glifosato

Il glifosato colpisce gli ormoni delle bambine nell’utero materno. Studio rivoluzionario

L’esposizione al glifosato durante la gravidanza causa cambiamenti ormonali nelle bambine.

Un nuovo studio pilota peer-reviewed su donne esposte al glifosate durante la gravidanza aumenta la comprensione degli scienziati di come la sostanza chimica agisca come un distruttore endocrino nelle bambine.

Un gruppo di scienziati internazionali degli Stati Uniti e dell’UE ha pubblicato uno studio pilota peer-reviewed che suggerisce che la distanza anogenitale delle bambine sta diventando più tipica di un maschio, a causa dell’esposizione delle loro madri al glifosate quando sono nel grembo materno.

Lo studio, pubblicato lunedì sulla rivista “Environmental Pollution” di Elsevier, è un importante passo avanti nella nostra comprensione del glifosate come hacker ormonale (disgregatore endocrino).

La professoressa Shanna Swan e la professoressa Jia Chen, che sono due degli autori dello studio e sono entrambi professori presso il Dipartimento di Medicina Ambientale e Salute Pubblica presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York, hanno inviato la dichiarazione seguente a Sustainable Pulse:

“In questo progetto pilota (N = 100), abbiamo esaminato la concentrazione del glifosate e del suo prodotto di degradazione (AMPA) nell’urina raccolta a metà gravidanza in relazione alla distanza anogenitale alla nascita. Abbiamo scoperto che una maggiore esposizione a queste sostanze chimiche derivate dai pesticidi era associata a una distanza anogenitale più lunga (più maschile) nelle ragazze, un’associazione che abbiamo anche osservato in uno studio precedente sui roditori.

“Questi risultati preliminari suggeriscono che il glifosate è un distruttore endocrino con effetti androgeni negli esseri umani. Data la crescente esposizione al glifosato in tutto il mondo, studi più ampi dovrebbero valutare gli effetti sullo sviluppo del glifosato sui sistemi endocrino e riproduttivo “.

Come evidenziato dai professori, questo nuovo studio sull’uomo fa seguito a un documento sottoposto a revisione paritaria pubblicato nel 2019 , durante la fase pilota del Global Glyphosate Study, che ha dimostrato che l’esposizione a erbicidi a base di glifosato nei ratti era anche associata a androgeni simili. effetti, compreso un aumento statisticamente significativo della distanza anogenitale (AGD) in maschi e femmine, ritardo del primo estro e aumento del testosterone nelle femmine.

La distanza anogenitale, la distanza tra l’ano e i genitali, è un marker sensibile di interruzione endocrina prenatale che influisce sullo sviluppo del tratto genitale. L’esposizione a diverse sostanze chimiche, inclusi i pesticidi, è stata precedentemente collegata ad AGD alterati e ad altri effetti endocrini.

Ci sono stati anche una serie di altri studi che hanno recentemente rivelato i danni causati dal glifosato sulla salute riproduttiva.

Il glifosato è l’erbicida più utilizzato nella storia umana: 18,9 miliardi di libbre (8,6 miliardi di chilogrammi) di erbicidi a base di glifosato sono stati spruzzati in tutto il mondo dal 1974. Anche l’uso di glifosato è aumentato di 15 volte da quando sono state introdotte colture geneticamente modificate nel 1996.

Nel 2015 l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato il glifosato come “probabile cancerogeno per l’uomo”.

glifosate, glifosato, sistema endocrino


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto