zero waste settimana boicottare cibo imballato

Zero Waste e l’appello per boicottare tutti gli imballaggi di plastica per una settimana. #boicotalplastic

Scriviamo da queste colonne ormai da circa 10 anni, e chi ci segue da tempo sa che innumerevoli volte abbiamo parlato del problema della plastica e chiediamo un cambio di passo verso una legislazione che metta al bando la plastica monouso e gli imballaggi di plastica per salvare l’ambiente.

L’Europa ha recentemente fatto qualcosa, un piccolo passo ma significativo, che speriamo tutti possa servire per il futuro del pianeta: ma sicuramente non basta.

Immaginiamoci che davvero TUTTI, riusciamo a “spegnere” questa assurda pratica per una settimana: poi andremo a contare le centinaia di migliaia di tonnellate di plastica di cui si sarà risparmiato l’inutile consumo.

Facciamo questo “giochino” allora, e poi andiamo a fare i conti davvero; ci impegniamo sin d’ora a fornire i dati della partecipazione e della “raccolta” di potenziale plastica che sarebbe stata sprecata senza questa iniziativa! 

Ambientebio.it aderisce all’appello di ZERO WASTE: stop plastica

Da lunedì 3 a domenica 9 giugno boicottiamo tutti i prodotti alimentari che sono imballati nella plastica. Questo è l’appello di Zero Waste Spain che ha organizzato una settimana di #boicotalplastic, cioè una vera e propria ribellione al cibo avvolto appunto nella plastica.

Le contraddizioni grottesche della GDO del XXI Sec. Una banana avvolta nella plastica, una cipolla in solitaria in una vaschetta di..plastica, frutta con la buccia completamente sigillata dalla..plastica.

settimana stop plastica boicottare imballaggi

In attesa di dire per sempre addio a questo scempio senza senso, iniziamo ad impegnarci nel non acquistare gli imballaggi per un’intera settimana.

La mobilitazione globale contro la plastica monouso

E’ ormai una certezza il fatto che se non limiteremo il consumo e l’abuso nella plastica, nel 2050 in mare ci sarà più plastica che pesci.

Eppure la grande distribuzione continua ad avere interi reparti che sono un tripudio di materiale plastiche che se non correttamente smaltite e differenziate, finiscono sulle spiagge e in mare uccidendo animali e minando per sempre la biodiversità.

Inoltre, come mostriamo nella foto di questo articolo, la plastica fa rima con prodotti conservati in vari modi e spesso di scarsa qualità ( e a costi ridottissimi per invogliarne il consumo ). E’ ormai noto che la frutta e la verdura necessitano di essere consumate in loco o a KM0, per tutta una serie di ragioni, che va dalla sostenibilità ambientale al mantenimento delle qualità organolettiche originarie. Troppo difficile per l’uomo moderno, approvvigionarsi senza mandare in malora il mondo.

LEGGI ANCHE:

Firma la Petizione per i negozi leggeri con cibi sfusi e senza plastica

Puglia Plastic Free: vietata la somministrazione di bevande e cibi con plastica monouso

Isola di Plastica anche nel Mar Tirreno: è tra la Corsica e l’Isola d’Elba

Italia nella lista come maggior esportatore di plastica

 


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter