zero waste imballaggi in plastica

Divieto di imballaggi in plastica: l’annuncio del nuovo commissario all’Ambiente Sinkevicius

La Commissione europea è pronta a vietare gli imballaggi in plastica, esaminando possibili nuove normative, allo scopo di ridurre i rifiuti in plastica e contaminazioni ambientali da microplastica.

A rivelarlo Virginijus Sinkevicius, neo commissario all’Ambiente e agli oceani della Commissione von der Leyen, in un’intervista rilasciata al noto quotidiano tedesco Die Welt.

Dopo piatti, posate, cotton fioc, cannucce, palloncini e altri oggetti in plastica monouso, l’Ue, dal 2021, potrebbe mettere al bando anche gli imballaggi in plastica, imponendo l’utilizzo di soluzioni alternative (uso di plastica riciclata) o comunque più sostenibili.

La lotta alla plastica dell’Ue va ben oltre, affrontando il tema delle bioplastiche, con obblighi per le aziende di trovare alternative volte a ridurre il potenziale di liberazione di particelle inquinanti da cosmetici, pneumatici e altri prodotti.

La direttiva Ue sulle plastiche monouso

Quando la direttiva Ue sulle plastiche monouso entrerà ufficialmente in vigore, dal 2021, punterà a ridurre le emissioni di CO2 di 3,4 milioni di tonnellate, scongiurando danni ambientali per un costo equivalente a 21 miliardi di euro entro il 2030.

Bruxelles, in tutto ciò, smentisce le accuse di costi aggiuntivi per la popolazione.

Secondo le stime di Bloomberg, potrebbe essere notevole la ricaduta di queste scelte ecologiche su un settore, quale l’industria della plastica, che vale circa 10 miliardi di euro.

I progetti anti-plastic illustrati da Sinkevicius

Il giovane 29enne Sinkevicius, al giornale teutonico, ha ben illustrato i progetti anti-plastic della Commissione europea, impegnata a mandare in soffitta per sempre i packaging in plastica, istituendo nuovi paletti per tutti i produttori del settore.

Così facendo, a detta di alcuni, verrebbe minacciato un mercato con polipropilene e polistirene tra le materie plastiche più esposte alla tagliola.

Il problema microplastiche

Nella chiacchierata al Die Welt, l’esponente del partito dei Verdi lituani ha parlato non solo del divieto di imballaggi in plastica, ma di un ulteriore “giro di vite” all’orizzonte, volto a ridurre la microplastica nei prodotti di bellezza e nei copertoni.

Entro fine anno verrà stilata, a suo dire, un lista dettagliata di tutti i prodotti contenenti microplastiche o che le utilizzano.

Dal 2021 non saranno più utilizzabili piatti in plastica, cotton fioc, cannucce e altri prodotti con tale materiale

La conclusione del Commissario all’Ambiente Sinkevicius

Il nuovo commissario all’ambiente ha, infine, chiosato: “Fintanto che le aziende parteciperanno e sosterranno il progetto a zero inquinamento, sicuramente non fisseremo alcun obiettivo dall’alto che tutti devono raggiungere. Dobbiamo offrire alternative all’industria e le aziende devono trovare le soluzioni giuste per loro e quindi investire nelle tecnologie necessarie per ottenere obiettivi prefissati. Questo è l’unico modo per garantire la competitività sul mercato continentale e globale”.

Die Welt, direttiva Ue sulle plastiche monouso, divieto di imballaggi in plastica, microplastica, Virginijus Sinkevicius

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto