covid 19

Covid 19 e animali: il primo gatto infettato è morto per una grave patologia

Covid 19: i primi di maggio in Spagna era stata annunciata la morte di Negrito, il primo gatto infettati da SARS-CoV-2 il quale era affetto da cardiomiopatia ipertrofica felina. 

Un gruppo di ricerca che studia il caso ha pubblicato i risultati e ha affermato che il gatto ha contratto un’infezione apparentemente asintomatica e che il virus non ha aggravato la sua salute né causato la sua morte.

Negrito, un gatto di quattro anni, viveva con una famiglia affetta da covid-19 dove vi era stato anche un caso di morte. Quando ha iniziato a presentare gravi difficoltà respiratorie a maggio, è stato portato all’ospedale veterinario Sant Mori di Badalona, ​​dove gli è stata diagnosticata una malattia cardiaca. A causa di una condizione terminale, si è deciso di fare l’eutanasia.

L’autopsia, effettuata presso le strutture di alto livello di biosicurezza dell’Animal Health Research Center (CReSA), dell’Agri-Food Research and Technology Institute (IRTA), ha confermato che Negrito soffriva di cardiomiopatia ipertrofica felina e che la sua morte non fu causata dal Covid. 

Tuttavia, il test PCR ha confermato che l’animale era stato infettato da SARS-CoV-2, ma con una carica virale residua molto bassa.

Finora, ci sono stati pochi casi di infezione da SARS-CoV-2 di felini in tutto il mondo. Per questo motivo, i ricercatori IRTA-CReSA insieme ai ricercatori di IrsiCaixa, il Barcelona Supercomputing Center (BSC) e i veterinari dell’Ospedale Veterinario Sant Mori hanno approfondito lo studio del caso. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista  PNAS .

Gli scienziati hanno condotto un esame del sangue su Negrito e su un altro gatto che viveva anche lui nella stessa famiglia, Whisky, che non aveva alcun segno della malattia. I test, effettuati dall’Istituto di ricerca sull’AIDS IrsiCaixa – un centro promosso congiuntamente dalla Fondazione “la Caixa” e dal Dipartimento della Salute della Generalitat della Catalogna – hanno dimostrato che i due gatti avevano sviluppato anticorpi contro SARS-CoV-2 .

“In entrambi i casi abbiamo rilevato anticorpi neutralizzanti, cioè hanno la capacità di legarsi al virus e bloccarlo”, spiega Julià Blanco, ricercatrice IGTP di IrsiCaixa. ” Questo è importante perché ci mostra che il sistema immunitario dei gatti può far fronte al virus e, in questi casi specifici, proteggerli dallo sviluppo di sintomi “, aggiunge.

D’altra parte, attualmente, ci sono studi sperimentali che dimostrano che i gatti, oltre ad essere infettati da SARS-CoV-2, possono trasmetterlo ad altri gatti vicini, anche senza presentare segni clinici. Tuttavia, i primi sospetti dei ricercatori erano che sia Negrito che Whisky fossero stati infettati dai loro proprietari perché non erano stati in contatto con altri gatti.

Per verificarlo, il team ha analizzato la sequenza genetica del virus che Negrito aveva e ha scoperto che aveva una somiglianza del 99,9% con il virus del proprietario che è morto. ” Questo suggerisce che il gatto sia stato infettato direttamente dai membri della famiglia ” , spiega Marc Noguera-Julián, ricercatore presso IrsiCaixa.

Gli animali domestici non trasmettono il virus

Tenendo conto del numero di persone infette in tutto il mondo e dei pochi casi di animali segnalati, gli esperti continuano a sottolineare che “gli animali da compagnia svolgono un ruolo trascurabile nell’epidemiologia della SARS-CoV-2 “, sottolinea Júlia Vergara-Alert , ricercatore presso IRTA-CReSA.

Secondo l’esperto, i gatti infettano in modo molto residuo e non ci sono prove di trasmissione del virus alle persone. ” Si tratta di un caso di zoonosi inversa, in cui i gatti sono le vittime collaterali senza che il virus causi loro problemi di salute “, osserva.

Finora, nei Paesi Bassi è stato segnalato solo un episodio in cui un allevatore è stato infettato da un visone, che sarebbe il primo potenziale caso noto di zoonosi da COVID-19.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.