antibiotico Amoxicillina

AIFA ritira lotti di antibiotico Amoxicillina Sandoz

E’ stato disposto il ritiro di 2 lotti dell’antibiotico Amoxicillina Acido Clavulanico della Sandoz , su comunicazione dell’Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco.

L’antibiotico Amoxicillina interessato al ritiro è impiegato per la terapia e cura di varie malattie e patologie come endocardite e otite.

Ritiro antibiotico Amoxicillina

I lotti ritirati dell’ antibiotico Amoxicillina sono:

  • lotto n. HT6108 OS35ML – AIC 036980148 con scadenza 02-2020
  • lotto n. JA9085 OS70ML – AIC 036980175 con scadenza 06-2020

Il provvedimento di ritiro è stato neso necessario sotto segnalazione dall’Egitto per la di grumi di polvere nel farmaco, ai sensi dell’art. 70 D. L.vo 219/2006.

Ritiri di antibiotici pericolosi

L’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) annuncia il ritiro di alcuni antibiotici pericolosi distribuiti in farmacia e mette in guardia effetti che potrebbero causare danni ai tessuti umani, in particolare a muscoli e ossa.

“Sono state segnalate con gli antibiotici chinolonici e fluorochinolonici reazioni avverse invalidanti, di lunga durata e potenzialmente permanenti, principalmente a carico del sistema muscoloscheletrico e del sistema nervoso”.

Dichiarazioni e raccomandazioni dell’AIFA sull’antibiotico Amoxicillina e su altri antibiotici

L’allarme dell’AIFA è per questi medicinali contenenti fluorochinoloni (ciprofloxacina – levofloxacina – moxifloxacina – pefloxacina – prulifloxacina – rufloxacina – norfloxacina – lomefloxacina). Pochi giorni fa era uscito un articolo su ” Il Salvagente” che denunciava proprio i problemi derivanti da un medicinale ancora in vendita sui banchi delle farmacie italiane.

Si raccomanda di non prescrivere questi medicinali “per il trattamento di infezioni non gravi o autolimitanti (quali faringite, tonsillite e bronchite acuta); per la prevenzione della diarrea del viaggiatore o delle infezioni ricorrenti delle vie urinarie inferiori; per infezioni non batteriche, per esempio la prostatite non batterica (cronica).

E inoltre: per le infezioni da lievi a moderate (incluse la cistite non complicata, l’esacerbazione acuta della bronchite cronica e della broncopneumopatia cronica ostruttiva – BPCO, la rinosinusite batterica acuta e l’otite media acuta), a meno che altri antibiotici comunemente raccomandati per queste infezioni siano ritenuti inappropriati; ai pazienti che in passato abbiano manifestato reazioni avverse gravi ad un antibiotico chinolonico o fluorochinolonico“.

Il ruolo del personale medico e le categorie sensibili

Ai dottori è stato indicato di somministrare questi antibiotici pericolosi “con particolare prudenza agli anziani, ai pazienti con compromissione renale, ai pazienti sottoposti a trapianto d’organo solido ed a quelli trattati contemporaneamente con corticosteroidi, poiché il rischio di tendinite e rottura di tendine indotte dai fluorochinoloni può essere maggiore in questi pazienti. Dev’essere evitato l’uso concomitante di corticosteroidi con fluorochinoloni”.

I malati devono essere quindi assolutamente informati “d’interrompere il trattamento ai primi segni di reazione avversa quale tendinite e rottura del tendine, dolore muscolare, debolezza muscolare, dolore articolare, gonfiore articolare, neuropatia periferica ed effetti a carico del sistema nervoso centrale, e di consultare il proprio medico per ulteriori consigli”.

LEGGI ANCHE:

Resistenza batterica: gli antibiotici perdono efficacia

Farmaci pericolosi: la lista della ONG francese Prescrire

Farmaci contraffatti: un mercato più grande della droga

Farmaci antidepressivi: è boom tra gli italiani

Perchè la nimesulide non è stata ancora ritirata dal mercato italiano dei farmaci?

Antibiotici Naturali: 3 ricette senza effetti collaterali

Aifa, antibiotici pericolosi, antibiotico Amoxicillina, danni ai tessuti umani, danni permanenti, ritiro antibiotici


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto