vaccini coronavirus

Le grandi aziende farmaceutiche si preparano a trarre profitto dal Coronavirus

Poiché il nuovo coronavirus diffonde malattie, decessi e catastrofi in tutto il mondo, praticamente nessun settore economico è stato risparmiato dai danni. Tuttavia, nel mezzo del caos della pandemia globale, un’industria non solo sopravvive, ma ne beneficia enormemente.

” Le aziende farmaceutiche considerano Covid-19 un’opportunità commerciale unica nella vita”, ha affermato Gerald Posner, autore di “Pharma: Greed, Lies, and the Poisoning of America “. Il mondo ha bisogno di prodotti farmaceutici, ovviamente. Per la nuova epidemia di coronavirus, in particolare, abbiamo bisogno di trattamenti e vaccini e, negli Stati Uniti, di test. Dozzine di aziende ora competono per realizzarle.

” Sono tutti in quella gara”, ha detto Posner, aggiungendo che i potenziali benefici sono enormi. La crisi globale “sarà potenzialmente un successo al botteghino per l’industria farmaceutica in termini di vendite e profitti”, ha aggiunto, aggiungendo che “peggiore è la pandemia, maggiori sono gli eventuali profitti “.

Un mega budget nel quale fare breccia

Con l’attuale crisi, i produttori farmaceutici potrebbero avere un margine ancora maggiore del solito. I lobbisti del settore sono riusciti a inserirsi nel pacchetto da $ 8,3 miliardi approvato per la spesa del coronavirus.

La capacità di guadagnare denaro dai prodotti farmaceutici è già eccezionalmente grande negli Stati Uniti, perché il paese manca dei meccanismi di controllo dei prezzi di base di altri paesi, dando alle aziende farmaceutiche una maggiore libertà di fissare i prezzi dei loro prodotti, rispetto a qualsiasi altra parte del mondo. 

Ora, con l’attuale crisi, i produttori farmaceutici potrebbero avere ancora più margine del solito, perché i lobbisti del settore sono riusciti a inserirsi nel pacchetto da $ 8,3 miliardi, approvato la scorsa settimana per la spesa del coronavirus .

Inizialmente, alcuni legislatori avevano cercato di assicurarsi che il governo federale avrebbe limitato il numero di aziende farmaceutiche che potevano fornire vaccini e trattamenti per il nuovo coronavirus, che avevano sviluppato con l’uso di fondi pubblici.

A febbraio, il rappresentante Jan Schakowsky, D-Ill. E altri membri della Camera, hanno scritto a Trump chiedendogli di ” garantire che qualsiasi vaccino o trattamento sviluppato con i dollari dei contribuenti statunitensi sia accessibile, disponibile e conveniente ” .

Le prerogative delle società farmaceutiche

Un obiettivo che hanno affermato non potrebbe essere raggiunto ” se le società farmaceutiche hanno l’autorità di stabilire i prezzi e determinare la distribuzione, ponendo gli interessi a scopo di lucro al di sopra delle priorità sanitarie “.

Quando fu negoziato il finanziamento per il coronavirus, Schakowsky ci riprovò. Il 2 marzo, ha scritto al segretario alla salute e ai servizi umani, Alex Azar, affermando che sarebbe “inaccettabile se i diritti di produzione e commercializzazione del vaccino fossero successivamente consegnati a un produttore farmaceutico con una licenza esclusiva, senza condizioni di prezzo o l’accesso, che consentirebbe all’azienda di addebitare ciò che desidera, il che significa essenzialmente vendere il vaccino al pubblico che ha pagato per il suo sviluppo. “

Ma molti repubblicani si sono opposti all’aggiunta di un emendamento al disegno di legge che limiterebbe la capacità del settore di realizzare profitti, sostenendo che avrebbe soffocato la ricerca e l’innovazione. E sebbene Azar, (che è stato il principale lobbista e capo operativo americano del gigante farmaceutico Eli Lilly prima di entrare nell’amministrazione Trump), ha assicurato a Schakowsky di condividere le sue preoccupazioni, tuttavia, il definitiva ha continuato a garantire la capacità delle aziende farmaceutiche di fissare prezzi potenzialmente esorbitanti per vaccini e farmaci sviluppati con il denaro dei contribuenti.

Il pacchetto di aiuti finali non solo ha omesso la voce che limita i diritti di proprietà intellettuale ai produttori di farmaci, ma ha anche omesso il testo, che era stato incluso in una bozza precedente e che permetteva al governo federale di intraprendere qualsiasi azione, se si temeva che i prezzi o i vaccini sviluppati pubblicamente fossero troppo alti.

LEGGI ANCHE: Il governo regala i dati sanitari degli italiani alla IBM

La pandemia di Coronavirus non cambia le cose

” Quei lobbisti meritano una medaglia dai loro clienti farmaceutici, perché hanno ucciso quella disposizione contro la proprietà intellettuale “, ha detto Posner, aggiungendo che l’omissione dal testo che consente al governo di rispondere agli aumenti dei prezzi era ancora peggio. ” Permettere loro di avere questo potere durante una pandemia è scandaloso .”

La contraddizione che non va giù a Posner è questa: società private che realizzano profitti esorbitanti da medicinali prodotti con fondi pubblici. 

vaccini, prodotti farmaceutici, COVID-19, virus, pandemia, coronavirus

La verità è che trarre vantaggio dagli investimenti pubblici è anche un’attività regolare per l’industria farmaceutica. Secondo i calcoli di Posner, dagli anni Trenta, il National Institutes of Health ha investito circa 900 miliardi di dollari in ricerca, utilizzata dalle aziende farmaceutiche, per brevettare i farmaci di marca.

Secondo il Patient Advocacy Group for Affordable Medicines, ogni farmaco approvato dalla FDA tra il 2010 e il 2016 prevedeva una ricerca finanziata con dollari fiscali, attraverso il NIH. I contribuenti hanno speso più di $ 100 miliardi per questa ricerca.

Tra i medicinali che sono stati sviluppati con alcuni fondi pubblici e trasformati in grandi entrate per le società private, ci sono l’AZT, un farmaco per l’HIV; e il trattamento del cancro di Kymriah, che  Novartis  ora vende per $ 475.000.

Il libro di Posner scava a fondo sul tema dei fondi pubblici e delle lobbies

Nel suo libro “Pharma”, Posner indica un altro esempio di società private che ricavano profitti esorbitanti da droghe prodotte pubblicamente. Il farmaco antivirale sofosbuvir, utilizzato per il trattamento dell’epatite C, è nato da ricerche chiave finanziate dal National Institutes of Health.

Quel farmaco è ora di proprietà di  Gilead Sciences , che fa pagare $ 1.000 per pillola, più di quanto le persone con l’epatite C possono permettersi. Gilead ha guadagnato $ 44 miliardi dalla vendita di questo farmaco, durante i suoi primi tre anni sul mercato.

Non sarebbe bello se alcuni dei profitti derivanti da quei farmaci tornassero alla ricerca pubblica del NIH ?” Chiese Posner.

Al contrario, il ricavato ha finanziato enormi premi per i dirigenti delle compagnie farmaceutiche e un marketing aggressivo per i consumatori. Sono stati inoltre utilizzati per aumentare ulteriormente la redditività del settore farmaceutico. Secondo i calcoli di Axios, le aziende farmaceutiche realizzano il 63% dei profitti sanitari totali negli Stati Uniti. Ciò è dovuto in parte al successo degli sforzi dei lobbisti.

Solo nel 2019, l’industria farmaceutica ha speso $ 295 milioni per tutelare le istanze delle corporazioni lobbistiche farmaceutiche presso il congresso. Questo è molto più di quello investito nelle attività di lobbying da qualsiasi altro settore economico nel Paese: è quasi il doppio di quello speso dal settore dell’elettronica (il secondo gruppo che spende di più in attività di lobbismo); rispetto al settore manifatturiero e delle attrezzature, e molto più del doppio di quanto spendono le compagnie petrolifere e del gas.

L’industria farmaceutica è anche molto generosa nei suoi contributi elettorali a legislatori sia democratici che repubblicani. Durante le primarie democratiche, Joe Biden ha guidato il pool di contributi delle industrie farmaceutiche e sanitarie.

trump

Salgono azioni e prezzi dei farmaci

La grande spesa  farmaceutica  ha posizionato bene l’industria nell’attuale pandemia. Mentre i mercati azionari sono crollati in risposta alla crisi dell’amministrazione Trump, oltre 20 aziende che lavorano allo sviluppo di un vaccino e altri prodotti correlati al nuovo virus SARS-CoV-2, sono stati risparmiati notevolmente.

I prezzi delle azioni della moderna società biotecnologica sono saliti alle  stelle quando la società ha iniziato a reclutare volontari per fare studi clinici sul suo nuovo candidato per un vaccino contro il coronavirus due settimane fa.

Gli ex lobbisti principali di  Eli Lilly  e  Gilead  ora fanno parte  della Task Force del Coronavirus della Casa Bianca.

Giovedì, in una giornata di carneficina generale nei mercati azionari,  anche le azioni di  Eli Lilly hanno beneficiato di una spinta, dopo che la società ha annunciato che si stava unendo allo sforzo di ideare la terapia per il nuovo coronavirus. E ‘anche molto in salute l’ azienda  Gilead Sciences , che sta lavorando a un possibile trattamento per COVd-19. Il prezzo delle azioni  di Gilead  era già aumentato da quando la notizia che il suo farmaco antivirale remdesivir, creato per trattare l’Ebola, veniva somministrato a pazienti con Covid-19.

Dopo che il  Wall Street Journal ha  riferito che il farmaco ha avuto un effetto positivo su un piccolo numero di passeggeri infetti, inoltre, il prezzo è aumentato ulteriormente.

Diverse aziende, tra cui  Johnson & Johnson, DiaSorin Molecular  e  QIAGEN  hanno chiarito che stanno ricevendo finanziamenti dal Dipartimento della salute e dei servizi umani per il lavoro relativo alla pandemia, ma non è chiaro se  Eli Lilly e Gilead Sciences  stiano usando i soldi del governo per il suo lavoro sul virus. 

Ad oggi, HHS non ha rilasciato un elenco di destinatari delle sovvenzioni. E secondo Reuters, l’amministrazione Trump ha detto ai principali funzionari sanitari di trattare le discussioni sul coronavirus in modo di escludere altri dipendenti senza autorizzazioni di sicurezza dalle discussioni sul virus.

Gli ex lobbisti principali di  Eli Lilly  e  Gilead  ora fanno parte  della Task Force del Coronavirus della Casa Bianca Azar è stato nominato direttore delle operazioni di Eli Lilly per gli Stati Uniti  e ha fatto pressioni per l’azienda, mentre Joe Grogan, che ora ricopre la carica di direttore del National Policy Council, è stato il principale lobbista di  Gilead Sciences.

Di Sharon Lerner

fonte


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.