Home Salute Influenza suina: Novartis sospettata di aver gonfiato il prezzo dei vaccini

Influenza suina: Novartis sospettata di aver gonfiato il prezzo dei vaccini

4706
0
CONDIVIDI
Novartis accusata di aver gonfiato il prezzo dei vaccini contro l'influenza suina

Ancora guai per Novartis. L’azienda farmaceutica è accusata di aver gonfiato del 500% il valore dei vaccini contro l’influenza suina

Ancora problemi per l’azienda farmaceutica Novartis. Dopo che il 28 maggio scorso il ministero della Sanità ha chiesto a Novartis, e a Roche, un risarcimento di 1,2 miliardi di euro per il presunto comportamento anticoncorrenziale nella vendita di farmaci per la cura degli occhi, spuntano altre importanti accuse legate ai vaccini contro l’influenza suina.

La procura di Siena ha infatti ipotizzato nei confronti di uno dei manager di Novartis, il reato di truffa aggravata nell’ambito della fornitura del vaccino contro la malattia.

Influenza suina, ma quanto mi costi?

Secondo gli investigatori, nel 2009, l’azienda avrebbe “gonfiato” il valore dei vaccini. In questo modo, avrebbe ottenuto un risarcimento ben più consistente del dovuto. La cifra, ipotizza l’accusa, sarebbe stata calcolata sul prezzo fittizio di un componente essenziale del vaccino: l’adiuvante MF59. Il costo sarebbe stato sostenuto attraverso una serie di sovra-fatturazioni fra le società del gruppo.

All’epoca dei fatti, il timore dello sviluppo di epidemie di influenza suina, legate al virus A-H1N1, raggiunse anche l’Italia. L’allora governo decise così di sottoscrivere con la multinazionale del farmaco, un contratto per la fornitura di 24 milioni dosi di vaccino. Il corrispettivo, in termini monetari, era di 184 milioni e 800 mila euro.

All’inizio dell’anno successivo, visto che la presunta emergenza era rientrata, ricorda Repubblica, il ministero chiese a Novartis di interrompere la fornitura di vaccini non ancora prodotti. In seguito a un ricorso al Tar, fu avviata una pratica negoziale conclusasi con la firma di una transazione. La Novartis doveva essere rimborsata con un indennizzo di 19 milioni 892 mila 254 euro, per la mancata produzione delle dosi residue di vaccino.

Farmaci gonfiati del 500%

Secondo l’accusa, il valore del prodotto sarebbe stato gonfiato, creando un danno economico erariale di oltre 16 milioni di euro. Il ricarico del farmaco sarebbe stato del 500% (3.964 euro al litro invece che 660). Gli investigatori, si legge sulle agenzie di stampa, ipotizzano che “sia stato gonfiato il prezzo non soltanto in fase di risarcimento del danno, quando il ministero chiese lo stop della fornitura, ma anche all’origine, quando venne stipulato il contratto d’acquisto”.

Nella giornata di venerdì, i Nas di Firenze hanno perquisito le sedi di Novartis di Siena e Origgio (Varese).

Le perquisizioni disposte dalla procura di Siena mirerebbero ad appurare se vi siano state irregolarità anche nel determinare il prezzo del vaccino influenzale stagionale Fluad. Sia Fluad che Focetria, il vaccino contro l’H1N1, acquistati dal ministero, hanno come adiuvante l’Mf59.

La reazione di Novartis

Dal canto suo, Novartis si difende dalle accuse attraverso una nota diffusa alla stampa. “In merito alle perquisizioni in corso nelle sedi del gruppo farmaceutico Novartis, a Siena e a Origgio, l’azienda desidera sottolineare che il suo operato è – ed è sempre stato – improntato al pieno rispetto della legge e delle disposizioni vigenti. Novartis rinnova la sua disponibilità a collaborare pienamente con le autorità competenti, verso le quali nutre la massima fiducia”. Questo quanto dichiarato dall’azienda.

Si attendono ulteriori sviluppi della vicenda.

(Foto: @alviseni)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here