uccise 2 milioni di api

Uccise 2 milioni di api in un incendio doloso. Ignoti i colpevoli

L’episodio increscioso una settimana fa circa: sono state date alle fiamme 21 arnie a San Lorenzo Isontino, e sono state uccise 2 milioni di api. “L’obiettivo? Era sopprimere gli insetti”, denunciano dal Consorzio apicoltori.

Come si fa? Come è possibile? Perchè? Atto vile e inspiegabile, perchè le api sono un bene collettivo inestimabile.

Il triste episodio è avvenuto in una zona isolata di San Lorenzo Isontino, in Friuli. La mano di ignoti ha portato alla sadica morte di circa 2 milioni di api. Gli sciami di api vivevano all’interno di 21 arnie, in piena produzione di miele d’acacia.

Solo poche arnie e api sono uscite indenne dal rogo doloso appiccato dai criminali

Notevole il danno economico, circa 15mila euro, ma non meno importante quello ambientale a causa delle mancate impollinazioni. Sul posto, alle prime luci dell’alba, sono intervenuti i Vigili del fuoco che hanno poi avvisato i 15 soci della Landa Carsica, proprietaria degli alveari.

Leggi anche: Comunicazione interspecie, i fiori preparano il polline all’arrivo delle api

“L’obiettivo era bruciare tutto e sopprimere gli insetti”, ci ha confermato Pier Antonio Belletti, presidente del Consorzio apicoltori della provincia di Gorizia. I malintenzionati prima hanno chiuso i fori delle arnie, poi hanno posizionato 21 fascine che hanno utilizzato come innesco.

Leggi anche: Impollinazione api a rischio a causa di pesticidi e prodotti chimici

Tutto era stato studiato ad arte“, ha ribadito il presidente del Consorzio. “In 25 di storia, nell’Isontino una cosa del genere non era mai capitata, se non due anni fa in provincia di Udine”. Sul caso ora indagano i carabinieri di San Lorenzo.

fonte: Ilfriuli.it

Leggi anche: Api e fiori, la storia d’amore più antica del mondo minacciata dai cambiamenti climatici e dai pesticidi

A Milano nasce l’autostrada per le api, più lunga del mondo


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.