pesticidi bayer

La corte suprema dell’UE sostiene il divieto dei pesticidi Bayer legati al danneggiamento delle api

Pesticidi Bayer: Il tribunale supremo dell’Unione europea ha confermato il divieto parziale dell’UE di tre insetticidi legati al danneggiamento delle api, impedendone l’uso su alcune colture.

La Corte di giustizia europea ha respinto un ricorso di Bayer per annullare la decisione del 2018 di un tribunale inferiore dell’UE di confermare il divieto.

La sentenza riguarda tre principi attivi: imidacloprid sviluppato da Bayer CropScience, clothianidin sviluppato da Takeda Chemical Industries (4502.T) e Bayer CropScience, nonché tiamethoxam di Syngenta.

Un portavoce di Bayer si è detto deluso dal verdetto e ha sostenuto la sicurezza dei prodotti, che continuano ad essere utilizzati in altre regioni con l’applicazione di adeguate misure di mitigazione del rischio.

“Il verdetto sembra consentire alla Commissione (europea) quasi carta bianca di rivedere le approvazioni esistenti alla minima prova, che non devono nemmeno essere nuovi dati scientifici”, ha detto il portavoce.

La Commissione nel 2013 ha limitato l’uso dei neonicotinoidi, il che significa che non potevano essere utilizzati su mais, colza e alcuni cereali primaverili. Potrebbero ancora essere utilizzati per altre colture, come la barbabietola da zucchero.

La Commissione aveva riesaminato le approvazioni a causa della perdita di colonie di api a causa dell’uso improprio di pesticidi.

Bayer aveva detto che non c’erano sufficienti nuove conoscenze scientifiche per giustificare le restrizioni. Giovedì la più alta corte dell’UE ha respinto tale ricorso e ha condannato la Bayer a sopportare le proprie spese più quelle delle altre parti.

“La Corte di giustizia ha ribadito che la protezione della natura e della salute delle persone ha la precedenza sugli interessi economici ristretti di potenti multinazionali”, ha affermato lo stratega legale di Greenpeace Andrea Carta.

La Bayer e la Syngenta, di proprietà di ChemChina, avevano avvertito che vietare gli insetticidi significherebbe che gli agricoltori sarebbero tornati ai vecchi prodotti chimici e ne avrebbero spruzzati di più.

Nonostante il divieto, sono state concesse 206 autorizzazioni di emergenza per l’uso delle sostanze nell’UE tra il 2013 e il 2019. I revisori dell’UE lo scorso anno hanno affermato che questo uso di pesticidi Bayer, sebbene legale, era ritenuto responsabile delle perdite di api.

Per proteggere le api, la Commissione ha proposto obiettivi per ridurre del 50% l’uso di pesticidi chimici nell’UE e del 20% entro il 2030.

api, pesticidi Bayer


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto