La Patagonia argentina brucia per colpa delle vecchie concessioni minerarie

La regione andina della Patagonia è in fiamme; e il disastro ambientale che si lascia dietro è enorme. Non mancano media e azioni di disinformazione che prendono di mira il popolo mapuche a causa dell’incendio e di altre ipotesi lontane dalla realtà.

Da giorni gli incendi sono iniziati e non si sono fermati, le molteplici sorgenti sono avanzate sulle città di El Hoyo, Lago Puelo, Las Golondrinas, Cerro Radal, Cholila e settori di El Maitén. Ci sono più di 220 case bruciate dal fuoco, un morto e almeno 1.500 ettari sotto le fiamme. Sono interi paesi senza acqua e senza elettricità da martedì. Richieste di solidarietà diffuse in tutto il Paese di fronte all’emergenza che sta vivendo la Patagonia.

Dramma incendi in Patagonia

In comunicazione con Radio Sudaca, un mezzo alternativo e popolare a Chubut, hanno parlato con Nancy, che è un medico e risiede nella città di El Hoyo.

Ha sottolineato  “Non c’è acqua potabile, né elettricità, molti di noi no tornare alle nostre case per vedere come stavano. La stessa cosa accade ogni anno. I vigili del fuoco sono allo stremo. È esasperante, il fuoco ha impiegato 9 minuti per avanzare e prendere tutto.

Questa testimonianza segna l’angoscia che la regione andina ha ancora oggi a causa di ciò che ha causato l’incendio. Continua la ricerca di 15 persone scomparse. L’uomo morto per gli incendi sarebbe Sixto Garcés, un bracciante rurale sulla cinquantina della zona di El Maitén.

All’organizzazione Indigenous Women for Good Living, chiedono urgentemente aiuto per il Lof Cañio Pangui Wingkul a Esquel, a 10 km dalla città di El Maitén, a nord-ovest di Chubut. 

“ Il comune non ci ha chiamato per vedere se stavamo bene, niente. Infatti martedì, quando si sono scatenati tutti gli incendi che hanno distrutto tutto anche qui, l’unica alternativa che ci hanno dato è stata quella di buttare via la quantità d’acqua necessaria ed evacuare. Perché hanno evacuato la zona di Buenos Aires Chico e messo i poliziotti a controllare il traffico della gente in fuga.

Ho chiamato chiedendo aiuto e non lasciavano passare persone che potevano venire. Quindi da un lato hanno isolato anche noi e niente, la soluzione è stata questa: che lasciamo il posto e se doveva bruciare, lasciatelo bruciare “, ammoniscono dal Lof.

Le comunità locali abbandonate dallo Stato

L’angoscia cresce dalla comunità mapuche in assenza di aiuti di Stato. Nella solidarietà ci sono persone che collaborano per alleviare l’incendio nel Lof, però questo, ciò che è urgente e ancora manca sono gli idranti per combattere le fiamme.

Hanno sottolineato:“ Prima ci hanno detto che la polizia di Esquel stava segnalando che era tutto sotto controllo. Poi in realtà non è stato così. Rimane molto poco della foresta nativa, hanno ucciso tutto, perché hanno ucciso, questo era intenzionale, questo era inteso. So che dietro a tutto questo c’è un grande affare e ci hanno ucciso tutta la vita nativa che era rimasta nel posto. Spero che d’ora in poi la verità di tutto questo venga fuori, non è stato un caso ”.

L’area di Las Golondrinas, Cerro Radal e El Hoyo è l’area più colpita. Anche sul territorio della comunità di Cañio, lì il vento ha preso una svolta e che ha fatto andare il fuoco direttamente verso la comunità, in quella zona si sono perse innumerevoli foreste native. La parte più pesante di questo incendio ha a che fare con il fatto che si tratta di un incendio boschivo di proporzioni molto grandi e allo stesso tempo ha distrutto interi quartieri, cosa che non era accaduta nella Regione, il grande incendio del 2011 aveva bruciato 15 case, qui si tratta di molte case completamente bruciate ”.

Siccità e poche risorse complicano la situazione

Per quanto riguarda le responsabilità dei funzionari per spegnere l’incendio, ha affermato “È necessario avere le risorse, dopo l’incendio che è avvenuto quest’anno a El Bolsón, le brigate della comunità erano preparate per affrontare l’incendio, incoraggiati da una certa esperienza, ci siamo adoperati facendo linee taglia-incendio. Ma i vigili del fuoco sono gravemente decimati, e c’è anche il problema occupazionale: non si fanno contratti per l’anno, i contratti non sono nemmeno per tre mesi, qui alla Comarca siamo venuti anche da due mesi di siccità. Questa è una forma di disinvestimento dal Stato di Río Negro, Chubut e National. Con Cabandié (ministro dell’Ambiente), arrivato nella regione, ci sono volute tre ore per uscire a lavorare sul fuoco, le condizioni erano per partire urgentemente, ma no, prima hanno scelto di tenere la conferenza stampa e ritardare i lavori in il territorio per impiegare le risorse ”.

Nella città gravemente colpita di El Hoyo, i centri di evacuazione che erano stati preparati per gli sfollati, dovevano essere chiusi a causa del pericolo imminente dovuto alla vicinanza delle fiamme, la palestra comunale e la scuola 233 sono state evacquate, prima dell’avanzata del le fiamme sono state trasferite al Lago Puelo. Il governatore pro-minerario del Frente de Todos, Mariano Arcioni, ha annunciato un presunto esborso di 10 milioni di pesos per la catastrofe avvenuta.

Perché la regione andina è in fiamme?

incendi, Patagonia, estrazione mineraria, estrattivismo, regione andina

L’assessore ambientale di Uspallata Federico Soria, laureato in Turismo, Tecnico in Conservazione della Natura, Postgraduate in Progettazione e Amministrazione di Aree Protette, Collaboratore delle Assemblee di Mendoza per l’Acqua Pura, in questo esauriente lavoro di mappatura mega-mineraria avverte molto chiaramente : « Mappe di foreste e concessioni minerarie negli ejidos municipali della regione andina (Río Negro e Chubut). In tutti gli ejidos municipali della Comarca andina (o nelle loro immediate vicinanze) ci sono concessioni minerarie di 1a categoria (il 75% per l’esplorazione o lo sfruttamento dell’ORO).

Ciò si verifica nonostante il fatto che la maggior parte di questi comuni abbia ordinanze che vietano l’estrazione di metalli idrotossici e possiedono foreste inalienabili. Ad aggravare questa situazione, la quasi totalità di queste concessioni minerarie sono scadute e sono state concesse senza il rispetto della normativa nazionale vigente in materia di budget minimi per la tutela dell’ambiente, delle foreste e dei ghiacciai, nonché quella dei comuni originari ”.

Comunità mapuche: vecchie concessioni minerarie e dispute territoriali

L’ex governatore del Río Negro, Alberto Weretilneck, secondo Martín, ha sottolineato le responsabilità nei confronti di una comunità mapuche nell’area, così come i funzionari PRO,  “Queste sono cose folli che circolano, il sistema elettrico nella Comarca è abbandonato da lo Stato, i trasformatori, è vero che sono esplosi, ma nonostante ciò Dante Palma, che è il sindacalista dei servizi pubblici della provincia, ha affermato che è impossibile.

La seconda fonte di incendio, dopo quella di Las Golondrinas, sembrava intenzionale e successivamente si è manifestata in vari settori della Regione a 80 km dalla sorgente iniziale. Vediamo l’intenzionalità con la disputa territoriale in corso nell’area, con destinazioni turistiche esclusive nel Lago Puelo, e questi apparati finanziari erano molto infastiditi dall’avere due quartieri popolari chiusi dalla Route 40, il quartiere di El Pinar e Bosques al Sur che ha iniziato a nascere nel 2019; tutto questo è stato distrutto da un incendio ”.

Secondo quanto riportato dal Collettivo di comunicazione popolare Bariloche Al Margen, gli incendi nella città di El Hoyo potrebbero essere collegati al corto circuito di un trasformatore. È una delle ipotesi che vengono gestite nel comune. Angie Calero, membro di  Radio Fogón , ha dichiarato nel notiziario FARCO:  “È un incubo che stiamo vivendo in questa regione nord-occidentale del Chubut. Quello di cui abbiamo dovuto rimpiangere sono state più di 250 case bruciate in quella che è l’area urbana del Lago Puelo e El Hoyo è qualcosa di inedito, mai visto.

Solidarietà e donazioni dai Lavoratori della Terra

L’Unione dei Lavoratori della Terra (UTT), svolge una campagna di donazioni a livello nazionale per le vittime con la consegna di 2000 chili di cibo e la possibilità di donare il contributo alla Cooperativa Agrícola Ganadera Mapuche. Attraverso la campagna, cerca di acquistare macchinari e strumenti per le famiglie colpite dagli incendi che hanno perso tutto.

La dichiarazione dell’organizzazione afferma:  Ancora una volta, il fuoco dell’estrattivismo sta avanzando sulla regione andina. I focolai sono iniziati simultaneamente in 6 località della Patagonia:

  • Las Golondrinas
  • El Bolsón
  • El Hoyo
  • Lago Puelo
  • El Maitén
  • Cholila

Tutto questo suggerisce che si tratti di incendi intenzionali ”.

Da Jóvenes Por el Clima de Argentina, sulla base di questi eventi, hanno rilasciato i dati sugli importi utilizzati per queste catastrofi dal bilancio approvato per il 2021 dal governo nazionale, ” Il sistema nazionale di gestione degli incendi avrà 282 milioni di dollari, che rappresenta solo lo 0,003% del budget totale, il budget non è nemmeno sufficiente per coprire l’inflazione del 2020. Il budget totale per il 2021 è il doppio di quello del 2020. Tuttavia, il budget per gli incendi è rimasto lo stesso. Ciò implica una riduzione del 50% in termini reali di denaro per combattere gli incendi ”.

I funzionari che criminalizzano il popolo mapuche sono gli stessi che sostengono l’estrattivismo in Patagonia e che disprezzano la parità di dirittiI volontari sono coloro che oggi svolgono un ruolo fondamentale nelle brigate contro le fiamme. 

L’organizzazione della comunità e il contenimento che genera è uno strumento che rafforza, a fronte di uno Stato che arriva in ritardo e deve migliorare le condizioni di prevenzione in caso di eventi come questi.

LEGGI ANCHE:

Incendi in Australia: i droni lanciano i semi per rigenerare le foreste

Gli incendi dolosi in Indonesia mettono a rischio 10 milioni di bambini: allarme dell’Unicef

Gli incendi in Siberia sono un drammatico problema mondiale: Il Pianeta Terra è in fiamme e lancia un disperato urlo di aiuto!

Prevenzione incendi: 5 azioni indispensabili per salvare i nostri boschi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto