Home Green Economy Coltivare e mangiare manioca salverà l’ambiente

Coltivare e mangiare manioca salverà l’ambiente

12100
0
CONDIVIDI
Manioca: la coltivazione sostenibile che salverà il pianeta

La coltivazione della manioca attraverso innovative pratiche agricole potrebbe garantire sicurezza alimentare ed energetica dei paesi poveri. Questo quanto emerge dal rapporto “Save and Grow” pubblicato dalla FAO.

La FAO ha presentato in questi giorni “Save and Grow”, modello di agricoltura sostenibile per ‘salvare’ l’umanità da se stessa. Il fine è di trovare soluzioni alternative al problema alimentare ed energetico dei paesi poveri. Paesi sempre più flagellati dall’aumento del prezzo di petrolio e cibo. La proposta principale avanzata dall’Organizzazione è far diventare la manioca una coltura centrale in diverse aree del globo.

Non solo. La FAO propone una tecnica di coltivazione particolare che potrebbe salvare l’ambiente, massimizzando la produzione alimentare. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta.

La manioca può salvare il mondo

Il tipo di coltivazione proposta nel progetto, un modello sostenibile e basato sul rispetto dell’ambiente, spiega come far aumentare le rese della manioca del 400%. In questo modo, si arginerebbe il problema dell’aumento delle emissioni di gas serra. La FAO spiega l’importanza di far diventare questo tubero parte integrante della nostra dieta: non solo per salvare l’ambiente, ma anche per risolvere l’emergenza alimentare mondiale.

La manioca è un tipo di pianta ampiamente coltivata in Africa tropicale, in Asia e in America Latina. Ha una radice a tubero commestibile che fornisce un elevato contributo di carboidrati. Infatti, risulta essere la quarta coltivazione per importanza nei paesi in via di sviluppo. È l’alimento base di circa un miliardo di persone in 105 paesi. Basti pensare che questi tuberi forniscono oltre un terzo delle calorie quotidiane. Anche le sue foglie sono ricche di sostanze nutrienti: contengono fino al 25% di proteine, ferro, calcio e vitamine.

Non solo. La manioca è un tipo di coltivazione molto economica: il suo amido è ampiamente utilizzato in centinaia di prodotti industriali. Ed è proprio dalla fermentazione dell’amido, ad esempio, che si può produrre l’etanolo utile a creare biocombustibile.

La sua coltivazione risulta essere una valida alternativa al grano e al mais, visto che può essere trasformata in una farina di alta qualità.

Save and Grow: la strategia FAO

La questione principale, evidenziata dalla FAO, è la necessità di sostituire un tipo di agricoltura intensiva che rischia di causare danni alle risorse naturali e aumentare le emissioni di gas serra, con una “Save and Grow”, che consente di raggiungere rendimenti più alti, mantenendo intatta la salute del terreno.

In pratica, la terra non viene lavorata o è lavorata al minimo. Le colture vengono rotate per evitare la perdita di sostanze nutritive. E vengono incentivate tecnologie e pratiche biologiche, l’uso dei materiali di impianto sani, di tecniche come la pacciamatura e la consociazione.

Al posto delle monocolture normalmente impiegate nei sistemi di coltivazione intensiva, Save and Grow incoraggia colture miste e la loro rotazione. Vengono inoltre incentivati i principi della lotta antiparassitaria integrata, che fa a meno dei pesticidi chimici per tenere gli insetti nocivi sotto controllo. E in alternativa utilizza piantine immuni da malattie e nemici naturali dei parassiti.

Un tipo di approccio che, in coltivazioni pilota, ha dato la possibilità di incrementare il rendimento della manioca del 400%. In Colombia, ad esempio, ruotando la coltivazione di manioca con fagioli e sorgo, il fertilizzante bio ha funzionato dove il fertilizzante minerale da solo aveva fallito.

La richiesta di manioca come materia prima per la produzione di bioetanolo è infine in rapida crescita. Adottare questo tipo di coltivazione sostenibile proposta dalla FAO permetterebbe di tenere sotto controllo il processo, evitando l’intensificazione di colture non sostenibili e alleviando la fame e la povertà rurale.

Chi ha un po’ di dimestichezza con l’inglese, può scaricare lo studio completo di Save and Grow a questo link.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here