livello dei mari

Il livello del mare aumenta più velocemente nelle grandi città

È noto che l’innalzamento del livello del mare indotto dal clima è una grave minaccia. Ciò che è meno noto è la minaccia di cedimento del suolo. E in molte delle zone costiere più popolate, la terra affonda ancora più velocemente di quanto il mare si alzi.

Parti di Tokyo, ad esempio, sono affondate di 4 metri durante il 20 ° secolo e 2 metri o più di cedimento sono stati segnalati a Shanghai, Bangkok e New Orleans. Questo processo è noto come affondamento. L’affondamento lento si verifica naturalmente nei delta dei fiumi e può essere accelerato ritirando le acque sotterranee, il petrolio o il gas, provocando il consolidamento del suolo e la perdita di quota della superficie.

Lo studio di Nature su livello del mare nelle città costiere

La subsidenza porta a un aumento relativo del livello del mare (aumento del livello del mare più cedimento del suolo). Rende salati i terreni agricoli, danneggia gli edifici, provoca inondazioni diffuse e può anche significare la perdita di intere aree costiere. La subsidenza può minacciare le inondazioni nelle zone costiere basse, molto più dell’innalzamento del livello del mare, ma gli scienziati stanno solo realizzando le implicazioni globali della minaccia per le città costiere .

Infatti, mentre l’area costiera media subisce un aumento relativo del livello del mare inferiore a 3 mm all’anno, il residente costiero medio sperimenta un aumento di circa 8-10 mm all’anno. Questo perché molte persone vivono nei delta e soprattutto nelle città nei delta che affondano.

Questa è la scoperta chiave della  ricerca di Nature  , in cui esaminiamo la velocità con cui le città stanno affondando in tutto il mondo e la confrontiamo con i dati di subsidenza globale, comprese le coste meno densamente popolate.

La scoperta di Nature riflette che le persone spesso scelgono di vivere nei delta dei fiumi, nelle pianure alluvionali e in altre aree che erano già inclini all’affondamento e, così facendo, aggravano ulteriormente l’affondamento.

In particolare, le città che affondano contengono più di 150 milioni di persone nella zona costiera, ovvero circa il 20% della popolazione mondiale che vive in riva al mare. Ciò significa che l’aumento relativo del livello del mare avrà un impatto più improvviso e grave di quanto gli scienziati avessero inizialmente pensato.

Città più colpite

Jakarta

La capitale dell’Indonesia, Giacarta, ospita 10 milioni di persone ed è costruita in pianura vicino al mare. L’estrazione delle acque sotterranee ha causato l’affondamento della città di più di dieci piedi tra il 1947 e il 2010 e gran parte della città affonda ancora di 10 cm o più ogni anno.

La subsidenza non si verifica in modo uniforme, creando rischi disomogenei che rendono difficile la pianificazione urbana. Gli edifici sono ormai allagati, compaiono crepe nelle infrastrutture che vengono abbandonate.

Jakarta ha costruito argini più alti per tenere il passo con l’affondamento. Ma poiché il pompaggio delle acque sotterranee continua, questa politica di riparazione può durare solo fino a quando non si ripetono gli stessi problemi. E la città deve continuare a pompare poiché l’acqua sotterranea viene utilizzata per bere. L’acqua potabile, ciò di cui gli esseri umani hanno bisogno per sopravvivere, alla fine mette le persone a rischio di inondazioni.

La battaglia contro l’affondamento si sta lentamente perdendo e il governo ha proposto nel 2019 di spostare la capitale in una città appositamente costruita sull’isola del Borneo a più di 1.000 km di distanza, e l’affondamento è uno dei tanti motivi.

LEGGI ANCHE: Previsioni meteo terrificanti per i prossimi 5 anni. Al Polo Sud stessa temperatura di San Francisco

Shanghai in difficoltà a causa

Con un rapido sviluppo negli ultimi decenni, e ora con una popolazione di 26 milioni di abitanti, Shanghai è un altro grave problema. La città ha tassi di subsidenza di picco di circa 2,5 cm all’anno.

Anche in questo caso, ciò è principalmente dovuto alla diminuzione del livello delle acque sotterranee, in questo caso grazie al drenaggio per costruire grattacieli, linee della metropolitana e strade (ad esempio, la linea 1 della metropolitana, costruita negli anni ’90, ha causato un rapido affondamento).

Se non viene costruita alcuna protezione aggiuntiva, entro il 2100 questo tasso di subsidenza e innalzamento del livello del mare significa che una tempesta potrebbe inondare circa il 15% della città con le mareggiate.

New Orleans

A New Orleans, secoli di argini e fossati avevano prosciugato e affondato la città, lasciando circa la metà sotto il livello del mare.

Quando l’uragano Katrina ha rotto gli argini nel 2005, la città non ha avuto alcuna possibilità. L’uragano ha causato almeno 40 miliardi di dollari (29 miliardi di sterline) di danni e ha colpito in particolare la comunità afroamericana della città. Più di 1.570 persone sono morte in tutto lo stato della Louisiana.

Se la città non fosse affondata, i danni sarebbero stati notevolmente ridotti e si sarebbero salvate delle vite. Le decisioni prese molti decenni o più fa stabiliscono la rotta per i disastri visti oggi e per ciò che vedremo in futuro.

Non esistono soluzioni semplici

Allora cosa si può fare? Costruire un argine o degli scudi protettivi possono essere una soluzione immediata. Questo, ovviamente, impedisce l’ingresso di acqua, ma ricorda che anche si sta affondando, quindi deve essere molto grande per essere efficace a lungo termine. 

Nelle aree urbane, gli ingegneri non possono sollevare facilmente il terreno, che può richiedere decenni per la ristrutturazione di edifici e infrastrutture. Non esiste una soluzione semplice e il cedimento urbano su larga scala è in gran parte irreversibile.

Alcune città hanno trovato “soluzioni”. Tokyo, ad esempio, è riuscita a fermare l’affondamento dal 1960 circa in poi grazie a normative più severe sul pompaggio dell’acqua, ma non può eliminare il rischio complessivo in quanto parti della città sono sotto il livello del mare e fanno affidamento su argini e pompe per essere abitabili. L’audace proposta dell’Indonesia di trasferire la sua capitale potrebbe essere la soluzione definitiva.

La crescente urbanizzazione, soprattutto nelle aree del delta, e la domanda di acqua dolce significano che la subsidenza continuerà a essere un problema urgente per i decenni a venire.

Affrontare la subsidenza è complementare a far fronte all’innalzamento del livello del mare indotto dal clima ed entrambi devono essere affrontati. Una combinazione di mari in aumento e terre sommerse metterà sempre più a rischio le città costiere.

Scritto da Sally Brown, scienziata della Bournemouth University, e Robert James Nicholls, professore di adattamento climatico presso l’Università dell’East Anglia nel Regno Unito.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto