monopolio cannabis monsanto bayer

Monopolio cannabis: Monsanto e Bayer stanno cercando di conquistarne l’industria

Da un pò di anni a questa parte si vocifera che la Monsanto progetta di conquistare l’industria della cannabis con l’ingegneria genetica, come si sta occupando del mais e della soia.
Anche se hanno sempre negato di avere qualche intenzione di farlo, a questo punto è improbabile che qualcuno li creda davvero. Al contrario, molti nella sfera della cannabis sono pronti a resistere a qualsiasi tipo di acquisizione di marijuana da parte della Monsanto o di una qualsiasi delle loro coorti.Le prove tuttavia stanno aumentando, il che mette fortemente in evidenza l’idea che la Monsanto ha in effetti intenzione di prendere il controllo della pianta di cannabis e non ci sembra per nulla una buona idea.

Fusione fra Bayer e Monsanto

Forse ricorderete a settembre dello scorso anno la Bayer, la più grande compagnia farmaceutica del mondo, ha fatto un accordo per acquistare Monsanto, con le conseguenze che poi sono note in questi giorni del tracollo della compagnia tedesca.

Secondo la rivista Big Buds, Monsanto e Scotts Miracle-Gro hanno una ” profonda partnership commerciale ” e pianificano di conquistare l’industria della cannabis.

Hawthorne, un gruppo di facciata per Scotts, ha già acquistato tre delle maggiori compagnie di coltivazione di cannabis: General Hydroponics, Botanicare e Gavita. Molte altre aziende di prodotti idroponici hanno anche riportato tentativi di acquisto da parte di Hawthorne.

monopolio cannabis
Il mercato della cannabis e della marijuana legale sta diventando sempre più oggetto di interesse anche per i grandi gruppi industriali come la Bayer

Ha anche investito in società come Leaf, che produce cannabis in un terrario coperto regolato elettronicamente accessibile tramite smartphone.

È logico che Bayer, essendo la società madre, avrebbe collaborato con Monsanto per condividere segreti che avrebbero favorito la reciproca attività. Molte persone nell’industria della cannabis hanno avvertito di questo, incluso Michael Straumietis, fondatore e proprietario di Advanced Nutrients.

Verso la creazione di una cannabis OGM

Monsanto e Bayer condividono informazioni sulle colture geneticamente modificate”, osserva Straumietis. “Bayer collabora con GW Pharmaceuticals, che coltiva la propria genetica di marijuana brevettata. È logico concludere che Monsanto e Bayer vogliano creare marijuana OGM. “- Michael Straumietis

È possibile che Bayer e Monsanto possano creare un monopolio sui semi di marijuana nello stesso modo in cui hanno creato un monopolio sul mais e sulla soia. Attraverso un immenso potere societario e l’applicazione della legge sui brevetti internazionali, queste società potrebbero posizionarsi in una posizione di controllo totale sulla cannabis sia come medicinale che per uso ricreativo, utilizzando lo stesso modello utilizzato per le colture alimentari che controllano.

Fonte: Waking Times

Articoli correlati

Canapa Sativa: le coltivazioni del mercato legale

Impressionanti i benefici medici del cannabidiolo (CBD)

canapa light, cannabis OGM, genetica, marijuana OGM, monopolio cannabis, Monsanto e Bayer


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter