Home Ambiente La dieta vegetariana può essere la soluzione a una crisi alimentare globale

La dieta vegetariana può essere la soluzione a una crisi alimentare globale

276
0
CONDIVIDI

La mancanza di acqua nel mondo, questa scarsa risorsa, ha effetti molto diversi, e cambierà le abitudini alimentari, secondo gli scienziati, di molti costringendo ad una dieta vegetariana per i prossimi 40 anni per evitare una catastrofe.

L’allarme arriva da uno studio condotto da scienziati che si occupano della scarsità d’acqua, appartenenti alla International Water Institute (SIWI), che conclude che la sovrappopolazione mondiale costringerà la riduzione del consumo di carne nel breve termine.

In particolare, il rapporto sostiene che, se l’umanità riceve attualmente il 20 per cento di proteine animali, l’aumento esponenziale della popolazione dovrà ridurre tale percentuale al 5 per cento.

In generale, inoltre, questi scienziati ricordano come le Nazioni Unite, vista la scarsità d’acqua, parlino di una possibile crisi alimentare globale entro cinque anni. Ciò significa aumento dei prezzi degli alimenti di base, come già avviene dallo scorso giugno in molte parti del mondo, a causa della siccità negli Stati Uniti, in Russia e in molte parti del mondo.

Gli autori del rapporto suggeriscono che l’adozione di una dieta vegetariana potrebbe aumentare la quantità di acqua disponibile per le colture, il che significa più cibo in un mondo colpito dai cambiamenti climatici. Non dobbiamo dimenticare che un terzo della terra coltivata è dedicato al nutrimento degli allevamenti intensivi degli animali.

Inoltre, la mancanza di acqua interesserà altri campi, come l’energia, e la domanda globale continua a crescere. Allo stesso modo, se le tendenze attuali continuano, gli scienziati prevedono possibili disordini , guerre civili e le guerre tra i paesi dove ci sarà più di scarsità di acqua e cibo.

Molti sono i dati che ci possono dare un quadro della situazione generale, in base alla Banca Mondiale, 44 milioni di persone in tutto il mondo sono stati trascinati nella povertà estrema dallo scorso giugno a causa degli aumenti dei prezzi del cibo. Il mondo sta perdendo terreno coltivabile a un tasso eccezionale. Infatti, con le parole di Lester Brown, “un terzo della terra arabile del pianeta sta perdendo lo strato superficiale in modo più rapido di quanto non venga riformato dai processi naturali”. A causa della mancanza d’acqua, alcuni paesi nel Medio Oriente sono obbligati a confidare quasi totalmente sulle importazioni dei generi alimentari basici. Ad esempio, è stato stimato che non ci sarà più produzione di farina in Arabia Saudita dal 2012. Le falde freatiche in tutto il globo stanno calando di livello ad un tasso preoccupante a causa del sovrapompaggio. In base ai dati della Banca Mondiale, ci sono 130 milioni di persone in Cina e 175 milioni in India che si sono potuti nutrire grazie a cereali coltivati con l’acqua pompata dai bacini idrici a un ritmo maggiore del suo ripristino naturale. Cosa succederà quando l’acqua si esaurirà? Negli Stati Uniti, il sistematico abbassamento del bacino acquifero dell’Ogallala trasformerà il granaio d’America in una conca polverosa.
Lo tsunami e la conseguente crisi nucleare in Giappone hanno reso vaste aree agricole della nazione inutilizzabili. Infatti, ci sono molti che credono che una porzione significativa del Giappone settentrionale sarà dichiarata inabitabile. Senza considerare il fatto che molti sono convinti del fatto che l’economia giapponese, la terza più importante del mondo, è probabile che per questa ragione abbia un collasso.
In base alla Banca Mondiale, il prezzo globale del cibo è aumentato del 36% negli ultimi dodici mesi,  il prezzo della farina, del mais e della soia sono raddoppiati dalla scorsa estate. Non sappiamo ancora cosa ci aspetterà ma i segnali ci sono tutti, dobbiamo, già da ieri, cambiare il nostro stile di vita, e renderlo più sostenibile possibile cercando di rispettare le risorse idriche e rispettando il cibo.

 

Fonte http://cambiarelecose.blogspot.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here