industria agroalimentare

Industria agroalimentare intensiva: una gigantesca fabbrica di nuovi virus

In questo momento, mentre l’umanità fatica a trovare una cura contro un virus che ha portato al confinamento e al collasso della sua economia, in una fattoria del pianeta, di proprietà di un conglomerato agroindustriale che ospita centinaia o migliaia di uccelli, bovini o maiali, viene prodotto il prossimo virus, uguale o più letale di quello attualmente in lotta. È così forte il messaggio di Silvia Ribeiro, direttrice per l’America Latina del gruppo d’azione sull’erosione, la tecnologia e la concentrazione (ETC).

In un’intervista, l’attivista uruguaiano avverte che le strutture normative che il Messico ha dato per la creazione di grandi aziende nel settore agroalimentare lo rendono, insieme a nazioni come Argentina, Brasile, Stati Uniti e Cina, uno dei punti potenziali dove può germogliare il virus che causa la prossima pandemia.

Nelle strutture di queste grandi aziende c’è un massiccio allevamento di animali ricchi di antibiotici. Funzionano come una specie di terreno fertile per virus e batteri altamente resistenti, diventando fabbriche per loro. Al momento un nuovo virus potrebbe riprodursi o promuoverne l’evoluzione.

Le cattive pratiche dell’allevamento intensivo

Ha spiegato che un produttore di carne internazionale, ad esempio, ha migliaia di bovini in condizioni di sovraffollamento, ai quali vengono iniettati più antibiotici per renderli non solo resistenti alle malattie, ma anche per accelerarne la crescita, causando virus e batteri che accumularsi diventano sempre più resistenti.

In questo momento questi virus non vengono trasmessi all’uomo, ma quando si incrociano con altri animali, come maiali o alcuni animali selvatici, ad esempio un pipistrello, può evolversi, il virus diventa zoonotico, cioè con la capacità di infettare le persone. ; Il 75% delle nuove malattie è zoonotico e la maggior parte proviene dall’allevamento indiscriminato di animali.

Un esempio del rischio a cui l’umanità è attualmente esposta, ha affermato Ribeiro, è la peste suina africana, una pandemia che ha ucciso milioni di maiali solo in Cina e che, sebbene non sia trasmessa alle persone, può creare stragi di animali.

In questo momento, un’altra simile pandemia sarebbe devastante ed è qualcosa che le grandi aziende non vogliono capire.

Le multinazionali alimentari padroni del mondo

Secondo l’  Atlante dell’agroindustria 2019 , preparato dalla fondazione tedesca Heinrich Böll, le 50 più grandi multinazionali alimentari rappresentano il 50% delle vendite mondiali sul campo ed è proprio queste che crescono di più. I primi 10 sono:

Molti di loro operano in Messico, con allevamenti di polli, suini o bovini. A questi si aggiungono le transnazionali messicane, come Gruma, Bimbo e Bachoco.

Il direttore dell’America Latina del gruppo ETC ha sottolineato che il problema non riguarda solo le società transnazionali che allevano animali, ma anche quelle che producono cibo. In effetti, tutto è diventato un affare rotondo. Una società transnazionale ha divisioni per l’alimentazione animale, le vendite di carne e persino i prodotti farmaceutici.

Ha spiegato che un chiaro esempio è l’American Cargill (con attività in Messico), l’azienda numero uno al mondo nella distribuzione di cereali, semi oleosi e cereali, e allo stesso tempo è la terza al mondo nella produzione di carne.  

virus, cibo, industria alimentare, specie transgeniche e selvatiche, animali, fattorie

Il Messico non ha imparato la lezione

Nel 2009 il Messico è diventato l’epicentro della pandemia di influenza A / H1N1, dopo che il virus è scoppiato in allevamenti di suini a Veracruz nelle Carroll Farms, di proprietà della multinazionale americana Smithfield (ora di proprietà della cinese Shuanghui); tuttavia, più di 10 anni dopo, Ribeiro ha detto, la lezione non è stata appresa.

L’arrivo indiscriminato delle aziende agroalimentari è avvenuto dopo la firma dell’accordo di libero scambio perché in Messico il regolamento non era così stringente. Il primo avvertimento è stato l’influenza del 2019, quindi non è stato fatto nulla per correggere il sistema. Al contrario, ora, con l’aggiornamento di tale accordo, le regole sono ancora più flessibili.

Così con questa apertura, senza tener conto delle conseguenze, si può pensare Messico come un focolaio della prossima pandemia.

Il Messico era già l’origine della pandemia di influenza suina e da allora nulla è cambiato. Al contrario, i vivai sono aumentati. È un nuovo pericolo per la fonte potenziale di un nuovo virus. Tuttavia, non è l’unico. Ci sono anche Stati Uniti, Cina, Argentina e Brasile, dove si trova JBS, il più grande allevatore di polli del mondo.

La speranza: un futuro di piccoli produttori

Per l’attivista, l’unica soluzione, non solo per il Messico ma a livello internazionale, è un cambio radicale di timone, incentrato sullo smantellamento del sistema delle grandi società e sul sostegno ai piccoli produttori, che attualmente alimentano il 70 percento della popolazione.

È un problema che dovrebbe essere portato alle Nazioni Unite, ma è complicato. Queste aziende sono così grandi che hanno un’enorme influenza sui governi. Ad esempio, proprio ora stanno dicendo alle Nazioni Unite che, di fronte alla pandemia, devono sostenerle, perché sarà necessario più cibo che mai, ha detto.

Quanto precede, ha affermato, è assurdo, perché proprio le multinazionali agroalimentari sono legate alla maggior parte dei decessi non infettivi, poiché i loro prodotti, spesso geneticamente modificati e ricchi di calorie, causano cancro, diabete, ipertensione e altre malattie.

È significativo come siano già collegati alla maggior parte delle morti non infettive e ora, con le loro fabbriche di virus, si aggiungerebbero anche quelle infettive.

Per Ribeiro, Covid-19 ha rivelato lo smantellamento dei sistemi sanitari e la loro privatizzazione, che, sottolinea, deve essere urgentemente corretta, ma l’umanità deve anche essere consapevole del pericolo rappresentato dall’industrializzazione senza freni. Il rischio che corre è molto alto. Quello che sta succedendo è assurdo. Questo sistema, che avvantaggia solo le grandi società, deve essere fermato.

Ecoportal.net


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.