Home Alimentazione Biologica Cibi antinfiammatori per stare meglio e sentirsi meno gonfi

Cibi antinfiammatori per stare meglio e sentirsi meno gonfi

3123
0
CONDIVIDI

L’infiammazione è un meccanismo che può presentarsi in qualsiasi parte del corpo, in maniera manifesta ma anche latente. In questa sede, abbiamo parlato di infiammazioni articolari, muscolari. Esiste però anche un altro tipo di infiammazione, che riguarda il nostro organismo e che non fornisce molti segni evidenti della sua presenza. Si tratta di un’infiammazione cronica, causa molto spesso di numerose patologie, più o meno gravi, e di molteplici disturbi come gonfiore addominale, patologie della pelle, affaticamento fisico e mentale.

Una dieta bilanciata è fatta anche e soprattutto di cibi antinfiammatori, necessari per ridurre questa condizione.

Sembra che l’infiammazione cronica sia anche responsabile di alcuni meccanismi che incidono sul controllo del peso, che mandano in tilt il metabolismo e la capacità di indurre e avvertire il senso di sazierà.

È di essenziale importanza quindi curare e soprattutto prevenire gli stati infiammatori cronici del nostro organismo.

Come per ogni cosa, la prevenzione inizia dalla tavola. Vediamo allora quali cibi possono contribuire ad aumentare e quali a placare le infiammazioni del nostro corpo.

cibi antinfiammatori

Legumi e cereali integrali

Legumi e cereali integrali aiutano a controllare la risposta insulinica del nostro corpo connessa con l’aumento generale dell’infiammazione dell’organismo; inoltre, migliorano globalmente lo stato di salute. Molto importante l’uso del riso integrale che contiene sostanze come la tricina che contrastano l’azione di agenti direttamente connessi ai processi infiammatori.

Olio extravergine d’oliva

Elemento essenziale della dieta mediterranea, l’olio extravergine d’oliva protegge il cuore, abbassa i livelli di colesterolo cattivo e placa l’infiammazione generale. Per poter usufruire delle sue proprietà è consigliabile utilizzarlo “a crudo”. Questo alimento sembra contenere anche una particolare sostanza, chiamata oleocantale, a cui sono attribuite proprietà più potenti dell’ibuprofene.

Tè verde

Abbiamo parlato più volte delle molteplici proprietà del tè verde. Questo infuso è considerato un ottimo antisettico e antinfiammatorio naturale, grazie soprattutto alla quantità di antiossidanti in esso contenuti. In particolare, contiene un polifenolo, chiamato EGCG (Epigallocatechina gallato), che lo rende un efficace brucia grassi e aiuta a inibire l’azione dell’inteleuchina-8, una molecola coinvolta nel processo infiammatorio dell’organismo.

Cipolle rosse

Cipolle, ma anche aglio, contengono buone quantità di antiossidanti che combattono lo stress ossidativo. Basta aggiungerne un po’ nei piatti o, in particolare le cipolle, usarle per delle ottime insalate. Al loro interno questi alimenti contengono infatti sostanze con specifiche capacità antinfiammatorie e antibiotiche.

Mirtilli

I mirtilli sono un frutto eccezionale, utilissimo per combattere lo stress ossidativo, proteggere i capillari, favorendo l’ossigenazione dei tessuti del nostro corpo. Inoltre, sono ricchi di polifenoli, utili a rimuovere i sintomi dell’infiammazione.

Ribes Nero

Quando si parla di stati infiammatori, non si può far a meno di parlare anche di ribes nero. Dal ribes nero, ad esempio, abbiamo visto come si estragga la tintura madre, molto utilizzata negli stati allergici e infiammatori, al posto del più comune cortisone. Se assunto con regolarità nell’alimentazione, sotto forma di frutto, il ribes nero funge da “ agente protettivo” contro le infiammazioni.

Curcuma

In cucina l’uso delle spezie è essenziale per insaporire i piatti, ma è essenziale anche e soprattutto per la cura del nostro benessere. Sappiamo infatti come curcuma, zenzero, origano e cannella siano spezie con una potente azione antinfiammatoria. Soprattutto la curcuma, le cui proprietà sono state confermate da numerosi studi.

Cibi ricchi di grassi omega-3

I grassi omega-3 esplicano un’importante azione antinfiammatoria. Sono contenuti nella frutta secca, in alcuni tipi di pesce e nei semi di lino. Particolarmente indicato il consumo di mandorle che favorisce il riequilibrio dei trigliceridi e riduce molte citochine infiammatorie. Sempre meglio non abusarne comunque, visto l’elevato apporto calorico.

 

In linea generale, tra i cibi più indicati per ridurre l’infiammazione cronica del nostro organismo troviamo la frutta e la verdura a foglia verde scura. Questo grazie al loro prezioso contenuto di vitamine: la C e la E che fungono da antiossidanti essenziali per l’organismo, e la K molto efficace nel ridurre l’infiammazione.

Sì quindi ad arance, ciliegie, melograni, mele, mirtilli, pompelmi, ma anche a broccoli, carote, cavoli, cipolle, funghi shiitake, lattuga romana, peperoni, pomodori e frutta secca. No invece ai junk food, allo zucchero, ai cibi raffinati e ricchi di conservanti.

Se volete approfondire ulteriormente l’argomento su come disinfiammare e disintossicare il nostro corpo, soprattutto dopo il periodo invernale, potete farlo leggendo l’articolo: http://ambientebio.it/dieta-disintossicante-e-antinfiammatoria-per-il-corretto-funzionamento-del-nostro-organismo/

(Foto in evidenza: Aurimas Adomavicius; Foto interna: DaveOnFlickr)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here