Home Green Economy In India il più grande impianto ibrido solare-eolico mai concepito prima d’ora

In India il più grande impianto ibrido solare-eolico mai concepito prima d’ora

651
0
CONDIVIDI
impianto ibrido solare-eolico

L’India punta tutto sulle rinnovabili e si prepara a costruire un mega impianto ibrido solare-eolico. È il complesso più grande mai progettato fino a oggi

L’India scende in campo nel settore delle rinnovabili con uno dei progetti più ambiziosi di sempre, la costruzione dell’impianto ibrido solare-eolico più grande del mondo. Il Ministero indiano per le energie nuove e rinnovabili ha annunciato la realizzazione dell’opera che troverà collocazione nel distretto di Anantapur, nello stato dell’Andhra Pradesh. Si tratta di una perfetta, visto che è particolarmente ventilata.

Ecco cosa prevede il mega progetto e quali problemi risolverà per gli abitanti dell’area.

Il più grande impianto ibrido solare-eolico mai progettato fino a oggi

L’enorme impianto ibrido solare-eolico avrà una capacità di 160 megawatt, 120 megawatt prodotti grazie all’energia solare e gli altri 40 megawatt attraverso l’energia eolica. Si tratta di un progetto molto ambizioso, che occuperà circa mille acri di terreno (più di 400 ettari) e, si prevede, funzionerà h24.

Caratteristiche dell’impianto ibrido solare-eolico

La speranza è che questo nuovo progetto consenta ai residenti di Anantapur di avere una fornitura di energia stabile. In passato, infatti, il distretto ha dovuto lottare con flussi di energia fluttuanti e problemi di potenza, strettamente legati alle condizioni climatiche.

Come riuscirà il nuovo impianto ibrido solare-eolico a risolvere i problemi di discontinuità nella fornitura?

Attraverso l’integrazione di batterie, il complesso permetterà di stoccare l’energia prodotta in condizioni climatiche favorevoli. La centrale, infatti, sarà dotata di un sistema accumulo della portata di 40 MWh. Questo dovrebbe garantire la disponibilità di corrente elettrica anche durante le ore notturne, quando il sole non c’è e la velocità del vento diminuisce.

Energia a basso costo

Se il progetto pilota sarà all’altezza delle aspettative, si provvederà a servire altre aree dell’Andhra Pradesh.

Il progetto sarà realizzato congiuntamente dalla Solar Energy Corporation of India (SECI), APTransco e AP Nedcap. Non è la prima volta che si sperimenta un tipo di soluzione del genere, capace di unire insieme varie fonti di energia pulita, ma non è mai stato progettato un impianto ibrido solare-eolico di tale portata.

Oltre alla grandezza della centrale, però, la cosa interessante riguarda anche i finanziamenti ricevuti per realizzarla. L’impianto, infatti, riceverà i fondi della Banca Mondiale. Secondo gli analisti di Cleantechnica si tratta di un dettaglio di un certo rilievo. Si pensa, infatti, che le tariffe elettriche saranno così basse, da competere con quelle proposte dalle centrali termoelettriche a carbone in funzione nel Paese.

Un aiuto non indifferente al raggiungimento dell’obiettivo di produrre 10 GW di energia solare entro il 2022 e 8 GW di vento. 

LEGGI ANCHE: Altra esperienza indiana nel campo della green energy

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here