dosha

Dosha ayurvedici: Vata, Kapha e Pitta. Caratteristiche, alimentazione e un test per individuare il tuo

I dosha secondo l’Ayurveda sono responsabili di tutti i processi di nascita, crescita, decadimento e morte. Uno degli scipi fondamentali dell’Ayurveda è il mantenere in equilibrio i Dosha, i quali rappresentano le tre forze che determinano la costituzione individuale di una persona così come il suo equilibrio specifico in ogni momento della vita.

La medicina ayurvedica si basa sull’idea che il mondo è composto da cinque elementi: aakash (spazio), jala (acqua), prithvi (terra), teja (fuoco) e vayu (aria). Una combinazione di ciascun elemento si traduce in tre dosha, noti come vata, kapha e pitta. Si ritiene che questi dosha siano responsabili della salute fisiologica, mentale ed emotiva di una persona.

Quali sono i Dosha e le loro caratteristiche

Si dice che ogni persona abbia un rapporto unico di ogni dosha, di solito con uno che spicca più degli altri. Ad esempio, una persona può essere principalmente pitta mentre un’altra può essere principalmente vata. 

Si dice che il rapporto unico di una persona di vata, kapha e pitta definisca la loro costituzione ayurvedica, un modello per raggiungere una salute ottimale. Come di dividono e quali caratteristiche hanno?

Vata

Vata consiste principalmente dei due elementi aria e spazio (noto anche come etere) ed è generalmente descritto come freddo, leggero, secco, ruvido, scorrevole e spazioso. L’autunno rappresenta vata per le sue giornate fresche e fresche.

Quelli con il Vata Dosha sono generalmente descritti come magri, energici e creativi. Sono conosciuti per pensare fuori dagli schemi ma possono facilmente distrarsi. Inoltre, il loro umore dipende fortemente dal tempo, dalle persone che li circondano e dai cibi che mangiano .

Dhatu: i 7 elementi strutturali del corpo che proteggono dalle malattie

Punti di forza: impara velocemente, altamente creativo, multitasking, di buon cuore, flessibile, “in movimento”, naturalmente magro.

Debolezze: umore smemorato, ansioso, instabile, può essere sopraffatto facilmente, molto sensibile al freddo, ha problemi di sonno, appetito e abitudini alimentari irregolari, incline a problemi digestivi e gas, cattiva circolazione.

Secondo l’Ayurveda, per una salute ottimale, una persona con predominanza vata dovrebbe seguire una normale routine quotidiana, gestire lo stress attraverso la meditazione e altre attività calmanti e mantenere una temperatura corporea calda evitando il freddo e consumando cibi e bevande caldi.

Kapha

Kapha è basato sulla terra e sull’acqua. Può essere descritto come stabile, pesante, lento, freddo e morbido. La primavera è conosciuta come la stagione kapha, poiché molte parti del mondo escono lentamente dal letargo. 

Le persone con questo dosha sono descritte come forti, ossute e premurose. Sono noti per tenere insieme le cose ed essere un sistema di supporto per gli altri. Le persone dominanti il ​​Kapha raramente si arrabbiano, pensano prima di agire e attraversano la vita in modo lento ed equilibrato.

Punti di forza: empatico, premuroso, fiducioso, paziente, calmo, saggio, felice, romantico, ossa e articolazioni forti, sistema immunitario sano.

Debolezze: incline ad aumento di peso , metabolismo lento, lentezza, sonno eccessivo, problemi respiratori (ad es. Asma, allergie), rischio maggiore di malattie cardiache, accumulo di muco, suscettibile alla depressione, necessita di motivazione e incoraggiamento regolari

Per una buona salute, una persona a predominanza Kapha dovrebbe concentrarsi su un regolare esercizio fisico, una dieta sana, mantenere una temperatura corporea calda (p. Es., Sedendosi in una sauna o mangiando cibi caldi) e stabilire una routine di sonno regolare.

Pitta

Nota per essere associata a una personalità tenace, la pitta dosha si basa sul fuoco e sull’acqua. È comunemente descritto come caldo, leggero, tagliente, oleoso, liquido e mobile. L’estate è conosciuta come la stagione della pitta per le sue giornate soleggiate e calde.

Si dice che le persone con pitta di solito abbiano un fisico muscoloso, siano molto atletiche e servano da leader forti. Sono altamente motivati, orientati agli obiettivi e competitivi. Tuttavia, la loro natura aggressiva e tenace può essere scoraggiante per alcune persone, il che può portare a conflitti.

Punti di forza: intelligente, propositivo, impara rapidamente, autodeterminato, padroneggia facilmente le abilità, forte desiderio di successo, leader forti e naturali, metabolismo veloce , buona circolazione, pelle e capelli sani

3 erbe della medicina ayurvedica che rafforzano il sistema immunitario

Debolezze: impaziente, incline ai conflitti, sempre affamato, sbalzi d’umore quando si ha fame, incline ad acne e infiammazioni, sensibile alle temperature elevate.

Quelli con un dosha dominante pitta dovrebbero concentrarsi sull’equilibrio tra lavoro e vita privata ed evitare il caldo estremo (ad esempio, tempo, cibo piccante).

Dieta indicata per i vari Dosha

Sebbene prove limitate supportino l’idea, si ritiene che seguire una dieta ayurvedica basata sul dosha riequilibri la persona e la aiuti a raggiungere una salute ottimale .

DoshaAlimenti da mangiareAlimenti da evitare
Vatacibi caldi, “umidi” e morbidi (ad es. bacche, banane, pesche, verdure cotte, avena, riso integrale, carne magra, uova, latticini)cibi amari, secchi e freddi (p. es., verdure crude, dessert freddi, frutta secca, noci, semi)
Kaphacibi piccanti, acidi e riempitivi (ad es. la maggior parte di frutta e verdura, cereali integrali, uova, formaggi magri, carni non trasformate, spezie piccanti)alimenti pesanti e “grassi” (ad es. grassi, oli, alimenti trasformati, noci, semi)
Pittacibi leggeri, freddi, dolci ed energizzanti (p. es., frutta, verdure non amidacee, avena, uova)cibi pesanti, piccanti e acidi (ad es. carne rossa, patate, spezie piccanti)

Quando una persona si sente sbilanciata, si consiglia di evitare cibi simili al proprio dosha. Inoltre, una persona potrebbe aver bisogno di cambiare la propria dieta in base alle stagioni, ad esempio mangiando cibi caldi in inverno.

Sebbene molte persone affermino di sentirsi meglio con una dieta ayurvedica, nessuno studio mostra che aiuti a bilanciare il proprio dosha, né che la digestione cambi in base al periodo dell’anno.

Esercizio

A seconda del tuo dosha unico, il tuo medico ayurvedico può raccomandare tipi specifici di esercizi:

  • Vata. A causa della loro natura “on-the-go”, quelli con dosha Vata-dominanti dovrebbero concentrarsi su attività che implicano movimenti costanti, come ciclismo, corsa, camminata, yoga , tai chi, ecc
  • Kapha. I dosha Kapha funzionano meglio con un compagno di allenamento e dovrebbero concentrarsi su una combinazione di esercizio cardio e resistenza al peso per rimanere interessati e motivati. Qualsiasi tipo di movimento è vantaggioso per questo gruppo.
  • Pitta. I dosha Pitta tendono a spingere se stessi troppo forte e dovrebbero evitare di allenarsi al caldo. Gli sport di squadra sono un modo eccellente per rimanere attivi soddisfacendo la naturale competitività di Pitta.

La maggior parte delle ricerche sull’esercizio fisico e sull’Ayurveda circonda movimenti lenti e delicati, come lo yoga e il tai chi. È stato dimostrato che questi esercizi hanno numerosi benefici per la salute, come una migliore qualità della vita, la forma fisica e la gestione dello stress.

Test per capire di che Dosha sei

Rispondete alle varie domande del test cercando la risposta più vicina a voi e valutate la maggioranza di risposte a b o c.

1 Come descrivereste la vostra struttura fisica e il vostro peso?
a) Esile, irregolare, con ossa sporgenti; peso scarso o sottopeso
b) Media, con ossatura armoniosa; peso equilibrato e costante
c) Robusta, con ossatura forte e solida; peso consistente o sovrappeso

2 Com’è la vostra pelle?
a) Secca, fredda, ruvida, sottile e scura, con mani e piedi freddi
b) Ben idratata, calda, liscia, untuosa e rosea, chiara con lentiggini e facilmente irritabile
c) Morbida, fresca, umida, spessa e pallida

3 Quanto sudate?
a) Quasi per nulla
b) Abbondantemente
c) Moderatamente e costantemente

4 Come sono i vostri capelli?
a) Secchi, sottili, scuri, ricci, fragili, nodosi e con doppie punte
b) Untuosi, lisci, biondi/rossi/grigi (o calvizie)
c) Untuosi, lucenti, folti, ondulati e castani

5 Quale descrizione si adatta meglio alle caratteristiche del vostro viso?
a) Appuntito, con naso irregolare e narici allungate, labbra sottili, secche e screpolate
b) Regolare, con naso romano, labbra color rosso intenso, morbide e idratate
c) Largo, con naso arrotondato e narici ampie, labbra grandi e carnose

6 Come descrivereste le vostre caratteristiche fisiche?
a) Corporatura piccola, fianchi stretti; addome piatto e scarso; gambe magre con ginocchia sporgenti
b) Fianchi medi; addome moderato e sodo; gambe di media taglia
c) Fianchi larghi; addome ampio, pieno e morbido; gambe forti e robuste

7 Com’è il vostro ciclo mestruale? (solo per le donne)
a) Irregolare, leggero, flusso scarso di colore scuro con coaguli, crampi intensi, tendenza alla sindrome premestruale (SPM) e al pianto
b) Regolare, flusso consistente e prolungato di colore rosso chiaro, crampi di media entità, forte SPM e irritabilità
c) Regolare e senza problemi, crampi leggeri ma costanti, ritenzione idrica e lieve SPM

8 Come descrivereste il vostro sonno?
a) Disturbato. Avete il sonno leggero e spesso soffrite di insonnia
b) Buono. Riposate bene e non avete bisogno di dormire molto
c) Profondo. Avete il sonno pesante e dormite a lungo.

9 Siete entrati a far parte di un team di lavoro. Quale delle seguenti descrizioni meglio rappresenta il vostro ruolo nel gruppo?
a) Siete “il creativo”, ricco di idee fantastiche e talvolta radicali, ma quando partecipate alle riunioni, invece di prendere appunti vi ritrovate a fantasticare e a pensare a cosa farete nel weekend
b) Siete voi ad aver redatto il piano di lavoro, organizzato le riunioni e preparato i volantini, ma se le vostre idee vengono criticate andate su tutte le furie
c) Siete affidabili e fate tutto ciò che c’è bisogno di fare, ma portare a termine i vostri compiti vi richiede molto tempo e un grande sforzo

10 A breve dovrete affrontare un esame. Come vi preparate?
a) Vi immergete nello studio soltanto all’ultimo momento. Ricordate giusto ciò che vi serve per il giorno dopo ma dimenticate tutto nel giro di una settimana
b) Seguite una tabella di marcia meticolosa; vi concedete molto tempo per rivedere il tutto e vi ricordate ogni dettaglio
c) Vi ci vuole una infinità di tempo per ricordare qualunque cosa, ma una volta che ci riuscite non la dimenticate più

11 Vi trovate a una festa e qualcuno sta spudoratamente “flirtando” con il vostro partner. Come reagite?
a) Vi sentite assalire da ansia e insicurezza ma con tutta probabilità non affronterete il vostro partner
b) Vi trasformate nel “mostro dagli occhi verdi”, iniziano a volare i vol-au-vents e alla fine vi lanciate in una violenta discussione
c) Sapete di non aver nulla da temere e continuate a divertirvi con i vostri amici..

12 Il vostro appetito è:
a) Variabile. Vi piace masticare tutto il giorno e sbocconcellare come e quando vi pare
b) Regolare. Vi piace mangiare a orari specifici, ma quando avete fame il vostro appetito è intenso e non riuscite a concentrarvi fino a quando non mettete del cibo sotto i denti
c) Costante. Vi piace rilassarvi mentre mangiate e dedicare tempo ai vostri pasti

13 La vostra sete è:
a) Variabile. In genere preferite le bevande calde
b) Regolare. Avete spesso sete e in genere preferite le bevande fresche
c) Scarsa. Raramente avete sete

14 Così considerate la vostra digestione e la motilità del vostro intestino:
a) Irregolare. Spesso vi sentite gonfi, pieni di gas o costipati. Quando siete lontani da casa soffrite sempre di costipazione
b) Regolare come un orologio. Avete un metabolismo veloce, evacuate ogni giorno ma potete soffrire di acidità di stomaco
c) Indolente. Avete un metabolismo lento e soffrite di intestino pigro.

14 Di cosa soffrite più spesso?
a) Ansia, insonnia e disturbi nervosi
b) Infiammazione, emorragie e problemi della pelle
c) Muco, congestione e problemi al torace o al cuore

15 Se vi ammalate:
a) Avvertite sintomi acuti che iniziano all’improvviso, ma poi guarite rapidamente
b) Soffrite di febbri e sudorazione
c) La malattia ci mette un po’ a comparire, ma poi perdura per un certo lasso di tempo

16 Com’è la vostra energia?
a) Tocca livelli estremi che possono essere utilizzati molto rapidamente, lasciandovi esausti
b) Costante, e voi sapete come stimolarla
c) Ci mette un po’ per “carburare” ma poi resiste a lungo

17 Come tenete sotto controllo il vostro peso?
a) Avete difficoltà a ingrassare
b) Per tutta la vita siete sempre riusciti a mantenere un peso regolare
c) Avete facilità a ingrassare

18 Com’è la vostra vita sessuale?
a) Il vostro appetito sessuale è incostante ma vi eccitate facilmente; soffrite di scarsa fertilità
b) Il vostro appetito sessuale è intenso e appassionato e la fertilità buona
c) Il vostro appetito sessuale è normale, la resistenza buona e la fertilità ottima

19 Siete in vacanza e ci sono 30° all’ombra. Quale delle seguenti situazioni vi descrive meglio?
a) Amate il caldo e siete fanatici del sole. Vi abbronzate molto facilmente
b) Trovate il caldo insopportabile, siete in preda all’agitazione e volete solo stare in piscina. Potete scottarvi facilmente o soffrire di fastidiosi eritemi
c) Il calore non vi crea disagio ma preferite prendervela comoda e rilassarvi tutto il giorno all’ombra.

Risultato del test

Se le vostre risposte sono prevalentemente “a”, in voi predomina vata; “b” corrisponde a pitta; “c” indica kapha. Potreste scoprire di essere una combinazione di ciascuno dei tre dosha, ma è probabile che uno sia dominante.

Se il vostro punteggio è uguale o simile per due dosha significa che avete una costituzione mista e dovreste fare quanto segue:

  • Per vata–pitta: in autunno e in inverno seguite un regime alimentare che riduca vata; in primavera e in estate un regime alimentare che riduca pitta.
  • Per pitta–kapha: in estate e in autunno seguite un regime alimentare che riduca pitta; in inverno e all’inizio della primavera un regime alimentare che riduca kapha. Per vata–kapha: in estate e in autunno seguite un regime alimentare che riduca vata; in inverno e in primavera un regime alimentare che riduca kapha.

Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.