.

Jair Bolsonaro ha alleati per ottenere la maggioranza al Congresso e decisivo sarà il sostegno della potente banca legata all’industria agroalimentare.

La dismissione del presidio ambientale di ICMBio

Bolsonaro ha anche firmato un decreto, pubblicato mercoledì 12, nella Gazzetta ufficiale federale, che riduce considerevolmente il numero di posizioni manageriali in unità di conservazione sotto la responsabilità dell’Istituto Chico Mendes per la conservazione della biodiversità (ICMBio), in Amazzonia.

Sono stati estinti 42 posti di comando che, secondo i dipendenti di ICMbio ascoltati sul blog, dimostrano l’indebolimento dell’agenda ambientale e la mancanza di priorità nel settore da parte del governo del presidente Jair Bolsonaro.

I 600 leader indigeni brasiliani riuniti a gennaio nello stato amazzonico del Mato Grosso hanno denunciato che il governo sta promuovendo un progetto politico di “genocidio, etnocidio ed ecocidio”.

Foto https://s.abcnews.com/

Amazzonia, Jair bolsonaro


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.