cimice asiatica vespa samurai

La Cimice Asiatica sta creando notevoli danni all’agricoltura italiana. Parte la lotta biologica con la vespa samurai

Ogni anno c’è n’è una o più di una: se non è stato un anno particolarmente secco come lo scorso, quest’anno il problema della cimice asiatica ha generato un’annata nera per gli operatori agricoli italiani, che specie nelle zone dell’Emilia Romagna e del Veneto hanno subito pesanti perdite, stimate da Coldiretti con una cifra complessiva che si assesta attorno ai 250 milioni di euro.

Cimice asiatica: un flagello per le colture e la frutta italiana

La cimice asiatica ha come suo bersaglio preferito la coltura delle pere: le deforma con le sue punture rendendole invendibili. Sono andate perse dal 30 all’80% delle pere in alcune zone del bolognese anche perchè le cimici più giovani e piccole di dimensioni riescono a passare attraverso le maglie delle reti.

Nell’elenco delle colture danneggiate troviamo anche mele, kiwi, pesche, albicocche, alberi di ciliegio. Persino i vigneti. La frutta che si salva viene immessa sul mercato ad un prezzo più alto. Ma il problema non riguarda soltanto il portafogli dei consumatori.

Sotto accusa c’è “il sistema di controllo dell’Ue, con le frontiere colabrodo, che ha lasciato passare materiale vegetale infetto e parassiti vari”. A denunciarlo è il presidente dell’associazione, Ettore Prandini, che se la prende con la “politica europea troppo permissiva che consente l’ingresso di prodotti agroalimentari e florovivaistici nell’Ue senza che siano applicate le cautele e le quarantene che devono invece superare i prodotti nazionali quando vengono esportati”.

cimice asiatica giuggiola
Invasione di cimici asiatiche: un esemplare di cimice asiatica all’attacco di una pianta di giuggiola

Crisi del comparto agroalimentare: operatori in piazza

Sono molte le voci che si levano in difesa dal settore agricolo italiano, che sta subendo le conseguenze di quella che è stata una vera e propria “piaga biologica”, cioè l’invasione delle cimici asiatiche, soprattutto al Nord.

Tra le rivendicazioni spicca quelle di poter avere accesso agli agrofarmaci, alcuni vietati ultimamente o il cui uso è stato comunque fortemente ridotto, anche perchè, come sappiamo, alcuni poi rendono la frutta potenzialmente dannosa per l’uomo.

“Il grido di protesta – dice chiaro Eugenia Bergamaschi, presidente di Confagricoltura Emilia Romagna, dalle fila del corteo ferrarese  – è solo l’epilogo di un’annata in cui tutto è andato storto, l’ultimo atto corale per denunciare l’entità della crisi ortofrutticola regionale che ha coinvolto più di 20 mila aziende, seppur con sostanziali differenze da zona a zona, e con esse l’aggregato agroindustriale, peraltro trascinandosi dietro forti ricadute sull’occupazione e sul sociale. Il danno da cimice è stimato in circa 200 milioni di euro. Poi la crisi dei prezzi – spiega la presidente regionale degli imprenditori agricoli che negli ultimi mesi non ha mai smesso di lanciare ‘Sos’ con richiesta di interventi urgenti – ha fatto il resto, riducendo all’osso il reddito d’impresa”.

LEGGI ANCHE:

Come eliminare naturalmente le cimici verdi

Gli insetti predano il 20% del nostro cibo, ma possono anche salvarlo

Come allontanare le cimici dei letti con i colori

Albano Bergami, presidente dei frutticoltori di Confagricoltura Emilia Romagna, chiede un’accelerazione su più fronti: “Dopo 7 anni dalle prime segnalazioni dell’insetto sul suolo nazionale, non è tollerabile che sussistano ancora intoppi legislativi, burocratici ed economici a limitare il lavoro della ricerca e della sperimentazione”

“Ora la gravità della situazione è tale da considerare la presenza del parassita endemica, con danni registrati diffusamente su diverse specie frutticole. Un flagello che mette in seria discussione la tenuta della filiera frutticola, con risultati socio-economici difficilmente prevedibili. Attendiamo provvedimenti che diano immediato ristoro alle aziende danneggiate, anche sgravi fiscali e previdenziali; la sospensione dei mutui, nonché la revisione e rifinanziamento della legge sulle calamità naturali”.

La vespa samurai è l’antagonista naturale della cimice asiatica

Che la vespa samurai sia la più efficace arma naturale contro la devastante cimice asiatica lo si sa da un po’ di tempo. La novità è che questo particolare tipo di vespaparassita che attacca e risucchia le uova delle cimice, e che annienta le uova della cimice depositando all’interno le proprie –  è naturalmente già arrivata in Trentino.
Una importante scoperta della Fondazione Mach: la vespa comincerà a moltiplicarsi naturalmente a spese della cimice asiatica.

Il rilascio di insetti esotici infatti è regolamentato severamente dai Ministeri dell’Ambiente, dell’Agricoltura e dall’Ispra.

Il 20 settembre entrerà in vigore la nuova normativa che prevede deroghe al rilascio degli antagonisti della cimice, ma averli trovati in natura potrebbe accelerare la stesura delle linee guida, spiegano gli esperti della Fondazione Mach che intende proporsi come capofila nella sperimentazione della lotta alla cimice.

Come combattere la cimice asiatica: video

agricoltori in piazza, cimice asiatica, cimici asiatiche, invasione cimici, protesta ue, vespa samurai


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto