brasile amazzonia incendi difensore della terra

Diritti umani: più di 300 attivisti uccisi nel 2019

Diritti umani: un nuovo rapporto rivela che nel 2019 più di 300 difensori dei diritti umani che lavoravano per proteggere l’ambiente, la libertà di parola e le terre indigene sono stati uccisi in ben 31 paesi.

La nazione più sanguinosa è stata la Colombia con 103 omicidi, seguono poi le Filippine e poi Brasile, Honduras e Messico.

La Colombia, dove la violenza mirata contro i leader della comunità che si oppongono a mega-progetti ambientalmente distruttivi è cresciuta a spirale dagli accordi di pace del 2016, è stata la nazione più sanguinosa con 103 omicidi nel 2019.

2019: Un anno pieno di rivolte

Il 2019 è stato caratterizzato da ondate di rivolte sociali che hanno richiesto cambiamenti politici ed economici in tutto il mondo dall’Iraq e dal Libano in Medio Oriente a Hong Kong e in India in Asia e Cile nelle Americhe.

Sin dal 2016 abbiamo denunciato questa situazione con vari approfondimenti che mettono in relazione le uccisioni dei “Martiri dell’Amazzonia” da parte di bande armate che sono al soldi di non si sa quale potere precostituito.

Il rapporto di Front Line Defenders (FLD) descrive in dettaglio gli attacchi fisici, le campagne di diffamazione, le minacce alla sicurezza digitale, le molestie giudiziarie e gli attacchi di genere affrontati dai difensori dei diritti umani in tutto il mondo, che erano in prima linea nelle proteste contro disuguaglianze radicate, corruzione e autoritarismo.

Nei casi in cui i dati sono disponibili, il rapporto ha rilevato:

  • L’85% delle persone uccise l’anno scorso era stato precedentemente minacciato individualmente o come parte della comunità o del gruppo in cui lavoravano
  • Il 13% delle vittime dichiarate erano donne
  • Il 40% degli uccisi lavorava sulla terra, sui popoli indigeni e sulle questioni ambientali

Articoli correlati

Le proteste nei vari paesi in Sudamerica

Le proteste nei vari paesi sono state l’elemento scatenante, in Cile ad esempio, nelle più grandi proteste antigovernative dalla fine della dittatura di Augusto Pinochet, almeno 23 persone sono state uccise e 2.300 ferite.

L’Honduras, un alleato geopolitico chiave degli Stati Uniti, è stato uno dei paesi più pericolosi al mondo. L’anno scorso, gli omicidi mirati nella nazione centroamericana sono aumentati di quattro volte rispetto al 2018, quando decine di migliaia di persone sono fuggite da un mix tossico di violenza, povertà e corruzione e hanno viaggiato attraverso il Messico fino al confine meridionale degli Stati Uniti in cerca di sicurezza.

Eppure, nonostante circostanze difficili e spaventose, gli attivisti per i diritti umani hanno continuato a guidare cambiamenti sociali positivi.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto