microplastica

Microplastica: studenti creano una macchina che la separa dalla sabbia

Un invenzione che consente di separare la sabbia dalla microplastica e di riavere una spiaggia di nuovo pulita.

L’argomento microplastiche è stato trattato numerose volte ed è una problematica di non facile soluzione, una delle sfide ambientali più complesse. Quando trascorrono del tempo in acqua, le materie plastiche, si disintegrano a causa dell’usura e diventano sempre più piccole, fino a raggiungere livelli in cui non possono essere più percepite ad occhio nudo.

Microplastica e i danni all’ambiente e alla nostra salute

Queste plastiche microscopiche finiscono negli organismi degli animali marini e in un secondo momento nel nostro corpo.

12 studenti dell’Università di Sherbrooke nel Quebec (Canada) hanno inventato una sorta di aspirapolvere che separa la microplastica dalla sabbia della spiaggia.

La macchina prende il nome da Hoola One , il suo funzionamento è abbastanza semplice, infatti gli operatori aspirano semplicemente la sabbia della spiaggia che contiene microplastiche, le quali sono dirette ad un serbatoio interno che contiene acqua e qui vengono separate dalla sabbia.

La sabbia è più pesante, affonda immediatamente verso il fondo del serbatoio, ma le particelle di plastica galleggiano sull’acqua. Nel momento in cui si crea questa separazione ecco che la sabbia può essere rimessa sulla spiaggia.

Sam Duval, uno dei creatori e co-fondatori, ha dichiarato: “Ci siamo informati a lungo e abbiamo visto che non esisteva nessuna macchina in tutto il mondo per fare questo tipo di lavoro. Quindi abbiamo deciso di studiarci e inventarla.”

microplastica

Il problema della plastica è molto ostico da eliminare, ma invenzioni come queste ci dimostrano che con il lavoro di squadra e l’ingegno possiamo trovare soluzioni utili.

Leggi anche

Microplastiche in mare invenzione di un 12enne

Cosmetici con microplastiche

Microplastiche nei nostri mari

Hoola One, microplastica, microplastiche


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto