istamina

Istamina: intolleranza genetica e acquisita. Cos’è, i sintomi, gli alimenti e i farmaci da evitare

L’intolleranza all’istamina è una problematica al momento ancora poco nota e spesso non riconosciuta. Cerchiamo di fare chiarezza per chi ha spesso problemi legati di vario genere legati all’alimentazione

Che cos’è ?

L’istamina è una sostanza azotata (C5H9N3) molto diffusa in natura, presente sia nei tessuti vegetali che in quelli animali. Rappresenta un’importante mediatore chimico sia nel caso di infiammazioni che come neurotrasmettitore e fa parte del grande gruppo delle ammine biogene . I mediatori dell’infiammazione sono le sostanze che avviano e regolano le reazioni infiammatorie.

Questa sostanza è termostabile, ovvero non viene degradata né tramite congelamento, né mediante cottura in acqua, alla griglia o al forno.

La sua produzione avviene a partire da un aminoacido, l’L-istidina, in seguito a una reazione enzimatica (decarbossilazione); viene poi degradata tramite l’istaminasi.

Il nostro organismo, infatti, la produce in particolare come risposta ad un allergene. Serve quindi a mettere in allerta il corpo che è presente qualcosa di estraneo e dunque potenzialmente pericoloso.

Nelle persone sane, l’istamina alimentare può essere rapidamente disinnescata dalle ammine ossidasi, mentre le persone con bassa attività di ammina ossidasi sono a rischio di tossicità da istamina.

Intolleranza all’istamina

L’intolleranza all’istamina deriva da un suo squilibrio di accumulo e dalla sua capacità di degradazione. La diammina ossidasi (DAO) è il principale enzima per il metabolismo dell’istamina ingerita ( o liberata dagli alimenti ).

È stato proposto che il DAO, quando funziona come una proteina secretoria, può essere responsabile della rimozione dell’istamina extracellulare dopo il rilascio del mediatore. Al contrario, l’istamina N-metiltransferasi, l’altro importante enzima che inattiva l’istamina, è una proteina citosolica in grado di convertire l’istamina solo nello spazio intracellulare delle cellule.

Una sua degradazione ridotta basata sulla ridotta attività DAO e il conseguente suo eccesso possono causare numerosi sintomi che imitano una reazione allergica. L’ingestione di alimenti ricchi di questa sostanza o di alcol o droghe che la rilasciano o bloccano il DAO può provocare diarrea, mal di testa, sintomi rinocongiuntivali, asma, ipotensione, aritmia, orticaria, prurito, arrossamento e altre condizioni in pazienti con questa intolleranza.

I sintomi possono essere ridotti con una dieta priva di istamina o eliminati dagli antistaminici.  Nei pazienti in cui i suddetti sintomi sono scatenati dalle sostanze corrispondenti e che hanno una diagnosi negativa di allergia o disturbi interni, l’intolleranza deve essere considerata come un patomeccanismo di base.

Di norma, i disturbi compaiono nell’arco di circa 45 minuti dall’assunzione di alimenti contenenti questa sostanza e scompaiono dopo un lasso di tempo che va dalle otto alle dodici ore.

mal di testa istamina
Istamina e mal di testa: il cerchio alla testa può essere uno dei sintomi associato a questa intolleranza.

Contesto genetico dell’intolleranza all’intolleranza istamina

La causa principale dell’intolleranza all’istamina è una degradazione enzimatica alterata dell’istamina causata dalla compromissione genetica o acquisita della funzione enzimatica di DAO o HNMT.

Nel caso in cui si parli di intolleranza acquisita e non genetica,  può essere transitoria e quindi reversibile dopo l’eliminazione delle cause, come l’interruzione dei farmaci che bloccano il DAO.

Sintomi

A causa della natura poliedrica dei sintomi, l’esistenza di intolleranza all’istamina è stata sottovalutata.

Nei pazienti sensibili all’istamina con ridotta attività DAO, i sintomi si manifestano anche dopo l’ingestione di piccole quantità di questa sostanza che sono ben tollerate da persone sane, nell’arco di meno di un’ora.

I sintomi possono manifestarsi attraverso le azioni sopra menzionate in più organi, come il gastrointestinale, il polmone, la pelle, il sistema cardiovascolare e il cervello, secondo l’espressione dei recettori dell’istamina. I sintomi tipici dell’intolleranza includono:

  • disturbi gastrointestinali tra cui mal di stomaco, coliche, flatulenza e diarrea
  • starnuti
  • rinorrea e congestione del naso
  • mal di testa
  • dismenorrea
  • ipotonia
  • aritmie
  • orticaria
  • prurito
  • vampate di calore
  • asma
  • aumento della permeabilità vascolare
  • tachicardia
  •  l’istamina svolge vari ruoli nella neurotrasmissione, nell’immunomodulazione, nell’ematopoiesi, nella guarigione delle ferite, nel ritmo diurno e notturno
  • arrossamento, in particolare della testa e del torace
  • sindrome dell’intestino irritabile o IBS
  • occhi rossi, pruriginosi o acquosi
  • pelle molto pruriginosa
  • ansia inspiegabile
  • costipazione cronica
  • nausea e vomito
  • esaurimento inspiegabile
  • vertigini
  • pelle molto secca, a chiazze o squamosa

Scarica la lista Alimenti con presenza di istamina (PDF)

Alimenti ricchi di istamina e alimenti che la rilasciano

Alte concentrazioni di istamina si trovano principalmente nei prodotti della fermentazione microbica, come formaggio stagionato, crauti, vino e carne lavorata.

Quasi tutti i cibi e le bevande contengono alti livelli di istamina, che solitamente aumenta con l’invecchiamento, il deterioramento o la fermentazione del cibo.

Alcuni alimenti e bevande contengono anche composti che aiutano a rilasciare l’istamina nel corpo o bloccano la produzione o l’efficacia degli enzimi DAO e HMNT.

Alimenti ricchi

  • alcool
  • formaggi stagionati
  • cibi in scatola, in salamoia e fermentati
  • prodotti affumicati, come salsiccia, prosciutto, pancetta o salame
  • legumi, come ceci, soia e lenticchie
  • aceto
  • molti pasti pronti
  • Yogurt
  • snack salati
  • dolci con conservanti
  • cioccolato e cacao
  • tè verde
  • la maggior parte degli agrumi
  • ananas
  • pesce in scatola, come sgombro e tonno
  • arachidi
  • spinaci
  • pomodori
  • crauti
  • conserve
  • banane
  • melanzana
  • fragole
  • ciliegie
  • peperoncino in polvere
  • cannella
  • Chiodi di garofano
  • Lievito

Alimenti con contenuto noto di istamina

  • formaggi fermentati o stagionati: 330 mg/g
  • bevande fermentate: 20 mg/g
  • aringhe conservate: 350 mg/g
  • acciughe conservate: 60 mg/g
  • sardine conservate: 15 mg/g
  • salmone conservato: 7 mg/g
  • tonno conservato: 6 mg/g
  • spinaci: 37 mg/g
  • pomodori: 22 mg/g
  • fegato di maiale: 25 mg/g
  • insaccati: 160-225 mg/g
dermatite eruzione cutanea istamina
Istamina intolleranza e allergie: A questo problema sono associati vari disturbi della pelle come dermatiti, pruriti ed eruzioni cutanee.

Alimenti che la rilasciano

Alcuni alimenti aiutano l’organismo a produrne di più, ecco quali sono:

  • Cioccolato/cacao.
  • Fragola, banana, ananas, papaya, agrumi (arance, pompelmi…), kiwi, lampone, pera, avocado.
  • Molluschi e crostacei.
  • Noci, nocciole, mandorle e anacardi.
  • Albume d’uovo.
  • Carne di maiale.
  • Caffè.

Alimenti che interferiscono con l’azione del DAO e HTML

  • alcool
  • bevande energetiche
  • tè verde
  • tè nero
  • altri tipi di tè
  • albumi d’uovo crudi
  • yogurt con fermenti

Le vitamine e i minerali che possono aiutare le persone con questa intolleranza includono:

  • vitamina B-6, che aiuta attività DAO
  • vitamina C per aiutare a ridurre i livelli ematici e aiuta attività DAO
  • rame, che aiuta ad aumentare leggermente i livelli ematici di DAO e aiuta DAO ad abbattere l’istamina
  • magnesio che può aumentare la soglia di risposta allergica
  • manganese che può migliorare l’attività DAO
  • zinco per aiutare il DAO a scomporre l’istamina (può anche avere proprietà antinfiammatorie e antiallergiche)
  • calcio per aiutare a ridurre l’orticaria e il rossore della pelle
  • vitamina B-1
  • vitamina B-12
  • acido folico

In uno studio del 2016, 13 persone su 14 con questa intolleranza, hanno riportato una riduzione di almeno un sintomo dopo aver assunto una capsula di integratore DAO 15 minuti prima di pranzo e cena per almeno 2 settimane.

LEGGI ANCHE:

I migliori antistaminici naturali

Gli additivi alimentari aumentano le allergie: oltre 1 kg all’anno nel piatto

Allergie nei bambini: ecco le cause scatenanti

Come viene testata l’intolleranza all’istamina

Per scoprire questa intolleranza esiste un test genetico che permette di analizzare la variante genetica associata alla sua capacità di degradazione. Si può anche misurare a livello sierico DAO TEST, un esame che permette di valutare l’attività dell’enzima diaminossidasi (DAO) responsabile del metabolismo dell’istamina.

Farmaci che alzano l’istamina

I fattori comuni che interferiscono con i livelli di DAO e HMNT includono molti farmaci da prescrizione, ad esempio:

    • farmaci per le vie respiratorie, come la teofillina
    • acido acetilsalicilico ( aspirina )
    • indometacina (Indocin)
    • diclofenac (Voltaren)
    • naproxene
    • Fans e antidolorifici
    • mezzi di contrasto
    • miorilassanti
    • anestetici (tiopental), analgesici (morfina, ASA, FANS), anestetici locali (prilocaina)
    • cardiotonici (dopamina, dobutamina)
    • antipertensivi (verapamil, alprenololo, diidrazina
    • antiaritmici (propafenone)
    • diuretici (amiloride)
    • antibiotici (cefuroxime, isoniazide, pentamidina,acido clavulanico)
    • clorochina
    • mucolitici (ambroxolo, acetilcisteina) e broncodilatatori (aminofillina)
    • citostatici: ciclofosfamide
    • antidepressivi: amitriptilina
    • metoclopramide
    • antistaminici: cimetidina

Leggi anche: Farmaci pericolosi e non utili – La lista di Prescrire

Conclusioni

Nei pazienti con sintomi tipici di intolleranza all’istamina che sono innescati da cibi o alcol ricchi di istamina, con intolleranza ai farmaci che liberano l’istamina o bloccano il DAO e con una diagnosi negativa di allergia o disturbi interni, deve essere considerata la diagnosi di l’intolleranza all’istamina.

Una dieta priva di istamina, se necessario, supportata da antistaminici o dalla sostituzione di DAO, porta a un miglioramento dei sintomi. Tuttavia, sono indispensabili ulteriori studi sull’intolleranza all’istamina dovuta alle provocazioni della DBPC.

DAO, genetica, intolleranza istamina, istamina, lista alimenti istamina, lista farmaci istamina, test genetico istamina


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto