Carbone vegetale: come e quando assumerlo

Il carbone vegetale è ottenuto dalla distillazione secca del legno di betulla, salice o pioppo, da cui si ottiene una polvere. Vanta blande proprietà adsorbenti, comportandosi come una spugna. Generalmente il carbone vegetale viene prescritto quando ci sono disturbi causati da intossicazioni alimentari, avvelenamento o malattie dell’intestino, molto utile per fare un po’ di pulizia nell’intestino assorbendo le sostanze che creano danno e dolore.

Il carbone vegetale costituisce uno dei più potenti adsorbenti che si conoscano al giorno d’oggi. Esso trattiene  tutto ciò che è indesiderato nel tubo digerente, come i batteri patogeni e le tossine. Gli studi hanno dimostrato che il carbone vegetale può essere un buon rimedio contro il colesterolo, inoltre combatte l’alito cattivo dovuto ad una anomala fermentazione intestinale. Le ragioni per le quali il carbone vegetale (80-90% di carbonio) viene apprezzato come integratore per uso interno nelle forme gastriche ed intestinali. Si è dimostrato utile negli episodi di meteorismo e negli avvelenamenti, grazie alle sue proprietà adsorbenti, antimeteoriche e antidiarroiche.

Il carbone vegetale viene assunto come coadiuvante per i trattamenti di: aerofagia, coliti, fermentazioni, intestinali, gastriti. Ha la notevole proprietà di assorbire gas del tratto gastroenterico come anche l’eccesso di: acidità gastrica, bruciore gastrico, diarrea, flatulenza, gonfiore, catarro, gastrite, etc.

Inoltre migliora il processo digestivo pertanto risulta essere un buon rimedio naturale per migliorare la digestione stessa. In caso di avvelenamento o intossicazione a seguito di morsi e punture di insetti/animali o a causa di sostanze tossiche ingerite.

carbone vegetale

Durante il periodo di assunzione del carbone vegetale sarà indispensabile mantenere una buona idratazione organica così da dare una spinta alla rimozione di tossine e depurare il corpo in tutto il suo insieme, evitando anche che il carbone attivo assorba sostanze importanti per l’organismo.

Il carbone vegetale è sconsigliato in gravidanza, nella fase di allattamento e in bambini con meno di 12 anni.

benefici carbone vegetale, carbone vegetale, come utilizzare carbone vegetale, controindicazioni carbone vegetale, proprietà carbone vegetale, uso carbone vegetale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Comment

  • Attenzione all’assunzione concomitante di carbone vegetale e farmaci, specie se farmaci importanti per il mantenimento dei valori vitali (antiaritmici, antiaggreganti, digitalici, antipertensivi), in quanto essi possono essere adsorbiti dal carbone vegetale ed eliminati prima di essere assorbiti, non svolgendo quindi l’effetto terapeutico voluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter

[newsletter_signup_form id=1]