scienziata italiana Covid

Una scienziata italiana afferma di aver scoperto il meccanismo principale che si cela dietro al COVID-19

Annalisa Chiusolo spiega come la controversa idrossiclorochina potrebbe rendere le persone immuni ai virus

Il COVID-19 danneggia l’emoglobina, compromettendo la capacità dei globuli rossi di trasportare ossigeno in tutto il corpo, compromettendo i polmoni e causando la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), ha spiegato a Gerusalemme la studiosa di farmacologia italiana Annalisa Chiusolo.

Se la sua tesi è corretta, risolverebbe molte domande in sospeso sul nuovo coronavirus , come la maggiore vulnerabilità degli uomini – in particolare i diabetici maschi – a ammalarsi gravemente dal virus, nonché il tasso più basso con cui le donne in gravidanza e i bambini contraggono COVID-19.

Inoltre, comprendere questo meccanismo potrebbe aprire la strada a una scoperta più rapida dei farmaci più efficaci per curare il virus stesso. Chiusolo è laureata presso la Facoltà di Farmacia dell’Università di Perugia, in Italia, e lavora come ricercatrice sui farmaci nel paese europeo. La sua teoria è stata pubblicata da alcuni dei principali quotidiani del paese, tra cui i quotidiani Il Tempo e Il Giornale .

Le affermazioni della studiosa italiana sull’emoglobina

Ha detto al Post che SARS-CoV-2, il nome formale del nuovo coronavirus, ha bisogno delle porfirine per la sua sopravvivenza – e probabilmente per la sua replicazione – quindi attacca l’emoglobina, la proteina che trasporta l’ossigeno nel sangue, che si traduce in meno ossigeno disponibile per il corpo. La conseguenza di meno ossigeno è l’accumulo di anidride carbonica.

Le cellule polmonari diventano il sito della cascata di citochine, un’enorme risposta immunitaria, che è responsabile dell’infiammazione polmonare acuta che caratterizza la polmonite COVID-19“, ha detto. 

covid-19 idrossiclorochina

“Il valore dell’emoglobina nel sangue può essere un parametro importante per valutare l’infezione da SARS-CoV-2: negli uomini il valore normale dell’emoglobina (Hb) è più elevato che nelle donne. Ciò spiegherebbe la maggiore incidenza della polmonite COVID-19 negli uomini rispetto alle donne e la minore incidenza e una migliore prognosi nei bambini e nelle donne in gravidanza, dove i valori di Hb sono inferiori a causa di un aumentato fabbisogno di ferro, che rende meno disponibile questa “alimentazione” ‘ per il virus.

“La PNEUMONIA CAUSATA dal coronavirus è anche più prominente nei pazienti anziani o nei pazienti di mezza età con diabete, che Chiusolo ha detto che è collegato all’aumento dell’emoglobina glicata.

Il trattamento con idrossiclorochina

Come esperta di farmaci, Chiusolo ha successivamente valutato l’uso dell’idrossiclorochina per il trattamento della SARS-CoV-2, che Didier Raoult utilizza in Francia per curare i casi di coronavirus. L’idrossiclorochina è attualmente in uso per il trattamento di malattie autoimmuni in tutto il mondo, come il lupus e l’artrite reumatoide, ed è stato usato per anni per il trattamento della malaria.

Ha detto che oltre all’effetto antivirale e immunomodulante del farmaco, si lega alla ferriprotoporfirina dell’estere metil-ecgonina (EME), bloccando l’enzima chiave della malaria. “Quindi, ho pensato che questo stesso meccanismo potesse essere usato contro SARS-CoV-2 … In effetti, uno studio condotto da un’università cinese mostra che SARS-CoV-2 si lega alla catena beta dell’emoglobina, inibendo il metabolismo EME.

La ferriprotoporfirina è il gruppo responsabile del legame dell’ossigeno dell’emoglobina. In Italia, i migliori scienziati stanno iniziando a commentare la teoria di Chiusolo. La dott.ssa Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto nazionale per le malattie infettive del Lazzaro Spallanzani di Roma, ha definito la sua ipotesi “suggestiva, ma è necessario approfondire e ricercare”.

Il Dott. Giovanni Martinelli, direttore scientifico dell’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (IRCCS), ha confermato che “molti degli effetti della carenza di ossigeno nei pazienti COVID possono essere dovuti allo spostamento della protoporfirina di Hbs“.

covid-19

Le voci contrarie allo studio dell’italiana

Ma il medico Amiram Goldblum, capo del Molecular Modeling and Drug Design Institute for Drug Research e del Fraunhofer Project Center for Drug Discovery and Delivery presso la Hebrew University di Gerusalemme, ha dichiarato che tra i quasi 8.500 articoli archiviati sul romanzo coronavirus negli ultimi tre mesi nessuno menziona porfirina o protoporfirina.

“Per quanto ne so della riduzione della pressione dell’ossigeno nei casi più gravi dell’attacco SARS-CoV-2, è dovuto al blocco delle cellule polmonari in modo un po ‘simile all’enfisema – trasformando le cellule in entità più rigide e fibrose , “Ha detto al Post dopo aver esaminato lo studio di Chiusolo.

Ha detto che il primo farmaco approvato dalla FDA, Remdesivir di Gilead Pharmaceutical, è indicato solo per quei casi in cui la pressione dell’ossigeno è stata ridotta a un livello più pericoloso.” Se il virus ‘mangia’ la porfirina dell’emoglobina, il primo effetto dovrebbe essere l’anemia, che influenza l’assunzione di ossigeno ma influenza anche la debolezza sostanziale ed è facilmente misurabile”, ha detto Goldblum. 

“Non ho sentito parlare di problemi con l’emoglobina bassa nei pazienti con COVID-19”. E che dire dell’uso dell’idrossiclorochina? Chiusolo ha affermato che l’idrossiclorochina potrebbe fungere da profilassi, prevenendo o limitando i sintomi della malattia in attesa della formulazione del vaccino che stimola specificamente la risposta anticorpale del corpoHa detto che potrebbe rendere il paziente immune da COVID-19 e / o limitare i suoi effetti collaterali.

Il farmaco è stato oggetto di indagine in tutto il mondo, anche negli Stati Uniti, dopo che il presidente Donald Trump il mese scorso lo ha definito un “punto di svolta” nella lotta contro il coronavirus.

Il parere e lo studio di AIFA

L’Agenzia italiana dei medicinali (AIFA), l’autorità nazionale responsabile della regolamentazione dei farmaci in Italia, ha uno studio approvato sull’idrossiclorochina su 2.500 pazienti, che inizierà all’inizio di luglio e si concentrerà sull’uso dell’idrossiclorochina nella profilassi, ha detto Chiusolo. 

Lo studio, per il quale i dati preliminari sarebbero pronti entro 16 settimane, esaminerà se l’assunzione preventiva del farmaco diminuisce la probabilità di contrarre COVID-19 quando si entra direttamente in contatto con un paziente positivo.

Il ruolo dell’idrossiclorochina nella prevenzione e nella lotta contro il coronavirus è stato anche oggetto di uno studio pubblicato sull’International Journal of Antimicrobial Agents , che descrive come un operatore sanitario infetto dal nuovo coronavirus abbia viaggiato liberamente all’interno di un ospedale prima di essere diagnosticato il virus.

“Non è stato possibile mettere in quarantena tutti coloro che erano entrati in contatto con il personale sanitario”, ha detto Chiusolo. Pertanto, hanno trattato 211 operatori sanitari e pazienti con idrossiclorochina. Dopo 10 giorni, nessuno è risultato positivo al coronavirus. Inoltre, Chiusolo ha riferito alla Società Italiana di Reumatologia che ha intervistato 1.200 reumatologi in tutta Italia per raccogliere statistiche sui contagi.

Su un pubblico di 65.000 pazienti cronici di lupus e artrite reumatoide che assumono sistematicamente idrossiclorochina, solo 20 pazienti sono risultati positivi al virus.”Nessuno è morto, nessuno è in terapia intensiva, secondo i dati raccolti finora”, ha detto Chiusolo.

Effetti collaterali per chi ha problemi cardiaci

Tuttavia, ha ammesso che il farmaco è noto per avere alcuni gravi effetti collaterali, specialmente per i pazienti con malattie cardiache.

Il farmaco è stato recentemente collegato ad un aumentato rischio di aritmia cardiaca nei pazienti COVID-19 da un team di ricerca presso il Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) a Boston.”L’evidenza accumulata è che ci sono dati limitati per suggerire l’efficacia e ci sono prove crescenti che suggeriscono la tossicità per quanto riguarda problemi cardiaci “, ha detto il dottor Howard Gold, medico di malattie infettive al BIDMC, in merito al farmaco idrossiclorochina in un’intervista pubblicata dal Boston Herald .


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.