ANICE

Anice: proprietà e benefici, utilizzi in cucina, curiosità e controindicazioni

L‘anice è una pianta molto apprezzata in medicina, per via delle sue proprietà benefiche, ed in cucina. Si tratta di un termine generico di cui esistono tre varietà: l’anice verde, dal sapore simile al finocchio; l’anice stellato, che sa di liquirizia e l’anice pepato, con semi piccanti e aromatici.

Proprietà benefiche dell’anice

Se in molti conoscono l’anice solo per il suo impiego aromatizzante nella preparazione di dolci e liquori, in realtà sono innumerevoli le sue proprietà benefiche:

  • galattogogo, stimola lee secrezioni ghiandolari materne
  • digestivo
  • balsamico ed espettorante, calma la tosse ed è un toccasana contro raffreddore ed influenza
  • abbassa i livelli di zucchero nel sangue, per cui è un ottimo rimedio naturale contro la glicemia grazie all’anetolo
  • calmante, lenisce il mal di testa
  • protegge lo stomaco (es. nei casi di ulcera)
  • antisettico
  • cicatrizzante
  • antibatterico
  • antifungino
  • antimicotico
  • uccide i vermi intestinali
  • combatte la depressione
  • è indicato contro epilessia e attacchi isterici
  • riaccende il desiderio sessuale
Anice stellato: è tra i più utilizzati in cucina per la preparazione di dolci e liquori aromatizzati.

Utilizzi in cucina e curiosità sull’anice

Dal sapore raffinato, gradevole e delicato, viene usato su formaggi e sulle verdure, oltre ad essere spesso abbinato alla carni di anatra, maiale e pollo.

E’ alla base della preparazione dei famosi biscottini “anicetti”, oltre che di liquori e digestivi dal profumo aromatico (es. Anisetta e Sambuca).

Nell’antica Roma l’anice era l’ingrediente del mustaceum, un dolce cotto in foglie d’alloro, assieme a mosto e formaggio, che potremmo definire l’antenato delle nostre torte nuziali.

Plinio il Vecchio lo consigliava contro l’insonnia e per allontanare gli incubi, mentre nelle corti inglesi era impiegato per profumare gli abiti.

Forse non tutti sanno che è una delle spezie che compongono una miscela conosciuta come “5 spezie cinesi” assieme a finocchio, chiodi di garofano, cannella e pepe.

Secondo la leggenda, essa è nata per con l’intento di realizzare una polvere magica che richiama i 5 elementi fondamentali cinesi:

  • legno
  • fuoco
  • terra
  • metallo
  • acqua

5 sapori base:

  • acido
  • amaro
  • dolce
  • pungente
  • salato

Controindicazioni

L’anice è sconsigliato in caso di assunzione di contraccettivi orali contenenti estrogeni mentre in gravidanza va utilizzato sotto stretto controllo medico in quanto può stimolare le contrazioni uterine.

Non va somministrato a bambini o persone allergiche all’anetolo e può interagire con antinfiammatori non steroidei (FANS) e cortisonici.

L’olio di anice è fotosensibile per cui non va utilizzato prima dell’esposizione al sole.

anice stellato, Anice verde, controindicazioni, curiosità, proprietà benefiche, utilizzi in cucina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.