crollo del capitalismo permacultura

Come prepararsi al crollo del capitalismo grazie alla permacultura

A metà degli anni ’70, gli australiani Bill Mollison, professore presso l’innovativa School of Environmental Design di Hobart / Tasmania e David Holmgren, giovane studente della stessa università, svilupparono una serie di idee per la creazione di sistemi agricoli, con cui volevano garantire l’approvvigionamento alimentare a lungo termine in modo migliore rispetto ai metodi industriali prevalenti dell’agricoltura convenzionale.

Hanno osservato che l’agricoltura industriale, a causa della sua preferenza per le monocolture, l’implementazione di pesticidi e fertilizzanti sintetici, stava contaminando il suolo e l’acqua, riducendo la biodiversità e causando l’erosione di milioni di tonnellate di terreno fertile anno dopo anno. Oggi queste osservazioni sono confermate e sempre più criticate in tutto il mondo.

Mollison e Holmgren per il suo nuovo concetto coniato il termine Permacultura (permacultura), una fusione di termini inglesi dell’agricoltura permanente.

In questa breve sintesi, guidano come possiamo prepararci ad affrontare il collasso del capitalismo o qualsiasi crisi che l’umanità potrebbe affrontare.

orto sinergico insalate

Permacultura in tempi di crisi

1. Impara a piantare, non solo un frutteto, ma anche colture di base (mais, manioca, grano, farro ecc.) E alberi (frutta, autoctoni, legnosi);

2. Crea un legame con la terra, che sia la tua o quella di un parente, un progetto, un orto comunitario, ecc. Fatti coinvolgere dalle persone che vivono lì, vai lentamente alla ricerca di modi per trascorrere più tempo in campagna che in città, imparando a piantare, costruire, trattare i rifiuti organici e curare la natura;

3. Sviluppa abilità pratiche (cucina, falegnameria, riparazione di macchine, lavorazione degli alimenti, cucito, ecc.).
Insegna queste abilità a bambini e amici, vicini, vicini;

4. Trovare un gruppo di sostegno reciproco, in cui le persone si prendano cura l’una dell’altra, producano collettivamente prodotti di prima necessità, come prodotti per l’igiene naturale, rimedi naturali come sciroppi e tinture di erbe, lavorazione degli alimenti, come cibi conservati e fermentati;

5. Semplifica la tua vita ora, liberando più spazio e tempo. Scopri tutto quello che puoi fare senza soldi, camminare, esercitare, artigianato e arti del corpo, socializzare con i propri cari, come il giardinaggio;

6. Rompere con la logica di consumare sempre di più. Preferisci prodotti artigianali che durano a lungo, di qualità, realizzati da piccoli produttori, società sociali e società economiche solidali. Fare scambi, dare e ricevere regali per valore affettivo, piuttosto che valore finanziario;

7. Scambiare, conservare, moltiplicare e diffondere i semi antichi (nativi, non geneticamente modificati, prodotti dall’agricoltura popolare e familiare);

8. Riconosci che la vita andrà molto meglio in seguito! Siamo solo in una fase di transizione.

«La nostra creatività è il limite del sistema»

Ecoportal.net


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Commento

  • Buongiorno

    Ho 57
    Anni

    Amo molto la natura da quando ero bambina.

    Da poco
    Ho conosciuto i microrganismi effettivi.

    Per agricoltura, contro la chimica in agricoltura e nelle pulizie della casa.
    Per gli animali..
    Per biorisanamento ambientale.
    Ma io li uso solo per me.. In casa mia..
    Non sono una professionista.

    Vorrei fare qualcosa per l’ambiente.
    Ma cosa posso fare io?

    Io sono solo una, una sola. Non ho séguito.

    Mi piacerebbe fare qualcosa in apicoltura.
    Perché amo molto anche l’apicoltura.

    Ma io cosa posso fare da sola?

    Se vuole contattarmi la sarò grata.

    Se ha qualche idea per me

    Anche mi sto dando da fare per inventare una nuova opportunità lavorativa perché la mia azienda dove lavoro adesso …
    Probabilmente chiuderà.

    Le lascio i miei riferimenti.

    Grazie

    Fulvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.