Home Alimentazione Biologica L’aloe arborescens

L’aloe arborescens

1530
0
CONDIVIDI

L’aloe è una pianta che cresce nei climi caldi e le sue foglie sono ricchissime di componenti che vanno da un’ampia gamma di sali minerali, di vitamine, di proteine, aminoacidi, polisaccaridi ed enzimi fino a molecole che hanno proprietà curative, cicatrizzanti, disinfettanti, antinfiammatorie, riepitelizzanti, immunomudolanti e rigeneranti del sistema immunitario. Per questi suoi requisiti, l’aloe presenta lo spettro più ampio, rispetto ad ogni altra pianta, del cosiddetto “fitocomplesso”, tanto da essere considerata medicinale dall’antichità e fino ai tempi moderni e di meritare, dopo un lunghissimo periodo di oblio, importanti attività di studio e di ricerca scientifica in tutto il mondo. Esistono circa 360 tipi di aloe, ma la più interessante in quanto a principi attivi è senza dubbio la “arborescens“, essendo la più completa. L’uso dell’Aloe, per le sue proprietà curative, risale al 1500 circa A.C. Nella medicina egiziana e cinese era utilizzara per curare ulcerazioni, ferite, malattie della pelle e parassiti intestinali. Nei tempi moderni si è scoperto e documentato che l’aloe ha straordinarie capacità di ripristinare il normale equilibrio dell’organismo intervenendo dove esistono dei meccanismi cellulari alterati. I suoi componenti agiscono in sinergia e si attivano e si potenziano reciprocamente.

Di conseguenza usando la foglia intera si utilizzano tutti i principi attivi che offre questa pianta. Essa contiene più di 75 elementi nutritivi e i suoi componenti sono:

-oltre 20 minerali tra i quali: calcio, cloro, ferro, magnesio, potassio, zinco, sodio, fosforo, manganese e rame.

-oltre 11 vitamine, tra le quali: A,B1,B2,B3,B6,B12,C,E.

-7 degli 8 aminoacidi essenziali: fenilalanina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, valina.

-11 dei 14 aminoacidi non essenziali: acido aspartico, acido glutamnico, alanina, arginina, cisteina, glicina etc..

enzimi: amiliasi,catalisi, cellulasi,creatina, lipasi etc..

mono e polisaccaridi: acido uronico, alinasi, mannosio, cellulosa, fosfochina.

antrachinoni: acido aloetico, aloina, antracene, emolina dell’aloe, acido crisofanico etc..

– saponine, principi antibiotici, acidi organici, cumarine etc..

L’aloe in particolare:

  • Potenzia e riattiva le difese immunitarie
  • E’ un antibiotico naturale e un potente antinfiammatorio
  • Disintossica, depura l’organismo ed è unequilibratore intestinale
  • E’ un potente battericida, antisettico, coagulate e cicatrizzante
  • Stimola il processo dirigenerazione cellulare
  • Idrata i tessuti, ha proprietà analgesiche ed è antipiretico
  • Elimina il calore nelle piaghe, nelle ulcere e nelle infezioni
  • Ha azione calmante  sul sistema nervoso
  • E’altamente nutritivo perché ricco diproteine, vitamine, aminoacidi, enzimi, carboidrati, saliminerali e vitamina B12
  • Stimola la produzione di endorfine, ha un effetto ipoglicemico
  • Stimola la fagocitosi di virus, batteri, tossine, cellule cancerose
  • Stimola il metabolismo, la sintesi proteica, la costruzione dei tessuti e la crescita cellulare.
  • Ha effetti energizzanti e rivitalizzanti
  • Svolge unastraordinaria azione antitumorale attraverso lo stimolo delle difese immunitarie e la contestuale riduzione del processo di ossidazione cellulare.

Per dei benefici dall’uso dell’aloe vi consigliamo questa ricetta consigliata dall’Associazione Maremmana Amici Aloe:

 

400 gr di foglie di Aloe di almeno 5 anni di età. Le foglie vanno raccolte o al tramonto o all’alba e lontane dall’inaffiamento naturale o piovano di almeno 5 giorni. Le foglie  vanno pulite con un panno umido, non lavate, con un coltello bisogna tagliare le spine laterali, il colletto, le punte e le parti secche o rovinate, quindi il restante va tagliato a pezzetti e messo in un frullatore. Nel frullatore vanno aggiunti anche 400 gr di miele biologico vergine, 4 0 5 cucchiai di grappa mordida distillata a 40°. Il tutto va frullato bene e il procedimento fatto in un luogo non luminoso, ne viene una crema morbida e omogenea. Va versato in un vasetto con coperchio a sigillo e poi riparato dalla luce anche con l’aiuto di carta stagnola che avvolge il vasetto. Il preparato va tenuto in frigo ad una temperatura non inferiore ai 5°. Si conserva fino a 30 giorni. Se ne consiglia un cucchiaio 3 volte al giorno, 20 minuti prima di ogni pasto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.