stagioni

Il corpo umano registra due stagioni, non quattro come ci hanno sempre insegnato. Lo studio

Fin da bambini ci viene insegnato che esistono quattro stagioni, ma in un recente studio dei ricercatori della Stanford School of Medicine emerge come il nostro corpo umano non la percepisce in questo modo.

Le stagioni da noi conosciute sono sempre state suddivise in autunno, inverno, primavera ed estate.

Lo studio è andato avanti per quattro anni dove sono stati raccolti dati da più di 100 partecipanti. Lo studio è stato pubblicato online l’1 ottobre su Nature Communications . Snyder è l’autore senior. Gli studiosi post-dottorato Reza Sailani, Ph.D., e Ahmed Metwally, Ph.D., condividono la paternità principale.

Cambio di stagione come aiutare la salute con un supporto

Snyder, professore di genetica della Stanford, e il suo team hanno assistito al flusso e al riflusso di oltre 1.000 molecole su base annuale, con due periodi di tempo cruciali: tarda primavera-inizio estate e tardo autunno-inizio inverno. 

Le stagioni percepite dal nostro organismo umano

Lo studio è stato condotto su 105 individui di età compresa tra 25 e 75 anni. Circa la metà era resistente all’insulina, il che significa che i loro corpi non elaborano il glucosio normalmente. Circa quattro volte l’anno, i partecipanti hanno fornito campioni di sangue, che gli scienziati hanno analizzato per ottenere informazioni molecolari su immunità, infiammazione, salute cardiovascolare, metabolismo, microbioma e molto altro. Gli scienziati hanno anche monitorato l’esercizio e le abitudini alimentari di tutti i partecipanti.

Bambini: come affrontare il cambio stagione con i rimedi naturali e l’alimentazione

Nell’arco di quattro anni, i dati hanno mostrato che il periodo della tarda primavera ha coinciso con un aumento dei biomarcatori infiammatori noti per svolgere un ruolo nelle allergie, nonché un picco nelle molecole coinvolte nell’artrite reumatoide e nell’osteoartrite. Hanno anche visto che una forma di emoglobina chiamata HbAc1, una proteina che segnala il rischio di diabete di tipo 2, ha raggiunto il picco durante questo periodo, e che anche il gene PER1, che è noto per essere altamente coinvolto nella regolazione del ciclo sonno-veglia, era a il suo più alto.

In alcuni casi, ha detto Snyder, è relativamente ovvio il motivo per cui i livelli di molecole sono aumentati. I marker infiammatori probabilmente aumentano a causa dell’elevato numero di pollini, ad esempio. Ma in altri casi è meno ovvio. Snyder e il suo team sospettano che i livelli di HbA1c siano alti nella tarda primavera a causa del mangiare spesso indulgente che accompagna le vacanze – i livelli di HbA1c riflettono le abitudini alimentari di circa tre mesi prima che vengano prese le misurazioni – così come un calo generale dell’esercizio in inverno mesi.

Mentre Snyder e il suo team hanno seguito i dati all’inizio dell’inverno, hanno visto un aumento delle molecole immunitarie note per aiutare a combattere le infezioni virali e picchi di molecole coinvolte nello sviluppo dell’acne. Anche i segni di ipertensione erano più alti in inverno.

I dati hanno anche mostrato che c’erano alcune differenze inaspettate nei microbiomi degli individui che erano resistenti all’insulina e quelli degli individui che elaboravano il glucosio normalmente. 

Questi risultati potrebbero anche aiutare a informare la progettazione di sperimentazioni sui farmaci. Ad esempio, se i ricercatori sperano di testare un nuovo farmaco per l’ipertensione, probabilmente trarrebbero beneficio dal sapere che, poiché l’ipertensione sembra aumentare nei primi mesi invernali, le prove iniziate in inverno rispetto alla primavera avrebbero probabilmente esiti diversi.

Aiutare la salute analizzando gli esami nelle stagioni principali

“Molti di questi risultati aprono lo spazio per indagare su tante altre cose”, ha detto Sailani. “Prendiamo ad esempio le allergie. Possiamo tracciare quali pollini circolano in momenti specifici e associarli a letture personalizzate di schemi molecolari per vedere esattamente a cosa è allergica una persona”.

La speranza è che maggiori informazioni sugli alti e bassi molecolari di una persona consentiranno loro di comprendere meglio il contesto delle oscillazioni biologiche del proprio corpo e consentiranno loro di utilizzare tali informazioni per gestire in modo proattivo la propria salute.

“Se, ad esempio, i tuoi livelli di HbA1C vengono misurati durante la primavera e sembrano anormalmente alti, puoi contestualizzare quel risultato e sapere che questa molecola tende ad essere alta durante la primavera”, ha detto Snyder. 

cambio di stagione, stagioni


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.