ortoressia

Ortoressia: quando l’alimentazione sana diventa un disturbo alimentare

Un’alimentazione sana può portare a importanti miglioramenti in termini di salute e benessere.

Tuttavia, per alcune persone, l’attenzione per un’alimentazione sana può diventare ossessiva e trasformarsi in un disturbo alimentare noto come ortoressia.

Come altri disturbi alimentari, l’ortoressia può avere gravi conseguenze.

Cos’è l’ortoressia?

L’ortoressia, o ortoressia nervosa, è un disturbo alimentare che comporta un’ossessione malsana per un’alimentazione sana.

A differenza di altri disturbi alimentari, l’ortoressia ruota principalmente sulla qualità del cibo, non sulla quantità. A differenza dell’anoressia o della bulimia , le persone con ortoressia raramente si concentrano sulla perdita di peso.

Invece, hanno una fissazione estrema con la “purezza” dei loro alimenti, nonché un’ossessione per i benefici di un’alimentazione sana.

La comunità medica sta iniziando a riconoscere l’ortoressia, sebbene né l’American Psychiatric Association né il DSM-5 abbiano ufficialmente definito la condizione come un disturbo alimentare.

Il medico americano Steve Bratman ha coniato per la prima volta il termine “ortoressia” nel 1997. Il termine deriva da “orthos”, che in greco significa “giusto”.

Ortoressia test: si spiega come riuscire ad arrivare alla diagnosi di questo disturbo

Quali sono le cause dell’ortoressia?

Sebbene tu possa iniziare una dieta semplicemente con l’intenzione di migliorare la tua salute, questo tuo obiettivo potrebbe diventare un’ossessione.

Nel corso del tempo, le buone intenzioni possono lentamente svilupparsi in un’ortoressia in piena regola.

La ricerca sulle cause precise di questo disturbo è scarsa, ma le tendenze ossessivo-compulsive e i disturbi alimentari precedenti o attuali sono noti fattori di rischio (2 Fonte3 Fonte).

Altri fattori di rischio includono tendenze al perfezionismo, ansia elevata o necessità di controllo (4 Fonte5 Fonte ).

Chi può sviluppare questo disturbo alimentare

Diversi studi riportano anche che le persone focalizzate sulla salute per la loro carriera possono avere un rischio maggiore di sviluppare l’ortoressia.

Esempi frequenti includono:

  • operatori sanitari
  • cantanti d’opera
  • ballerini
  • musicisti dell’orchestra sinfonica
  • atleti

5 Fonte  6 Fonte7 ,8 Fonte9 Fonte

Il rischio può anche dipendere dall’età, dal genere, dal livello di istruzione e dallo status socioeconomico, ma sono necessarie ulteriori ricerche prima di giungere a conclusioni (2 Fonte attendibile).

Le cause esatte dell’ortoressia non sono ben note, ma sono stati identificati alcuni fattori di rischio personale e di personalità.

Quanto è comune l’ortoressia?

In alcuni casi, può essere difficile distinguere tra ortoressia e una normale preoccupazione per un’alimentazione sana.

Per questo motivo, è difficile determinare quanto sia comune l’ortoressia. Le percentuali negli studi variano dal 6% al 90%. Parte di ciò è anche dovuto al fatto che i criteri diagnostici non sono universalmente concordati (10 Fonte).

Inoltre, i criteri non valutano se i comportamenti abbiano un impatto negativo sulla salute sociale, fisica o mentale della persona, che è una parte cruciale dell’ortoressia.

L’entusiasmo per un’alimentazione sana si trasforma in ortoressia solo quando si trasforma in un’ossessione che influisce negativamente sulla vita di tutti i giorni, come l’estrema perdita di peso o il rifiuto di mangiare fuori con gli amici.

Quando si tiene conto di questi effetti negativi, i tassi di ortoressia scendono a meno dell’1%, il che è molto più in linea con i tassi di altri disturbi alimentari (10 Fonte ).

Come viene diagnosticata l’ortoressia?

Per rendere più chiara la distinzione tra alimentazione sana e ortoressia, Bratman e Dunn hanno recentemente proposto i seguenti criteri diagnostici in due parti ( 11 ):

1. Un focus ossessivo su un’alimentazione sana

La prima parte è un’attenzione ossessiva a un’alimentazione sana che comporta un disagio emotivo esagerato legato alle scelte alimentari. Questo può includere:

  • Comportamenti o pensieri: si ritiene che comportamenti compulsivi o preoccupazioni mentali con le scelte dietetiche promuovano una salute ottimale.
  • Ansia autoimposta: infrangere le regole dietetiche autoimposte causa ansia, vergogna, paura della malattia, senso di impurità o sensazioni fisiche negative.
  • Restrizioni gravi: restrizioni dietetiche che aumentano nel tempo e possono includere l’eliminazione di interi generi alimentari e l’aggiunta di depuranti , digiuni o entrambi.

2. Comportamento che sconvolge la vita quotidiana

La seconda parte è un comportamento compulsivo che impedisce il normale funzionamento quotidiano. Ciò può avvenire in uno dei seguenti modi:

  • Problemi medici: malnutrizione , grave perdita di peso o altre complicazioni mediche sono esempi di condizioni di salute che possono derivare da questo tipo di comportamento compulsivo.
  • Disturbi dello stile di vita: il disagio personale o il difficile funzionamento sociale o accademico dovuti a convinzioni o comportamenti legati a un’alimentazione sana.
  • Dipendenza emotiva: l immagine corporea, l’autostima, l’identità o la soddisfazione possono dipendere eccessivamente dal rispetto delle regole dietetiche autoimposte.
Ortoressia nervosa: una variante del perfezionismo fisico e biologico

Effetti negativi sulla salute dell’ortoressia

Gli effetti negativi sulla salute legati all’ortoressia rientrano generalmente in una delle tre categorie seguenti:

1. Effetti fisici

Sebbene gli studi sull’ortoressia siano limitati, è probabile che questa condizione porti a molte delle stesse complicazioni mediche di altri disturbi alimentari.

Ad esempio, una carenza di nutrienti essenziali causata da un’alimentazione restrittiva può provocare malnutrizione, anemia o una frequenza cardiaca anormalmente bassa (4 Fonte12 Fonte).

Una grave malnutrizione può portare a problemi di digestione, squilibri elettrolitici e ormonali , acidosi metabolica e compromissione della salute delle ossa (13 Fonte14 Fonte).

Queste complicazioni fisiche possono essere pericolose per la vita e non devono essere sottovalutate.

2. Effetti psicologici

Gli individui con ortoressia possono sperimentare un’intensa frustrazione quando le loro abitudini alimentari non sono soddisfatte.

Inoltre, infrangere le regole dietetiche autoimposte è probabile che provochi sensi di colpa, disgusto per se stessi o una compulsione verso la “purificazione” attraverso ulteriori privazioi o digiuni (2 Fonte3 Fonte ).

Viene dedicato molto tempo a verificare se determinati alimenti siano “puliti” o “puri” abbastanza. Ciò può includere preoccupazioni sull’esposizione delle verdure a pesticidi, prodotti lattiero-caseari integrati con ormoni e aromi o conservanti artificiali (4 Fonte).

Al di fuori dei pasti, i soggetti ortoressici possono dedicare tempo extra alla ricerca, alla catalogazione, alla pesatura e alla misurazione degli alimenti o alla pianificazione di pasti futuri.

Ricerche recenti riportano che questa costante preoccupazione per il cibo e la salute è collegata a una scarsa attitudine alla memoria (4 Fonte15 ).

Inoltre, le persone che vivono con l’ortoressia hanno meno probabilità di svolgere bene compiti che richiedono capacità di risoluzione dei problemi flessibili. Inoltre, sono meno in grado di concentrarsi sull’ambiente circostante, comprese le persone.

3. Effetti sociali

Gli individui con ortoressia non vogliono rinunciare al controllo quando si tratta di cibo (2 Fonte).

Spesso seguono anche regole rigorose e autoimposte che stabiliscono quali alimenti possono essere combinati in una seduta o consumati in particolari momenti della giornata.

Tali rigidi schemi alimentari possono rendere difficile prendere parte alle attività sociali che ruotano attorno al cibo, come cene o mangiare fuori .

Inoltre, i pensieri intrusivi legati al cibo e la tendenza a sentire le loro abitudini alimentari superiori possono complicare ulteriormente le interazioni sociali.

Ciò può portare all’isolamento sociale, che sembra essere comune tra le persone con diagnosi di ortoressia (2 Fonte attendibile3 Fonte attendibile).

Ortoressia significato: capire il problema e analizzare bene la sotuazione è il primo passo per capire come superare l’ortoressia

Come superare l’ortoressia

Le conseguenze dell’ortoressia possono essere gravi quanto quelle di altri disturbi alimentari. Se non trattati, possono causare danni irreversibili alla salute di una persona.

Il primo passo per superare l’ortoressia è identificare la sua presenza.

Questo può essere impegnativo, perché le persone che hanno questo disturbo hanno meno probabilità di riconoscere i suoi effetti negativi sulla loro salute, benessere o funzione sociale.

Una volta che un individuo è in grado di riconoscere questi effetti negativi, si consiglia di chiedere aiuto a un team multidisciplinare che comprende un medico, uno psicologo e un dietista.

I trattamenti comuni includono:

  • modifica del comportamento
  • ristrutturazione cognitiva
  • varie forme di allenamento per il relax

Infine, l’educazione sulle informazioni nutrizionali scientificamente valide può anche aiutare le persone che vivono con l’ortoressia a comprendere, limitare ed eventualmente eliminare le false credenze alimentari. (16 Fonte).

Esistono diversi modi per trattare l’ortoressia. Si consiglia vivamente di chiedere aiuto a un professionista.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto