caffè biologico

Il caffè biologico: la sana abitudine di bere un tonico che fa bene, rispetta l’ambiente e il lavoro

Il caffè risulta essere una delle bevande preferite e molti sono le correnti, c’è chi lo esalta e chi lo demonizza. Giustamente la quantità non deve essere eccessiva, si calcola che tre caffè al giorno possano essere l’ideale.

Il caffè nella giusta misura è ricco di proprietà benefiche, vediamo insieme che il caffè fa bene al cervello, ad esempio, in quanto è uno stimolante psicoattivo, regala buon umore ed è stato studiato che il quotidiano consumo di caffè è associato ad un rischio fino al 60% più basso di demenza e malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e il Parkinson.

Oltre a queste ottime notizie il caffè previene il diabete di tipo II, se consumato senza zucchero, ed è un ottimo antiossidante con buone quantità di vitamine del gruppo B, inoltre protegge il fegato e previene il rischio di cirrosi fino all’80%.

Quanto caffè si può bere al giorno?

Ovviamente consigliamo di berne in dosi moderate e di consumarlo amaro, o al limite sostituite lo zucchero con dei dolcificanti naturali, più salutari. Inoltre sarebbe sempre bene non bere il caffè appena svegli a stomaco vuoto, poichè è un fortissimo acidificante.

Per non creare rifiuti inutili, come possono ad esempio essere le cialde e/o capsule, consigliamo di bere il classico caffè in polvere, considerando che anche i fondi possono essere riciclati con ottimi risultati.

Vantaggi del caffè biologico

Caffè biologico: l’attenzione per l’ambiente in una tazzina

Una tazzina di caffè ha un costo enorme per la natura. Qualche tempo fa, i ricercatori dell’Università del Kansas hanno infatti esaminato il modo in cui la produzione di massa di questo prodotto incide sulle risorse, economiche e ambientali.

Dalle loro analisi, è risultato che una singola tazzina “costa” all’ambiente 140 litri di acqua, più 0,1 metri quadrati di terreno. A cui vanno ad aggiungersi le perdite in termini di ettari di foreste e biodiversità. Un prezzo che negli ultimi anni è cresciuto, con l’aumento della domanda mondiale.

Miglior caffè biologico: è quello che risponde ai requisiti di genuinità e sostenibilità

Questo ha infatti portato a una serie di cambiamenti nei metodi di produzione. Secondo gli studiosi, il processo ha reso le piantagioni di caffè sempre più simili a quelli di frumento e soia. E cioè insostenibili.

Non è possibile allora gustare un’ottima tazzina, senza far male all’ambiente?

Il caffè biologico prova a rispondere proprio a questa esigenza, attraverso una coltivazione più consapevole, rispettosa dell’ambiente e della salute delle persone.

Caffè Nestlè – Nespresso a rischio glifosato? L’azienda promette più controlli

Caffè biologico: come viene prodotto

Le grandi produzioni di caffè tradizionale si affidano principalmente a varietà ibride, più resistenti, ma che richiedono un uso massiccio di fertilizzanti e pesticidi di sintesi. Questo ha un notevole impatto sulla natura, ma anche sulle tasche dei piccoli produttori.

Il caffè biologico, invece, è un prodotto coltivato senza l’utilizzo di alcuna sostanza chimica e nel rispetto dell’ambiente. Gli insetticidi vengono sostituiti con insetti antagonisti e la concimazione avviene attraverso l’utilizzo di sostanze naturali. Le coltivazioni, inoltre, sono portate avanti senza attuare il disboscamento delle aree che circondano le piantagioni.

Caffè biologico, quindi, non significa solamente prodotto di qualità. Significa bere un prodotto legato nel modo più naturale alla terra, ricco di aromi originali e sinceri. Una qualità garantita dalla certificazione biologica.

Tra i caffè biologici si trovano differenti qualità, tutte cariche di profumi e sapori gradevoli al palato.

Il caffè è il segreto per vincere il problema obesità?

Caffè biologico: dove trovarlo

Se volete continuare a bere una buona tazza di caffè, senza nuocere all’ambiente, il caffè bio è la scelta che fa per voi. Esistono diversi negozi che vendono caffè biologico. Come quelli che si occupano della vendita di prodotti tipici o a chilometro zero. Tra le grandi marche ricordiamo il Lavazza Tierra bio.

O ancora, se avete bisogno di elevati quantitativi, anche per rivendita, potete trovare dei distributori di caffè all’ingrosso, che vi daranno la possibilità di effettuare il vostro acquisto comodamente da casa, online, scegliendo tra una vasta gamma di alternative.

Qui, infatti, è possibile spaziare tra tutte le scelte possibili nel mondo del caffè: 

  • i classici in grani
  • i macinati
  • le cialde
  • le capsule (riciclabili)
  • i solubili
  • i prodotti biologici

trovando anche la possibilità di acquistare da produttori vicino a voi.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.