Home Alimentazione Biologica Kefir d’acqua: benefici e preparazione

Kefir d’acqua: benefici e preparazione

59222
30
CONDIVIDI
kefir acqua

Il kefir d’acqua è un’ottima bevanda probiotica, a base di grani di kefir, acqua naturale e dolcificante naturale. Stimola e rinforza il sistema immunitario e aiuta la regolarità intestinale. Ecco come prepararla a casa.

Il kefir d’ acqua è una bevanda fermentata che contiene ceppi di lieviti e batteri benefici (in relazione simbiotica) che le conferiscono innumerevoli proprietà.

Esistono due tipi di kefir: il kefir di latte e il kefir d’acqua. Le due tipologie differiscono non soltanto nel processo di produzione, ma anche nel quantitativo di fermenti: nel kefir di latte esistono circa 30 specie diverse di fermenti vivi, mentre il kefir d’acqua contiene solo 10-15 specie. Non solo, il Kefir d’acqua è meno calorico di quello di latte: contiene 20 kcal per 100 grammi. Il kefir fatto con latte di soia, invece, 45 kcal per 100 grammi.

Il kefir tradizionale viene preparato utilizzando del latte fresco e dei granuli di kefir, che contengono batteri e lieviti.

Il kefir però, come abbiamo accennato, può essere preparato anche con liquidi diversi dal latte vaccino, come il latte di soia, il latte di riso o semplicemente acqua zuccherata contenente frutta e aromi. In quest’ultimo caso avremo il kefir d’acqua.

Il kefir d’acqua, costituisce dunque un’ottima bevanda probiotica, in genere consumata da vegetariani, ma anche da chi è intollerante al latte. Inoltre, non contiene glutine.

Composizione del kefir d’acqua

I grani del kefir d’acqua sono costituiti da un polisaccaride complesso, su cui vive in maniera simbiotica una combinazione di batteri vivi e lieviti. Nel kefir d’acqua sono stati identificati fino a 453 ceppi batterici diversi.

Non tutti i ceppi, naturalmente, sono presenti in ogni campione di kefir. Le variazioni della composizione batterica determinano differenze nel comportamento dei grani e della velocità con cui si moltiplicano.

Granuli di Kefir
Granuli di Kefir

Proprietà del kefir

Il principale motivo del consumo del Kefir, e in particolare del Kefir d’acqua, è il suo contenuto di probiotici, che aiutano e rafforzano il sistema immunitario.

Secondo molti, consumare 1 litro di kefir d’acqua al giorno aiuta a guarire da alcune malattie autoimmuni, come, per esempio, la malattia di Chrohn.

I probiotici contenuti in questa bevanda arrivano immuni nell’intestino, resistendo agli attacchi dei succhi gastrici. Una volta giunti, arricchiscono la flora intestinale, riequilibrandola e proteggendola da disturbi quali diarrea o stitichezza. Un toccasana per il sistema immunitario intestinale.

Inoltre, sembra che il kefir possa essere usato come coadiuvante nella cura di varie patologie: ulcere gastriche e duodenali, catarro bronchiale, malattie epatiche e biliari, malattie renali, malattie dello stomaco e dell’intestino, eczemi e candida.

Oltre ai fermenti, questa bevanda contiene anche minerali quali il calcio, il magnesio, il fosforo e lo zinco. vitamine del gruppo B e vitamina K, che regola il sistema renale.

In sintesi: consumare regolarmente questa bevanda garantirebbe il buon funzionamento dell’intestino e dell’apparato digerente, un rinforzo delle difese immunitarie, il riequilibrio della flora intestinale e l’eliminazione del colesterolo cattivo nel sangue.

Qui un articolo che approfondisce l’importanza dei probiotici per il nostro organismo.


Come fare il kefir in casa

Descriviamo adesso il procedimento che porta alla creazione, in casa, del Kefir d’acqua.

La prima cosa che dobbiamo fare è procurarci i granuli. I granuli di Kefir d’acqua, in genere, non vengono venduti nei negozi. Vengono solitamente passati da amici. In alternativa, si possono acquistare su eBay o su alcuni store specializzati nella vendita di questi prodotti.

I granuli, se ben trattati, aumentano ad ogni fermentazione. Questo vi permetterà di regalarli a vostra volta ad altri amici.

Per creare il vostro Kefir di acqua vi serviranno:

  • 1 barattolo di vetro abbastanza grande;
  • 1 litro di acqua naturale;
  • 3 cucchiai di granuli di kefir d’acqua;
  • 2 cucchiai di zucchero di canna;
  • 2 fichi secchi (vanno bene anche 2 prugne o qualche chicco di uvetta);
  • mezzo limone biologico;
  • un colino.

A piacere, si può aggiungere un pizzico di cannella o altri aromi naturali. La scelta degli ingredienti modificherà il sapore e l’aroma della bevanda.

Riempite il barattolo di vetro (che dovrà avere la capienza di oltre un litro) con l’acqua e aggiungeteci i granuli di Kefir, lo zucchero, la frutta e il limone. Se avete ricevuto i granuli di Kefir nella soluzione zuccherina oppure li avete tolti dal vaso dopo aver travasato la bevanda, prima di immergerli nel barattolo, lavateli bene con acqua corrente.

Inserite i vostri ingredienti nel contenitore, quindi, mescolate bene, facendo sciogliere lo zucchero, e richiudete con un tappo o con un canovaccio bloccato con un elastico. Dovranno rimanere due dita d’aria sopra l’orlo dell’acqua, perché la fermentazione produce anidride carbonica.

Lasciate la vostra soluzione su una mensola a temperatura ambiente. Dopo 24 ore, la vostra bevanda avrà azione lassativa, perché ancora ricca di glucosio e saccarosio, dopo 48 ore, invece, azione astringente, perché il liquido sarà più acido.

Una volta terminato il processo di fermentazione, spremete il limone, filtrate il liquido con un colino e conservatelo in frigo. In genere, si consiglia di consumare il kefir sempre fresco.

Per una nuova preparazione del prodotto, rimettete nel vaso solo 3 cucchiai di granuli, precedentemente risciacquati accuratamente sotto l’acqua corrente. Togliete i granuli in eccesso, aumentati nel processo di fermentazione e regalateli a qualcuno.

Anche se non preparate il kefir d’acqua, il fungo rimane in vita per parecchi giorni se lasciato in acqua zuccherata in frigo. Comunque, si consiglia di rinnovare completamente i grani dopo almeno 6 mesi.

Fonte

Fonte

Fonte

(Foto: Simon A. Eugster)

30 COMMENTI

  1. Salve a tutti, stò usando il kefir d’Acqua da circa tre settimane, premesso che non ho particolari patologie, un’amica mi ha coinvolto in questo percorso che lei ed altri hanno già iniziato con buoni risultati. la mia perplessità è: dove và a finire tutto quello zucchero? Vi sarei grato se mi deste una risposta esaustiva, grazie.

    • Ciao kalos..per rispondere alla tua domanda, lo zucchero svanisce praticamente del tutto. È il nutrimento che si mette per i grani di kefir, sennò morirebbero “di fame”. Il complesso insieme di li microrganismi contenuto nei granuli non fa altro che fermentare lo zucchero, si nutre di esso e tra i prodotti di scarto della fermentazione c’è la CO2, l’anidride carbonica che noi percepiamo poi come una leggera “frizzantezza” nella bevanda. Ed ecco che dopo 48 ore di fermentazione i nostri amici hanno mangiato tutto e zucchero non se ne ritrova praticamente più.

    • Il kefir può essere adatto anche ai bambini, e non contiene glutine, a meno che non sia stato contaminato con qualche sostanza nella preparazione, di norma non lo contiene.

  2. …anch’io sto cercando informazioni sul kefir per iniziare un nuovo percorso alimentare, visto che da poco ho saputo di essere celiaca ed intollerante al lattosio. Ho già letto nel vostro, ed in altri, articoli le sue proprietà benefiche e non le discutono, ma la mia domanda, che non ha ancora trovato risposta, è questa: come noto il kefir nasce tra le popolazioni del Caucaso probabilmente almeno un millennio fa, quindi come può essere lo zucchero il dolcificante che dà modo ai grani di far partire la fermentazione della bavanda? Sicuramente a quei tempi ed in quei luoghi zucchero bianco o di canna non esistevano, può essere il miele, più salutare, un altro dolcificante adatto allo scopo?
    Grazie in anticipo per una risposta
    Sara

    • Ciao Sara credo che venissero utilizzati zuccheri della frutta che potevano aiutare nella fermentazione. Si dice che le popolazioni caucasiche siano state molto gelose della ricetta del kefir e che per tale motivo sia così difficile riprodurla correttamente. Si narra che il raccontare ad altre popolazioni la ricetta del kefir avesse ridotto la forza di questo preparato e le sue incredibili virtù.Non so quanto posso esserti stata utile in questo, ma spero che possa servire in qualche modo.

      • Molto probabilmente il dolcificante usato era una sorta di melassa ricavata dalla frutta. invece io voglio farti un’altra domanda da quale ceppo parte il kefir d’acqua? Per una persona “allergica”, non intollerante, alle proteine del latte il kefir è un’alimento sicuro? considerando che una minima quantità di allergene potrebbe essere fatale.

  3. ormai è u n anno che uso il kefir e mi trovo bene, il mio problema era la stitichezza e,,,va meglio. La cosa che non mi spiego è la durata dei granuli. dopo 6 mesi se me li passa la mia amica che a sua volta li ha ricevuti da un’altra amica, come si fa a risalire alla nascita di questi granuli? grazie.

  4. Il mio Kefir d’acqua è buono ma non frizzante, leggermente denso. I granuli li ho convertiti da latte ad acqua. Va bene che non sia frizzante? ho notato che in un mese non si sono moltiplicati tanto. come faccio a sapere se sono vivi.?

  5. Salve a tutti,é da tempo che dentro casa si fa uso quotidiano del kefir d’acqua….Il problema ormai é solo uno,perché non viene più frizzante come una volta,quindi vorrei chiedervi cosa si puo’ fare per risolvere questo problema…Grazie mille in anticipo a chiunque mi risponderà

  6. Ciao a tutti. Volevo sapere se e sicuro utilizzare il kefir di acqua in gravidanza. E se ci sono dosi limite o controindicazioni. Grazie

    • Il kefir sia di acqua che di latte si può usare tranquillamente in gravidanza, anche se conviene sempre in questi casi sentire il parere del proprio medico che vi segue nella gravidanza

  7. Mi è stato regalato da tre settimane il Kefir d’acqua e lo preparo regolarmente come descritto nei vari siti, ma mi avevano detto che cresceva giorno per giorno, ma tutto questo non avviene forse perché in questo periodo fa molto caldo? ha che temperatura dovrebbe stare in casa durante la crescita il Kefir d’acqua.

  8. I fermenti del kefir d’acqua sono gli stessi del latte? Quelli in piu del kefir d’acqua posso ,aggiungendo latte, ottenere il kefir di latte?

  9. Salve ma quando ne abbiamo molti che cosa ci facciamo ? Si possono mangiare ? Ma come cotti crudi ….come si utilizzano ….grazie grazie

  10. Buon giorno,una settimana fa ho acquistato i granuli per il Kefir d’acqua, mi hanno dato una scatolina contenenti 6 bustine, all’interno ho solo trovato una polverina e alla fine ho seguito tutte le istruzioni da voi indicate..
    Finale: dopo 48 ore ho filtrato l’acqua al fondo non vi era assolutamente nulla solo un pochino della polvere versata, ma i granuli di Kefir non dovevano esserci? Oppure e’ normale che il Kefir d’acqua non crei questi granuli?
    Attendo risposta grazie

    • anche io sono arrivato a queste bustine ti posso dire che non si tratta di granuli di kefir ma di una farina di kefir che produce uguale la fermentazione ma non diventerà mai granuli che ti durano tanto pultroppo quando arriva il lucro spesso è a discapito della originalità se vuoi un consiglio quando usi le bustine leva solo metà kefir pronto ed allungalo con altra mezza dose la fermentazione continua e poi vatti ad ordinare il kefir in granuli su ebay

    • Si il limone meglio essere bio o almeno con la buccia non trattata in superficie .al posto del limone puoi mettere arancia,mandarini o qualche fruta acida dg i stagione tipo: albicocca uva prugna (sempre bio)

  11. Salve a tutti e da tempo che uso o granuli di kefir con il latte adesso vorrei usare anche con l acqua ..qualcuno di voi usa questi del latte o sono granuli a parte?Grazie aspetto che qualcuno mi risponde

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here