IARC : la National Cancer Institute ha nascosto dati su glifosato e cancro. E Monsanto ha stanziato 17 milioni di $ per questo

Quando Aaron Blair si è seduto a presiedere una riunione di 17 specialisti presso lo IARC in Francia, c’era qualcosa che non stava dicendo loro.

Era il marzo 2015. L’epidemiologo dell’Istituto Nazionale del Cancro americano aveva visto importanti dati scientifici inediti che si riferivano direttamente ad una questione fondamentale che gli specialisti IARC avrebbero dovuto prendere in considerazione.

Il rapporto diretto tra glifosato e cancro

La ricerca dimostrava che il glifosato, l’ingrediente fondamentale del prodotto Roundup più venduto dell’azienda Monsanto, provoca il cancro.

I documenti giudiziari precedentemente non dichiarati riesaminati da Reuters da un processo legale statunitense in corso contro Monsanto, mostrano che Blair ometteva dei dati che provassero di un legame certo tra il glifosato e il cancro.

Ma lo IARC, o International Agency for Research on Cancer, non ha mai avuto modo di valutare in maniera corretta ed esaustiva questi dati. La mancata pubblicazione così ha suscitato dibattito e scontri di pensiero.

Un epidemiologo americano e uno statista statunitense del Regno Unito – indipendenti da Monsanto – hanno dichiarato a Reuters che i dati erano forti, acclarati e pertinenti e non vedevano alcuna ragione per cui non era emerso il collegamento tra glifosato e cancro.

Nel frattempo, Monsanto si è trovato ad affrontare ulteriori controversie da centinaia di soggetti in tutti gli Stati Uniti che affermano che il glifosato ha causato loro o ai loro cari il linfoma non Hodgkin, citando la valutazione IARC come parte delle loro affermazioni.

E le ultime vicende giudiziarie di Bayer-Monsanto e i mega risarcimenti a cui è stata condannata, non fanno che confermare questo presupposto e il fatto che, per una serie di ragioni, questo collegamento o rapporto di causa-effetto era stato nascosto, omesso, parziamente o totalmente che fosse.

glifosato e cancro agricoltura
Una delle coltivazioni “asettiche” tipiche di uso di glifosato: si nota l’assenza di qualsiasi altro tipo di vegetale

Monsanto ha stanziato fondi per il negazionismo sul glifosato: 17 milioni di dollari

Essi sostengono che Monsanto non ha avvertito i consumatori dei rischi, mentre Monsanto nega le accuse. Ha detto a Reuters che i dati sono stati deliberatamente nascosti da Blair, ma non hanno fornito alcuna prova specifica sull’accaduto.

Blair ha detto a Reuters che i dati disponibili due anni prima che lo’IARC avesse valutato il glifosato non è sono stati pubblicati in tempo perché c’era troppo da adattarsi a un solo documento scientifico. Alla domanda se deliberatamente non lo ha pubblicato per evitare di essere considerato da IARC, ha detto che era “assolutamente sbagliato”.

Lo IARC ha concluso la sua riunione nel 2015 concludendo che il glifosato è un “cancerogeno umano probabile”. Ha basato la sua constatazione su “prove limitate” di cancerogenicità negli esseri umani e “prove sufficienti” negli animali. Ha detto, tra l’altro, che vi era una “associazione positiva” tra il glifosato e il cancro del sangue chiamato linfoma non-Hodgkin.

Negli Stati Uniti, un giudice della California ha preso in considerazione la valutazione IARC in un caso giuridico distinto in marzo quando ha affermato che lo Stato può richiedere a RoundUp di apporre un’etichetta di avvertenza che possa causare il cancro.

vigne california glifosato
Queste vigne in California dall’aspetto sostanzialmente perfetto, sono soggette a trattamenti di glifosato.

E allora, come mai fino ad oggi non è emerso in maniera ufficiale e definitiva questo pericoloso problema? Recentissime notizie parlano di un fondo messo a bilancio una cifra di ben 17 milioni di dollari proprio per influenzare una serie di attori sociali, tra i quali i media, gli esperti, le istituzioni, tra le quali anche quelle deposte alla legislazione.

La deposizione al processo del dirigente Monsanto Samuel Murphey

Nella sua deposizione, a Murphey è stato chiesto quanto l’azienda abbia speso cercando di mettere in dubbio la classificazione IARC. Ecco un po ‘dello scambio:

Avvocato dell’accusa Pedram Esfandiary: “Quindi è vero che la Monsanto ha stanziato milioni di dollari per rispondere alla classificazione IARC, giusto?”.

Murphey: “Noi – abbiamo – abbiamo dovuto spendere una quantità significativa di risorse, nel corso di diversi anni, correggendo la disinformazione e affrontando le domande nel pubblico riguardo al glifosato”.

Esfandiary: “La Monsanto ha stanziato milioni di dollari per rispondere alla classificazione IARC?”

Murphey: “Sì”.

Esfandiary: “Conoscete approssimativamente quanto la Monsanto gli ha assegnato nel 2016?”

Murphey: “Posso solo parlare nel contesto di, sai, attività degli affari pubblici, sai, cose alle quali sarei stato direttamente coinvolto. Ma nel 2016, sai, credo per alcuni dei progetti in cui sono stato coinvolto , era di circa 16 o 17 milioni “.

Esfandiario: “16 o 17 milioni di dollari… sono stati assegnati per rispondere al chiarimento IARC (stet)?

Murphey: “No, non specificamente e incentrato esclusivamente su IARC. È – si sarebbe concentrato sull’impegno, sulle relazioni con i media e altre attività sul glifosato, più in generale “.

Ad esempio lo stesso Blair potrebbe essere stato uno di questi ad essere “influenzato”; se gli esperti di IARC avessero potuto prendere in considerazione i dati inediti NCI poi omessi da Blair, l’analisi dell’IARC sull’evidenza sul glifosato sarebbe stata diversa, ha riconosciuto lo stesso Blair nei documenti di corte rivisti da Reuters.

La ricerca inedita è venuta dallo Studio sulla Salute dell’Agricoltura, uno studio autorevole e significativo, condotto da scienziati presso l’Istituto Nazionale di Cancro degli Stati Uniti, dei lavoratori agricoli e delle loro famiglie negli Stati Uniti.

Scontro culturale e misteri irrisolti

Nonostante le modeste dimensioni e il budget di IARC, le sue monografie spesso catturano gli occhi e le orecchie dei responsabili politici e del pubblico. Le monografie recenti di IARC hanno incluso giudizi che la carne rossa è cancerogena e dovrebbe essere classificata accanto all’arsenico e al fumo e che il caffè, che l’IARC aveva incluso tra le sostanze pericolose, probabilmente non è cancerogeno.

IARC ha considerato circa 1.000 studi pubblicati nella sua valutazione del glifosato. Ma solo una manciata di questi erano studi diretti su esseri umani – come lo studio sulla salute agricola e il più rilevante riguarda situazioni di vita reale come le persone che lavorano con il glifosato nell’agricoltura.

Le differenze giudiziali sul glifosato da parte di IARC e di altri regolatori hanno provocato scontri su entrambi i lati dell’Atlantico.In un precedente articolo anche noi avevamo ricordato le enormi contraddizioni di alcune prese di posizione di FAO e OMS.

Negli Stati Uniti i membri del Congresso hanno lanciato indagini sul finanziamento dei contribuenti americani dell’IARC. Non hanno ancora raggiunto alcuna conclusione.

LEGGI ANCHE:

Glifosato e danni sulle future generazioni: le ultime ricerche su epigenetica

Glifosato nei prodotti italiani: diffusi i risultati dei test clinici

Due settimane di cibo biologico per limitare i danni del glifosato

La pasta Italiana: quella con tracce di glifosato e quella Bio al riparo da contaminazioni

SCARICA IL PDF DE L’INTERNAZIONALE sul GLIFOSATO

Fonte: Il Salvagente

dati ricerche, glifosato, glifosato e cancro, Iarc, linfoma non Hodgkin, milioni, Monsanto, NCI


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter