energia nucleare germania ordine iodio

La Germania acquista 190 milioni di compresse di iodio per prepararsi ad un incidente nucleare

Sembra che qualcuno sia andato fuori di testa dopo aver guardato fuori di testa la serie Chernobyl della HBO: la Germania ha ordinato 190 milioni di compresse di iodio per prepararsi a potenziali emergenze nucleari in futuro.

La Germania fa scorta di iodio

La società farmaceutica austriaca Gerot Lannach si sarà stupita e non poco quando arrivò l’ordine: 50 milioni di pacchetti di compresse di iodio, il più grande nella storia dell’azienda. E il cliente? La Germania, un paese che ha promesso di eliminare gradualmente tutti i reattori nucleari entro il 2022.

Dopo le indagini del WDR, l’ordine solo apparentemente bizzarro è stato confermato dal governo tedesco. Le 190 milioni di compresse di iodio – quasi quattro volte quello che la nazione tedesca ha nel suo stoccaggio attuale – sono state acquistate come misura precauzionale per la prevenzione del cancro alla tiroide nei bambini e negli adolescenti in caso di grave incidente nucleare.

Tutta la Germania a rischio di emergenza nucleare

La base di questo maxi-ordine è una raccomandazione della Commissione sulla radioprotezione (SSK) a seguito del disastro di Fukushima. L’organismo consultivo federale ha proposto di espandere in modo significativo le “zone di emergenza” attorno alle centrali nucleari, e quindi il numero di potenziali destinatari di iodio.

I nuovi calcoli trasformano l’intero paese in una “zona remota”, il che significa che a tutti i giovani di età inferiore ai 18 anni, così come a tutte le donne in gravidanza, verrebbero fornite compresse di iodio. Secondo le autorità tedesche il raggio d’influenza degli agenti radioattivi sarebbe molto più esteso di quanto finora è stato supposto.

germania ordine iodio
L’assunzione di alte quantità di iodio dovrebbe evitare che il corpo assuma iodio radioattivo sprigionato dai reattori nucleari.

Le compresse di iodio impediscono l’assorbimento di iodio radioattivo

Sebbene non sia un farmaco anti-radiazioni stesso, se assunto in dosi elevate, lo iodio può impedire al corpo di ricevere lo iodio radioattivo a volte rilasciato durante gli incidenti del reattore. Lo fa “allagando” il corpo con così tanto innocuo iodio che cessa di assorbire lo iodio radioattivo dall’ambiente.

Recentemente ha fatto discutere l’esplosione avvenuta nel Mar Bianco in un poligono militare russo, con livelli di radiazioni – misurati nella città portuale di Severodvinsk – che hanno superato 16 volte la norma.

Nonostante il ritiro graduale della Germania dal programma di energia nucleare entro il 2022, l’SSK ritiene che il rischio di un drammatico incidente nucleare sia reale, principalmente a causa delle numerose centrali nucleari vicine ai confini della Germania. Secondo quanto riferito, le compresse di iodio sono costate al governo federale un totale di 8,4 milioni di euro. Si tratta del più grande ordinativo mai ricevuto dal gruppo farmaceutico austriaco Gerot Lannach Pharma GmbH.

LEGGI ANCHE:

Rischio sicurezza: tutti i problemi del nucleare francese

Energia nucleare: la Svizzera dice NO e chiude le centrali nucleari

Naoto Matsumora, l’uomo rimasto a Fukushima per salvare gli animali

La classifica dei 10 luoghi più radiattivi

Foto di Johannes Plenio di Pexels

compresse di iodio, germania, incidente nucleare, iodio, iodio radioattivo, prevenzione cancro alla tiroide


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto