Home Alimentazione Biologica Artrite: come curarla coi rimedi naturali

Artrite: come curarla coi rimedi naturali

3083
0
CONDIVIDI

L’artrite è un problema che affligge oltre 400mila persone in Italia, in prevalenza donne. È un’infiammazione delle articolazioni che si presenta in varie forme: quelle più frequenti sono la osteoartrite e l’artrite reumatoide. In qualsiasi forma si presenti, più o meno grave, la radice comune di tutte le tipologie di artrite è l’infiammazione.

I disturbi sono veramente tanti: dolori, gonfiori, persino deformazione delle ossa e incidono in maniera significativa, in base anche alla gravità della forma in cui si presenta la malattia, nella vita dei soggetti colpiti.

Sembra che nella formazione dell’artrite giochi un ruolo fondamentale la nostra alimentazione. David Getoff, vice presidente della Price-Pottenger Nutrition Foundation e un nutrizionista clinico certificato, ritiene che il consumo frequente di allergeni alimentari più comuni – come il grano o la soia, così come lo zucchero, o qualsiasi cosa che si converte rapidamente in zucchero – possano promuovere l’infiammazione, che danneggia le articolazioni del nostro corpo.

Sempre secondo Getoff, se nutriamo il nostro corpo con le sostanze giuste, possiamo aiutare il processo di guarigione, o alleviare i disturbi, senza ricorrere a farmaci potenzialmente pericolosi.

Vediamo dunque tutta una serie di rimedi naturali, alimentari e non, che ci possono aiutare a trovare sollievo dai dolori causati dall’artrite.

Combattere l’artrite in cucina

Per assumere un’alimentazione corretta, assicuriamoci innanzitutto di eliminare gli alimenti che possono sembrare più innocui se paragonati allo zucchero raffinato, ma che, ugualmente, possono favorire l’infiammazione, come il miele, la melassa e l’agave.

Uno dei migliori cibi che possiamo cucinare per contrastare l’artrite è il cavolo. Vanno bene tutte le varietà come cavolo verza, broccolo, cavolo cappuccio, cavolfiore, crauti. Per ottimizzare i benefici, in genere, è consigliato mangiare il cavolo crudo, magari condito come l’insalata e con l’aggiunta di altre verdure. In alternativa, potete preparare un centrifugato, ma il sapore non è del tutto gradevole, per cui dovreste aggiungere carote e limone per renderlo più commestibile!

Anche le mele sono un ottimo alimento. Andrebbero consumate con la buccia, più ricca di antiossidanti. Ma, per farlo, dovreste accertarvi che la frutta non sia stata trattata con pesticidi.

Da ridurre il pane, che si può sostituire con le patate o con la crusca e cercate di eliminare la carne, prediligendo invece il pesce magro di acqua dolce.

Assolutamente vietati i crostacei, i cibi piccanti, quelli troppo conditi, quelli conservati e quelli affumicati.

Prediligete: lattuga,legumi, cavoli, peperoni, bietole, spinaci,carote e sedano. Cercate di evitare gli asparagi, le rape e i fagiolini.

Tisane e bevande

Sembra che per chi soffre di artrite è necessario bere molti liquidi, soprattutto quelli che facilitano le funzioni renali.

Molti consigliano di bere del succo di patata cruda. Questo rimedio è considerato uno dei trattamenti più efficaci per chi è soggetto a reumatismi o artrite. Per preparare il succo di patata, si taglia a pezzettini una patata di medie dimensioni, si mette in un bicchiere di acqua fredda, e la si lascia riposare tutta la notte. L’acqua va bevuta la mattina successiva, a stomaco vuoto. Al limite, può essere diluita nel brodo.

Ancora, si può scegliere di bere una tazza di succo verde, mischiato con carota, sedano e barbabietola rossa. L’azione alcalina di questo infuso dovrebbe contrastare e dissolvere l’accumulo di depositi nei tessuti.

Utile anche bere un infuso di semi di lino: basta un cucchiaio, lasciato a riposare una notte intera in un bicchiere di acqua calda e da bere la mattina successiva.

Contro i dolori

I rimedi naturali che alleviano i dolori provenienti dall’artrite sono vari. C’è chi preferisce frizionare la parte con alcool canforato misto a olio di oliva.

Per l’artrosi cervicale, invece, si raccolgono delle felci da far seccare all’ombra e da mettere in un sacchetto di cotone ben chiuso. Si tiene sul collo tutta la notte e serve a rilassare la parte.

Ci sono pareri contrastanti sulla questione se sia meglio usare il ghiaccio o il calore per trattare l’artrite. Entrambi hanno i loro diversi effetti: il ghiaccio riduce l’infiammazione e il gonfiore, soprattutto nelle prime 24-48 ore, appena i sintomi si fanno più intensi. Il calore, invece, aumenta il flusso sanguigno e la flessibilità dei tessuti. Infatti, qualcuno consiglia in estate di fare delle lunghe sabbiature sulla spiaggia.

Di sicuro, l’ultimo importate consiglio è quello di ridurre l’esposizione agli inquinanti e aiutare a depurare il corpo di veleni e dai metalli pesanti.

Tutti questi suggerimenti non sostituiscono terapie o visite mediche. In qualsiasi caso, è sempre meglio confrontarsi con uno specialista.

Fonti articolo:

http://www.rimedio-naturale.it/artrite.html

http://erbeperguarire.blogspot.it/2008/05/dieta-e-rimedi-per-lartrite.html

http://www.mnn.com/health/fitness-well-being/stories/natural-remedies-for-arthritis

(Foto: Utente Flickr Ricky Norris)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here