trentino alto adige e pesticidi

Trentino Alto Adige e pesticidi: il triste primato, la regione italiana con la maggior distribuzione. La causa sono le mele?

Il Trentino Alto Adige e pesticidi: la prima regione italiana a detenere questo triste primato.

E’ la regione italiana per eccellenza nella coltivazione delle mele, soprattutto nella valle dell’Adige e in Val di Non, si producono circa 1.500.000 tonnellate di mele all’anno, pari al 65% della produzione nazionale.

Trentino Alto Adige e pesticidi

I dati più recenti risalgono al 2016 , in quanto sono stati raccolti e pubblicati poi dall’ ISPRA sull’Annuario dei dati
ambientali – Edizione 2018, che rende disponibili le rilevazioni annuali sull’utilizzo di prodotti fitosanitari nelle diverse regioni italiane.

Nel 2016, per ogni ettaro di superficie trattabile, sono stati distribuiti 62,2 kg di fungicidi, acaricidi ed erbicidi, quasi dieci volte la media nazionale di 6,63 kg per ettaro.

Coltivazioni di mele e vigne

Le coltivazioni del melo e della vite sono quelle che più richiedono questi trattamenti,  e questa tipologia di agricoltura è diventata ormai insostenibile per molti aspetti.

I pesticidi inquinano i terreni, l’aria e le acque, avvelenando anche gli organismi utili, senza contare i rischi per la salute delle persone che vivono nelle vicinanze delle aree agricole.

Questo tipo di agricoltura contrasta molto con l’immagine pulita che le province di Trento e Bolzano, attraverso abili e costose operazioni di marketing, creano per aumentare le vendite dei loro prodotti.

Dati della regione sui pesticidi

  • 1.500.000 circa le tonnellate di mele prodotte (circa 65% della produzione nazionale)
  • 25-30 trattamenti con sostanze chimiche necessari per ottenere un raccolto di mele
  • 62,20 kg di principi attivi distribuiti per ettaro
  • 4.586.678 i chilogrammi di pesticidi distribuiti in regione nel 2016

Scarica pdf con la fonte e le infografiche 

pesticidi, Trentino Alto Adige, Trentino Alto Adige e pestcidi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Comment

  • Come potete vedere non solo la carne fa male. E non diciamo fesserie che la verdura bio non esiste perche’ pure quella dell’ orto di casa basta quando piove che si contamina terreno e piante. Com la buona pave di vegani vegetariani ed altri pseudofilosofi dell’alimentazione……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter