Home Prodotti naturali Aloe vera: proprietà e i rischi del fai da te

Aloe vera: proprietà e i rischi del fai da te

8168
1
CONDIVIDI
aloe vera proprietà

L’aloe vera è una pianta perenne della famiglia delle Liliacee a cui appartengono oltre 200 specie soprattutto africane (è anche la denominazione dell’agave americana che ha foglie molto simili a quelle delle piante di aloe).

I primi riferimenti terapeutici su aloe vera risalgono a 5.000 anni fa (nel 1862 George Ebers ne scoprì traccia in un papiro egiziano). Il fatto che venga chiamata “pianta del miracolo” deve già insospettire. In realtà qualcosa di vero c’è, ma, con una generalizzazione che è uno dei più comuni errori di chi opera nel naturale, molte proprietà sono state ingigantite.

PELLE – È il campo dove l’aloe vera ha dimostrato un’efficacia reale e notevole. Il suo impiego risale al 1942 quando un ingegnere chimico americano, Rodney Stockton curò una grave ustione dovuta al sole della Florida con una polpa gelatinosa estratta da aloe vera.

Proseguì le ricerche e riuscì a stabilizzare il gel (per evitarne l’ossidazione). Dagli anni ’50 sono moltissime le ricerche sull’impiego dell’aloe in dermatologia, in particolare nella cura delle ustioni dove i risultati sono eccellenti (da citare nel 1995 la cura delle vittime dell’attentato di Oklahoma City da parte del dott. T. Moore che aveva all’attivo già 4.000 casi di ustioni trattati in tal modo). Attualmente l’aloe vera è utilizzata per curare:

  • ustioni
  • escoriazioni
  • cicatrici
  • scottature ed eritemi solari
  • pelli secche, arrossate e screpolate (come idratante)
  • ragadi (anali e non)

Molti prodotti con nomi commerciali blasonati si basano su Aloe vera. Purtroppo ne contengono percentuali minime. Per la massima efficacia occorre usare aloe concentrata in gel.

PSORIASI – Alcune (pochissime) guarigioni di psoriasi di pazienti che hanno usato l’aloe hanno inserito la patologia fra quelle curabili con l’aloe. In realtà per la legge di guarigione totale ciò è del tutto arbitrario. Purtroppo sono casi isolati in cui (vista anche la componente psicosomatica della patologia) non si sa fino a che punto il trattamento con l’aloe non sia giunto casualmente in un momento in cui la malattia sarebbe comunque regredita. Purtroppo l’applicazione dell’aloe su vasta scala non ha dato risultati soddisfacenti.

TUMORI – Esistono alcune ricerche (fra le ultime quella dell’università di Padova del 2000) che avrebbero rilevato l’utilità dell’aloe vera (o meglio, di alcuni derivati, l’aloe-emodina) in alcuni tipi di tumori (per esempio quelli infantili). In realtà si tratta di studi su animali (e nei decenni di sostanze anticancro su animali ne sono state studiate centinaia!) e gli stessi ricercatori mettono in guardia dai facili entusiasmi.

Dire che l’aloe ha proprietà antitumorali (se una sostanza ha accertate proprietà antitumorali la si impiega nella cura, non nella ricerca) è quindi ottimistico e scientificamente falso: è corretto dire che esistono linee di ricerca che stanno studiando la pianta.

ANTISETTICA, ANTIVIRALE, ANTIMICOTICA, PURGANTE 

Queste proprietà sono desunte dal fatto che l’aloe contiene la barbaloina, la isobarbaloina, l’acido aloetico, l’emodina, l’acido cinnamico, l’acido crisofanico. In realtà il contenuto di queste sostanze è percentualmente non significativo se si usano preparati naturali e non farmacologici (il principio è lo stesso del mirtillo o della carota che “fanno bene alla vista”, ma praticamente non curano nessuna patologia oculare).

Se siete affetti da un’infezione micotica, rivolgetevi a un dermatologo e usate prodotti farmaceutici. L’aloe vera contiene l’aloina, una droga antrachinonica con effetto lassativo e irritativo del colon e abortivo in gravidanza. Per questo motivo è opportuno non assumere per bocca preparati a base di aloe vera prodotti in modo artigianale.

Aloe Vera Rischi del fai-da-te


L’ Aloe, se priva di Aloina, un amaro purgante, non comporta  precauzioni d’ uso ad eccezione di rarissimi casi (almeno l’ 1% delle persone) di allergia ad altri elementi contenuti nel succo.

L’ Aloina, invece, una potente droga antrachinonica, è però presente in dosaggi elevati e non si può escludere del tutto nel succo di Aloe “fatto in casa”, rendendolo inadatto all’ automedicazione; infatti, essendo i meccanismi d’ azione dell’ Aloina ancora mal conosciuti, se ne sconsiglia l’ uso prolungato a dosi elevate poichè può causare danni al colon, crampi addominali, nausea, vomito e diarrea e colorazione dell’ urina. Va inoltre detto che può essere abortiva in gravidanza.

 

 

1 COMMENTO

  1. ottime info, consiglio il succo di aloe vera preso prima dei pasti a chi soffre di problemi gastrici, in quanto ha un effetto protettivo nei confronti della mucosa dello stomaco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here