Home Società Conad ritira lotto di acqua minerale sospetta

Conad ritira lotto di acqua minerale sospetta

1705
0
CONDIVIDI

La Conad ritira bottiglie d’acqua con il marchio del supermercato che potrebbero essere contaminate.

Il prodotto in questione è l’acqua minerale naturale frizzante “Conad-Fonte Lieta”, lotto L32891, produttore Nuova Samicer, che scade il 15 ottobre 2014.  

In una nota che la catena di supermercati ha inviato per e-mail ai clienti iscritti al servizio si legge: “Conad ha disposto in via precauzionale il ritiro dal mercato del lotto di acqua minerale indicato, perché potrebbe non corrispondere ai requisiti di sicurezza. La misura è stata assunta in seguito a una segnalazione di non conformità per sapore e odore, in base alla quale Conad ha avviato tutti gli accertamenti utili presso il fornitore di acque minerali e ha immediatamente disposto il ritiro precauzionale del lotto dal mercato. Anche se al momento dai risultati analitici non è emersa alcuna irregolarità, Conad ha comunque confermato la misura di ritiro e ordinato il prosieguo degli accertamenti, al fine di scongiurare qualsiasi potenziale rischio per la salute dei consumatori”. Come riporta la nota, dunque, non dovrebbero esserci reali rischi per la salute, ma per scongiurare ogni evenienza negativa si è preferito togliere dal mercato le bottiglie che non garantiscono la totale sicurezza del prodotto, avvertendo nel contempo i consumatori. L’invito del supermercato è a verificare immediatamente di non aver acquistato acqua appartenente al lotto indicato e a non berla nel caso ci si rendesse conto di averla, invece, comprata.

“La procedura di ritiro – prosegue la comunicazione di Conad – ora è in fase di completamento, tuttavia invitiamo i clienti ad annotare i codici identificativi, al fine di verificare se nella dispensa di casa siano presenti bottiglie di acqua appartenenti al medesimo lotto”.

“Nel caso – prosegue la e-mail della catena di supermercati – raccomandiamo ai clienti di non utilizzare il prodotto e di riconsegnarlo al responsabile del punto vendita, che provvederà a rimborsarlo o a sostituirlo con un prodotto analogo”.

Si tratta dunque di lana forma estrema di cautela, visto che le analisi effettuate fino a questo momento non hanno dato risultati negativi, tuttavia i clienti sono invitati a non bere l’acqua in questione e, nel caso fosse stata acquistata, a riconsegnarla al negozio per essere rimborsati oppure per sostituire quell’acqua con altra.

Fonte:www.massacomune.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here