Home Alimentazione Biologica Caffè biologico, l’alternativa da gustare: è buono e sostenibile

Caffè biologico, l’alternativa da gustare: è buono e sostenibile

536
0
CONDIVIDI
Il caffè biologico: buono e sostenibile

Scopriamo insieme il caffè biologico: come è prodotto e dove trovare l’alternativa sostenibile che rispetta la natura e il piacere dei consumatori

Negli anni, i consumatori hanno iniziato a essere più attenti all’ambiente e alle materie prime con cui vengono realizzati i prodotti che acquistano. Dalle verdure, ai prodotti con un buon Inci, fino ad arrivare al caffè biologico, ogni scelta è fatta con maggiore consapevolezza. Verso l’ambiente e verso la propria salute.

Ma cosa significa esattamente acquistare un caffè biologico? E poi: è buono come quello “normale”?

Scopriamolo insieme

Caffè biologico: l’attenzione per l’ambiente in una tazzina

Una tazzina di caffè ha un costo enorme per la natura. Qualche tempo fa, i ricercatori dell’Università del Kansas hanno infatti esaminato il modo in cui la produzione di massa di questo prodotto incide sulle risorse, economiche e ambientali.

Dalle loro analisi, è risultato che una singola tazzina “costa” all’ambiente 140 litri di acqua, più 0,1 metri quadrati di terreno. A cui vanno ad aggiungersi le perdite in termini di ettari di foreste e biodiversità. Un prezzo che negli ultimi anni è cresciuto, con l’aumento della domanda mondiale. Questo ha infatti portato a una serie di cambiamenti nei metodi di produzione. Secondo gli studiosi, il processo ha reso le piantagioni di caffè sempre più simili a quelli di frumento e soia. E cioè insostenibili.

Non è possibile allora gustare un’ottima tazzina, senza far male all’ambiente?

Il caffè biologico prova a rispondere proprio a questa esigenza, attraverso una coltivazione più consapevole, rispettosa dell’ambiente e della salute delle persone.

Caffè biologico: come viene prodotto

Le grandi produzioni di caffè tradizionale si affidano principalmente a varietà ibride, più resistenti, ma che richiedono un uso massiccio di fertilizzanti e pesticidi di sintesi. Questo ha un notevole impatto sulla natura, ma anche sulle tasche dei piccoli produttori.

Il caffè biologico, invece, è un prodotto coltivato senza l’utilizzo di alcuna sostanza chimica e nel rispetto dell’ambiente. Gli insetticidi vengono sostituiti con insetti antagonisti e la concimazione avviene attraverso l’utilizzo di sostanze naturali. Le coltivazioni, inoltre, sono portate avanti senza attuare il disboscamento delle aree che circondano le piantagioni.

Caffè biologico, quindi, non significa solamente prodotto di qualità. Significa bere un prodotto legato nel modo più naturale alla terra, ricco di aromi originali e sinceri. Una qualità garantita dalla certificazione biologica.

Tra i caffè biologici si trovano differenti qualità, tutte cariche di profumi e sapori gradevoli al palato.

Caffè biologico: dove trovarlo

Se volete continuare a bere una buona tazza di caffè., senza nuocere all’ambiente, il caffè biologico è la scelta che fa per voi. Esistono diversi negozi che vendono caffè biologico. Come quelli che si occupano della vendita di prodotti tipici o a chilometro zero.

O ancora, se avete bisogno di elevati quantitativi, anche per rivendita, potete trovare dei distributori di caffè all’ingrosso, che vi daranno la possibilità di effettuare il vostro acquisto comodamente da casa, online, scegliendo tra una vasta gamma di alternative.

Qui, infatti, è possibile spaziare tra tutte le scelte possibili nel mondo del caffè: i classici in grani, i macinati, le cialde, le capsule, i solubili e i prodotti biologici, trovando anche la possibilità di acquistare da produttori vicino a voi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.