Home Alimentazione Biologica Carbone vegetale: come e quando assumerlo

Carbone vegetale: come e quando assumerlo

2626
1
CONDIVIDI

Il carbone vegetale è ottenuto dalla distillazione secca del legno di betulla, salice o pioppo, da cui si ottiene una polvere. Vanta blande proprietà adsorbenti, comportandosi come una spugna. Generalmente il carbone vegetale viene prescritto quando ci sono disturbi causati da intossicazioni alimentari, avvelenamento o malattie dell’intestino, molto utile per fare un po’ di pulizia nell’intestino assorbendo le sostanze che creano danno e dolore.

Il carbone vegetale costituisce uno dei più potenti adsorbenti che si conoscano al giorno d’oggi. Esso trattiene  tutto ciò che è indesiderato nel tubo digerente, come i batteri patogeni e le tossine. Gli studi hanno dimostrato che il carbone vegetale può essere un buon rimedio contro il colesterolo, inoltre combatte l’alito cattivo dovuto ad una anomala fermentazione intestinale. Le ragioni per le quali il carbone vegetale (80-90% di carbonio) viene apprezzato come integratore per uso interno nelle forme gastriche ed intestinali. Si è dimostrato utile negli episodi di meteorismo e negli avvelenamenti, grazie alle sue proprietà adsorbenti, antimeteoriche e antidiarroiche.

Il carbone vegetale viene assunto come coadiuvante per i trattamenti di: aerofagia, coliti, fermentazioni, intestinali, gastriti. Ha la notevole proprietà di assorbire gas del tratto gastroenterico come anche l’eccesso di: acidità gastrica, bruciore gastrico, diarrea, flatulenza, gonfiore, catarro, gastrite, etc.

Inoltre migliora il processo digestivo pertanto risulta essere un buon rimedio naturale per migliorare la digestione stessa. In caso di avvelenamento o intossicazione a seguito di morsi e punture di insetti/animali o a causa di sostanze tossiche ingerite.

carbone vegetale

Durante il periodo di assunzione del carbone vegetale sarà indispensabile mantenere una buona idratazione organica così da dare una spinta alla rimozione di tossine e depurare il corpo in tutto il suo insieme, evitando anche che il carbone attivo assorba sostanze importanti per l’organismo.

Il carbone vegetale è sconsigliato in gravidanza, nella fase di allattamento e in bambini con meno di 12 anni.

1 COMMENTO

  1. Attenzione all’assunzione concomitante di carbone vegetale e farmaci, specie se farmaci importanti per il mantenimento dei valori vitali (antiaritmici, antiaggreganti, digitalici, antipertensivi), in quanto essi possono essere adsorbiti dal carbone vegetale ed eliminati prima di essere assorbiti, non svolgendo quindi l’effetto terapeutico voluto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here