pesticidi tossici

I pesticidi tossici sono le principali fonti di reddito dei 5 big dell’agrofarma

Pesticidi Tossici: un’inchiesta rivoluzionaria di Public Eye e l’unità investigativa di Greenpeace UK, Unearthed, rivela che oltre un terzo delle vendite di pesticidi effettuate da BASF, Bayer Crop Science, Corteva Agriscience, FMC e Syngenta contengono sostanze chimiche altamente tossiche per la salute o il ambiente. I principali mercati delle aziende? Paesi in via di sviluppo ed emergenti, in cui le normative sono più deboli e rischi più elevati.

Public Eye e Unearthed hanno ottenuto i dati dalla società di analisi di mercato Phillips McDougall, che ha dettagliato 23,3 miliardi di dollari di vendite di pesticidi agricoli nel 2018, ovvero circa il 40% del mercato mondiale. 

Sono stati analizzati i dati utilizzando l’elenco di pesticidi altamente pericolosi stabilito dalla Pesticide Action Network (PAN). I risultati mostrano che le società tedesche Bayer e BASF, l’americana Corteva e FMC e la svizzera Syngenta hanno realizzato insieme il 35% dei loro ricavi di vendita da pesticidi che presentano i più alti livelli di rischio per la salute o l’ambiente. Ciò rappresenta 4,8 miliardi di dollari dei 13,4 miliardi di vendite di pesticidi effettuate dalle cinque società coperte dai dati.

Uniti nel potente gruppo di lobby CropLife International , questi giganti si posizionano come un gruppo di aziende responsabili, che «stanno innovando per sostituire i pesticidi altamente pericolosi con prodotti nuovi e meno tossici». La ricerca ha evidenziato una realtà completamente diversa:

  • Nel 2018, i cinque membri principali di CropLife hanno realizzato quasi un quarto delle loro entrate di vendita (22%) da pesticidi associati a effetti sulla salute a lungo termine . In cima all’elenco: sostanze classificate come “probabili agenti cancerogeni” o che possono influire sul sistema riproduttivo o sullo sviluppo dell’infanzia, come il clorotalonil e il clorpirifos, che sono appena stati vietati in Svizzera.
  • Le aziende hanno anche generato il 4% dei loro ricavi di vendita con pesticidi altamente tossici . Tali sostanze causano ogni anno 25 milioni di gravi avvelenamenti da agricoltore, con 220.000 morti, principalmente nei paesi in via di sviluppo. Syngenta è responsabile per i due terzi di queste vendite.
  • Le aziende hanno realizzato il 10% dei loro ricavi di vendita da pesticidi altamente tossici per le api , come i neonicotinoidi, implicati nella massiccia scomparsa di numerosi insetti impollinatori in tutto il mondo.

Le analisi dimostrano come i paesi in via di sviluppo e quelli emergenti sono i campi da gioco privilegiati di queste multinazionali, che realizzano quasi il 60% delle loro vendite di pesticidi altamente pericolosi in tali paesi. Le aziende sfruttano la debolezza delle normative in paesi come il Brasile e l’India per continuare a vendere sostanze vietate nell’Unione europea e in Svizzera. Considerando che tali prodotti chimici non possono essere utilizzati in modo sicuro, soprattutto in tali contesti.

«Questa pratica dei giganti agrochimici è irresponsabile e contraddice il loro impegno pubblico per un modello agricolo più sostenibile», ha dichiarato Baskut Tuncak, relatore speciale delle Nazioni Unite su diritti umani e tossici. «Sia che avvelenino i lavoratori, estinguano la biodiversità, persistano nell’ambiente o si accumulino nel latte materno di una madre, i pesticidi altamente pericolosi sono insostenibili. Avrebbero dovuto essere eliminati molto tempo fa. »

pesticidi tossici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto