Home Alimentazione Biologica Moringa oleifera: usi e proprietà di una pianta miracolosa

Moringa oleifera: usi e proprietà di una pianta miracolosa

2797
0
CONDIVIDI
Moringa oleifera, l'albero della vita: proprietà e usi

Conosciuta come “albero della vita”, la Moringa oleifera ha tantissime proprietà, che hanno del miracoloso.

Se esiste una pianta miracolosa in natura, quella è la Moringa oleifera. Conosciuta anche come “albero della vita”, inserita tra le coltivazioni tradizionali del mese per la FAO, consigliata dal centro di ricerche internazionale ICRAF, questa pianta potrebbe essere uno dei segreti della vita longeva di Fidel Castro, leader della rivoluzione socialista a Cuba. A quanto pare, l’ormai 90enne Fidel ne ha una coltivazione privata e si nutre della pianta con regolarità.

Descrizione e proprietà

La Moringa oleifera ha foglie verde smeraldo e fiori bianchi. Il sapore delle sue foglie può ricordare gli spinaci. La sua altezza arriva fino a 8 metri e cresce molto in fretta. Nei suoi primi 3 mesi di vita può raggiungere i due metri e mezzo.

La pianta è originaria dell’India, ai piedi dell’Himalaya, e di altre zone tropicali ed equatoriali. Cresce in particolare in Etiopia, Filippine e Sudan. In Centro e Sud America (oltre a Cuba), può essere individuato in Paraguay, Argentina e Repubblica Dominicana. È molto diffusa anche nella penisola arabica.

L’albero produce foglie durante la stagione secca e in particolare nei periodi di siccità (non tollera i ristagni d’acqua). Un fattore, questo, che la rende indispensabile in aree del pianeta dove le scorte alimentari sono scarse a causa della carenza d’acqua. È infatti un’ottima fonte di verdura fresca, anche quando non c’è altro da mangiare.

Un grammo di Moringa oleifera contiene:

  • Quattro volte il quantitativo di calcio nel latte.
  • Sette volte più vitamina C delle arance.
  • Quattro volte più vitamina A delle carote.
  • Tre volte il quantitativo di potassio delle banane.
  • Tre volte il ferro degli spinaci.
  • Tantissime proteine in più rispetto alle uova.

Fortemente raccomandata per le donne incinte (migliora la produzione di latte) e i bambini piccoli, la Moringa ha tantissime proprietà. È considerato un antibiotico naturale, contrasta l’ipertensione, gli spasmi, l’ulcera. Ha proprietà anti Tripanosoma, antinfiammatorie, ipocolesterolemiche e ipoglicemizzanti.

Viene usata nella medicina tradizionale nella cura di raffreddore e febbre, ma anche per problemi digestivi. Facilita il sonno. I baccelli della Moringa sono anche noti come potenti afrodisiaci.

Alcuni studi, hanno infine collegato foglie e corteccia della pianta a delle proprietà anti-cancro. Specialmente nei casi di neoplasie al seno e al colon-retto.

Usi

Oltre l’utilizzo alimentare, che approfondiremo più avanti, la Moringa oleifera ha tantissimi usi. Può essere un ingrediente di prodotti cosmetici naturali, grazie al suo elevato contenuto nutritivo per la pelle. Sotto forma di crema, è utilizzata per prendersi cura dell’epidermide in maniera naturale.




I suoi semi, utilizzati per produrre una farina, sono impiegati nella depurazione dell’acqua e di altri liquidi alimentari. Ha infatti un potere flocculante: fissa e adsorbe corpi batterici e impurità.

Le cime dei rami vengono a volte sfrondate per alimentare cammelli e bovini d’allevamento. La pianta viene utilizzata anche in apicoltura, dal momento che fiorisce in diversi periodi dell’anno, fornendo agli imenotteri il nettare di cui hanno bisogno.

La corteccia viene impiegata per produrre corde e stuoini, o come colorante per tessuti. L’olio estratto dai baccelli maturi viene impiegato come lubrificante.

La coltivazione della Moringa oleifera aiuta a prevenire l’erosione del suolo e le sue foglie sono utilizzate per produrre una pacciamatura altamente nutritiva per il terreno.

Alimentazione

Corteccia, baccelli, foglie, noci, semi, tuberi, radici e fiori: tutte le parti dell’albero Moringa sono commestibili. Le foglie vengono impiegate come verdura e possono essere consumate crude o cotte. La polvere estratta da esse ha funzione di integratore alimentare. La sostanza può diventare ingrediente per succhi e frullati, o sotto forma di infuso o condimento.

I baccelli hanno un sapore che ricorda gli asparagi e vengono consumati dopo la bollitura. Anche i semi vengono bolliti, o tostati, e hanno un sapore simile ai ceci. Le radici sono utilizzate come aromatizzante, ma c’è una controindicazione: in esse è presente un alcaloide, la spirochina. Quest’ultima può interferire con la trasmissione nervosa ed è quindi sconsigliato il consumo eccessivo.

I fiori sono commestibili e possono guarnire un’insalata. Da essi si ricava anche il miele.

Una ricetta

La FAO ha messo a disposizione una ricetta particolare da preparare con la Moringa oleifera.

Ingredienti

  • Due tazze di foglie tenere di moringa.
  • Mezza tassa di ceci verdi con la buccia, lavati e lasciati a mollo.
  • Una carota.
  • 5 Fagiolini a pezzi.
  • Una patata, sbucciata e grattugiata.
  • Tre peperoncini verdi.
  • Un pezzo di zenzero grattugiato.
  • Un rametto di foglie di curry.
  • Due pizzichi di assafetida in polvere.
  • Tre grammi di cumino.
  • Sei grammi di senape.
  • Sale, q.b.
  • Due cucchiai di succo di limone.
  • Due cucchiai di olio.

Per prima cosa, tagliate e lavate le foglie di moringa. Riscaldate metà dell’olio in pentola a pressione e aggiungete carote, ceci, fagiolini e peperoncino. Fate saltare per 2/3 minuti. Aggiungete poi patate, moringa, zenzero e due tazze di acqua preriscaldata. Mescolate per qualche minuto. Aggiungete poi curcuma e sale, e mettete il coperchio. Quando la pentola inizia a fischiare, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare, rimuovendo il coperchio. Aggiungete sale e succo di limone a piacere.

Nel frattempo, in un’altra padella, riscaldate il resto dell’olio con cumino e semi di senape. Quando iniziano a soffriggere, aggiungete le foglie di curry e i peperoncini restanti. Versate poi il contenuto nella mistura precedente. Servite caldo con il riso a vapore.

 

FOTO: Rusty Clark – On the Air M-F 8am-noon on Flickr

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here