Miosi: cosa è quali sono le cause del restringimento della pupilla. Possono rappresentare anche una malattia grave

Lo impariamo fin da piccoli. La pupilla si ritrae o si dilata a seconda della luminosità esterna. I due fenomeni prendono il nome rispettivamente di miosi e midriasi.

Ma sapete che dietro il restringimento della pupilla può nascondersi anche una patologia o un grave trauma? Scopriamo insieme di più sulle cause di questo fenomeno.

 Che cos’è la miosi

Il termine miosi deriva dal greco μείωσις, che si pronuncia “meiosis” e vuol dire “diminuzione”. La miosi è infatti il restringimento del diametro della pupilla al di sotto dei 4 millimetri.

Il ritrarsi della pupilla avviene, in condizioni normali, per effetto della contrazione del muscolo sfintere dell’iride, un fascio di miocellule che ha proprio la funzione di regolare le dimensioni della pupilla.

Miosi restringimento pupilla
Pupille a spillo: possono essere un sintomo di problematiche di salute

Sono diverse le cause che producono tale restringimento, alcune fisiologiche, altre invece derivanti da una malattia oppure dall’assunzione di determinate sostanze.

Si ha miosi fisiologica:

  • Se i nostri occhi sono colpiti da una luce intensa (pensa a quando guidi e stai uscendo da una galleria);
  • Quando fissiamo un oggetto vicino;
  • In presenza di emozioni forti come la rabbia.

Cause patologiche della miosi

Sono moltissime le possibili cause patologiche della miosi. Vediamo una rassegna:

  • Paralisi del simpatico cervicale;
  • Tabe, malattia del sistema nervoso;
  • Siringomielia, disturbo neurologico per cui si crea una “siringa” piena di liquido nel midollo spinale;
  • Encefalite letargica;
  • Emorragia pontina o intracerebrale;
  • Lesioni del bulbo oculare;
  • Cefalea;
  • Ictus;
  • Iridociclite (infiammazione dell’iride);
  • Ischemia cerebrale;
  • Sindrome di Horner (danno al tronco del sistema nervoso simpatico cervicale);
  • Uveite (infiammazione dell’ùvea);
  • Arteriosclerosi;
  • Genetica: un difetto ereditario può indurre problemi ai muscoli della pupilla, causando miosi.

Ricordiamo poi che anche la vecchiaia può essere una causa della miosi. Con il passare degli anni, infatti, i muscoli della pupilla tendono a indebolirsi.

 

pupille isocoriche miosi
Pupille isocoriche: denotano normalità e stabilità di dimensioni di entrambe le pupille

La miosi può essere infine provocata dall’assunzione di farmaci come antispastici e antistatici, o di sostanze stupefacenti, in particolare oppiacei e derivati, o da eroina e morfina.

Pupille e trauma cranico

Un aspetto molto importante da considerare è la relazione tra il restringimento della pupilla e traumi alla testa, al collo e alla colonna vertebrale.

In caso di trauma cranico, infatti, è possibile valutare l’entità del danno da una serie di fattori, tra cui la dimensione, la posizione e la dilatazione delle pupille.

Quando le pupille sono molto piccole potrebbe proprio essere una conseguenza di un trauma cranico o di una disfunzione cerebrale: non a caso gli eroinomani mostrano occhi rossi con pupille quasi invisibili.

Midriasi il contrario della miosi

Il restringimento o la dilatazione della pupilla possono essere indotti per fini diagnostici. La miosi può essere per esempio ottenuta con colliri a base di pilocarpine o reserpina.

Anche la midriasi, ovvero il contrario della miosi, può essere indotta: per esempio dagli oculisti che vogliono studiare a fondo lo stato di salute di un occhio.

Miosi e midriasi formano insieme il cosiddetto “riflesso pupillare alla luce”, si presentano cioè al variare dell’intensità della luce che colpisce il nostro occhio.

Entrambi i fenomeni possono essere:

  • Bilaterali, quando si presentano contemporaneamente in entrambi gli occhi;
  • Monolaterali, quando interessano un occhio solo (pensa per esempio a quando un oculista usa una lucina per illuminare solo un occhio: in quel caso la miosi si presenterà solo in una pupilla).

Quando il diametro delle due pupille è diseguale, si parla di anisocoria.

pupilla azzurra miosi
Pupille miotiche: sono spesso un segnale di problematiche neurologiche

Proteggi lo stato di salute dei tuoi occhi

Vuoi scoprire il modo di trattare al meglio i tuoi occhi? Approfondisci subito l’argomento con i nostri articoli:

Cura della miosi patologica

Come abbiamo visto, il restringimento patologico delle nostre pupille è un fenomeno che ha una serie di cause estremamente eterogenea. Quando il medico sospetta quindi che la miosi sia di natura patologica, effettuerà una serie di ulteriori test per capire qual è l’origine.

Una volta scoperta, si potrà intraprendere il percorso terapeutico più adatto.

anisocoria, miosi, miosi patologica, pupille miotiche, restringimento della pupilla, restringimento pupille


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto