fbpx
daikon radici nutrienti

7 radici nutrienti poco conosciute per ricette originali e gustose

Queste radici provengono dalle cucine popolari del mondo e sono una fonte di nutrienti da tenere in considerazione per incorporare nella nostra dieta. Porteranno nuovi sapori e consistenza.

Con loro possiamo realizzare salse, creme, condimenti o snack sani con grande potere saziante ed energia. Ideale per i mesi freddi.

Daikon

Daikon in giapponese significa “grande radice”, poiché alcuni esemplari possono misurare più di mezzo metro di lunghezza. Questa gigantesca varietà di ravanello, che assomiglia a una grande carota bianca, è un ingrediente essenziale nella cucina orientale.

Il suo sapore leggero e leggermente piccante si intensifica durante il sottaceto. È spesso usato come condimento e anche nelle ricette al curry o nel tradizionale sushi giapponese.

Fornisce enzimi digestivi che favoriscono la digestione dei cibi ricchi di amido. È preferibile scegliere i pezzi senza macchie ed evitare quelli grandi, solitamente fibrosi.

LEGGI ANCHE: Ricette con il daikon crudo

radici, nutrizione, ricette, cibo

Scorzonera o salsefrica nera

Questa radice unica, a volte conosciuta come salsefrica nera, è tipica del Mediterraneo spagnolo, anche se oggi il Belgio è il suo più grande esportatore.

Il suo interno è carnoso, morbido e ricco di succo che gli conferisce un aspetto gelatinoso. Ha un sapore molto particolare, alquanto dolce e leggermente nocciolato, ideale in padella con olio d’oliva.

Va comunque cucinato bene per migliorarne la digeribilità. L’acqua in cui è stata cotta è ottima per curare gotta e reumatismi.

La scorzonera non è facile da pulire o pelare, quindi è preferibile lessarla con la sua pelle e poi sbucciarla.

LEGGI ANCHE: Zuppa di miso: scopriamo la ricetta tradizionale giapponese e la versione vegana

radici, nutrizione, ricette, cibo

Sedano rapa

Questa radice sferica dalla buccia ruvida è un ingrediente molto apprezzato nella cucina francese per il suo sapore delicato, perfetto per aggiungere personalità alle insalate.

La sua fragranza, consumata cruda, ha ispirato piatti molto apprezzati, come la “remoulade” (sedano rapa grattugiato condito con maionese o senape). La sua carne, soffice e croccante, sostiene molto bene anche la cottura ed è ideale per zuppe, stufati e gratin.

Viene coltivato principalmente in Belgio, che destina metà della sua produzione al decapaggio. È ricco di fosforo, calcio e vitamina C.

radici, nutrizione, ricette, cibo

Pastinaca

È anche conosciuto con il nome di pastinaca. Questa radice aromatica, di colore cremoso e simile nell’aspetto alle carote, è una delle piante più antiche utilizzate dai popoli eurasiatici. Coltivata dai romani, può ancora essere trovato selvatico in tutta Europa, lungo i bordi delle strade o nelle terre desolate.

Il suo intenso sapore erbaceo lo rende ideale come ingrediente in stufati e stufati con cotture lente e prolungate, ma può essere consumato anche crudo. In Inghilterra viene servito arrostito come una patata.

LEGGI ANCHE: Zuppa vegana di pastinaca e rosmarino per scaldare l’inverno

Rapa svedese

radici, nutrizione, ricette, cibo

La rapa svedese appartiene allo stesso genere dei cavoli , le crucifere.

La sua buccia non commestibile può essere verde, viola o di un sorprendente colore rosso e la sua polpa biancastra è consistente e molto succosa.

Questo tubero originario del nord Europa è molto ricco di potassio e acido folico, che insieme al suo basso contenuto di sodio lo rende interessante come alimento per gli ipertesi.

Può essere consumato crudo in insalate e crudité, oppure cotto. Se conservato a lungo può diventare legnoso. Non supporta bene il congelamento.

radici, nutrizione, ricette, cibo

Rafano

Conosciuto anche come ravanello raifort, questa radice spessa è molto ricca di oli eterei e ricorda il wasabi giapponese. È ciò che fa, come la cipolla, causare un leggero strappo quando viene maneggiata.

Il suo sapore intensamente piccante viene notevolmente indebolito durante la cottura e, sebbene possa essere consumato crudo, viene spesso utilizzato come condimento nella preparazione di salse e creme.

Il grattugiato crudo può essere aggiunto al formaggio spalmabile. È molto digestivo poiché stimola i succhi gastrici.

LEGGI ANCHE: 6 ricette con le patate vegan e gluten free, semplici e veloci

Patata dolce

radici, nutrizione, ricette, cibo

Questa radice è coltivato da millenni nelle zone tropicali. Oggi è uno degli alimenti più diffusi al mondo, anche se in Europa si consuma poco.

È molto energico e ha fibre abbondanti, quindi dà una rapida sensazione di sazietà. Come la manioca, si possono preparare patatine.

Si conserva meglio degli altri tuberi (detto impropriamente, può durare diversi mesi in luogo fresco e asciutto). Tuttavia, non deve essere conservato in frigorifero.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter