bambini e mamme

Supportare la salute mentale delle mamme riduce il rischio di problemi comportamentali nei bambini

Aiutare i genitori con depressione o ansia potrebbe anche migliorare la loro capacità di impegnarsi in forme di gioco potenzialmente “protettive” con i loro figli, che possono ridurre il rischio di problemi comportamentali, suggerisce una nuova ricerca.

La scoperta proviene da un’analisi granulare di 3.600 clip di cinque secondi, che i ricercatori hanno preso dalle registrazioni di 60 coppie madre-bambino che giocano insieme. Le madri con un’ansia minima avevano maggiori probabilità di giocare a giochi di “finzione” con i loro figli. Allo stesso modo, anche se confrontati con i figli di madri con livelli moderati di ansia o depressione, coloro le cui madri non avevano tali problemi di salute mentale trascorrevano circa il 10% in più di tempo impegnandosi in giochi di fantasia.

Lo studio si è concentrato sul gioco di finzione perché questo aiuta i bambini piccoli a sviluppare abilità sociali ed emotive essenziali. Se queste abilità sono meno sviluppate, possono incontrare difficoltà con l’avanzare dell’età: ad esempio, quando si cerca di fare amicizia o di stabilirsi a scuola. Questo può, a sua volta, avere un ulteriore impatto sullo sviluppo comportamentale.

Significativamente in questo contesto, i ricercatori hanno anche valutato i bambini per i segni di problemi comportamentali due anni dopo la prima parte dello studio e hanno trovato alcune prove che questi erano meno comuni tra i bambini le cui madri erano impegnate in giochi più finti quando erano piccoli.

Il dottor Zhen Rao, del Center for Research on Play in Education, Development and Learning (PEDAL), presso la Faculty of Education, University of Cambridge, ha dichiarato: “I genitori sono di solito i primi partner di gioco dei loro figli, quindi svolgono un ruolo essenziale , attraverso il gioco di finzione, nell’aiutare i bambini ad apprendere abilità come comunicare, controllare le proprie emozioni e cooperare con gli altri. Le associazioni che abbiamo trovato mostrano che il sostegno alle famiglie colpite da problemi di salute mentale può anche migliorare l’accesso dei bambini a questa importante forma di giocare.”

Paul Ramchandani, professore di gioco in educazione, sviluppo e apprendimento presso l’Università di Cambridge, ha dichiarato: “Dopo più di un anno di pandemia COVID-19 e ripetuti blocchi, sappiamo che l’ansia dei genitori è in aumento. Ora, anche più del solito , è fondamentale che i genitori che stanno lottando con la depressione o l’ansia ricevano un sostegno adeguato. Poiché questo studio indica, a lungo termine, potrebbe beneficiare in modo significativo i loro figli, così come loro. “

Secondo Public Health England, circa un bambino su tre vive con almeno un genitore che riferisce sintomi di stress emotivo. Poco si sa, tuttavia, su come questo influenzi il gioco genitore-figlio e se un conseguente deficit in determinati tipi di gioco influisca sullo sviluppo del bambino.

Per lo studio, i ricercatori hanno lavorato con le famiglie di bambini di età compresa tra 24 e 36 mesi. Tutti i bambini coinvolti sono stati selezionati perché valutazioni di salute di routine avevano indicato che erano potenzialmente vulnerabili allo sviluppo di problemi comportamentali.

Ai genitori è stata data una borsa di giocattoli e gli è stato chiesto di giocare con il loro bambino “come avrebbero fatto normalmente”. Sono state effettuate registrazioni video di cinque minuti di ciascuna coppia madre-bambino, che sono state poi suddivise in clip di cinque secondi. I ricercatori hanno documentato casi di finto gioco sia da parte delle madri che dei bambini: ad esempio, momenti in cui fingevano di mangiare cibo usando un set da picnic giocattolo o creavano personaggi finti usando burattini.

La ricerca ha anche utilizzato una serie di questionari standard, sia all’inizio che due anni dopo, per misurare la depressione materna, l’ansia materna e i problemi comportamentali del bambino. L’ansia è stata valutata su una scala da 0 a 21 e la depressione su una scala da 0 a 27. I problemi di comportamento sono stati documentati utilizzando la Child Behavior Checklist (CBCL).

In generale, i ricercatori hanno scoperto che quando le madri si dedicano a giochi di fantasia, anche i loro figli lo fanno. Hanno anche scoperto che le madri con livelli più alti di ansia lo fanno meno, sebbene non vi fosse alcuna associazione simile tra le madri con depressione.

I risultati hanno anche suggerito, tuttavia, che i bambini si impegnino in più giochi di fantasia se la madre ha una depressione o un’ansia inferiori. Nel complesso, il gioco di finzione dei bambini è diminuito dell’1% per ogni unità di aumento misurata nell’ansia materna e, analogamente, dell’1% per ogni unità di aumento della depressione materna. I bambini le cui madri avevano un’ansia “moderata” (10-14 sulla scala 0-21) quindi tipicamente impegnati in giochi di finzione immaginativi per circa il 10% in meno di tempo rispetto a quelli delle madri senza problemi di ansia.

“Ciò significa che se ci sono due madri che fingono di giocare con la stessa frequenza, ma una ha un livello di ansia o depressione più alto, il figlio di quel genitore tenderà a impegnarsi in un gioco meno finto”, ha detto Rao.

Lo studio ha anche trovato alcune prove limitate che i bambini le cui madri si sono impegnate in giochi di finzione avevano meno probabilità di mostrare problemi comportamentali due anni dopo. I punteggi CBCL dei bambini al follow-up di due anni sono diminuiti leggermente per ogni aumento dell’1% documentato nel gioco di finzione della madre a 24-36 mesi. Ciò suggerisce che il gioco di finzione può essere un fattore protettivo che impedisce lo sviluppo di problemi comportamentali nei bambini.

Sono necessarie ulteriori ricerche per spiegare esattamente perché la depressione e l’ansia materna possono indurre i bambini a dedicarsi a giochi meno fittizi, ma ci sono diverse potenziali spiegazioni. Ad esempio, i genitori alle prese con problemi di salute mentale potrebbero avere meno probabilità di notare quando un bambino sta cercando di coinvolgerli in un’attività di finta, o potrebbero semplicemente sentirsi troppo negativi per partecipare.

Mentre i ricercatori sottolineano che il gioco di finzione è solo un meccanismo attraverso il quale la salute mentale materna può avere un impatto sui risultati dei bambini, potrebbe anche essere relativamente facile da affrontare. “Idealmente, ovviamente, vogliamo ridurre l’ ansia e la depressione nelle madri, ma potremmo anche essere in grado di fornire consigli o strumenti che supportano il gioco finto e riducono il rischio di esiti avversi per i loro figli “, ha detto Rao.

salute mentale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto