DISCARICA DI LENTINI

Discarica di Lentini: tra smaltimento illecito di rifiuti e percolato in mare

Muovendosi dall’aeroporto di Catania verso Sud, in direzione Siracusa, quasi nascosta tra due colline che svettano sul fiume Simeto, a 2 passi dal mare, si trova la discarica di Lentini, in cui viene riversata l’immondizia di 240 Comuni su 390.

Il regno dell’imprenditore Antonello Leonardi

La discarica in questione è il regno di Antonello Leonardi, conosciuto come Nino, il re dei rifiuti, in carcere perché accusato di essere al vertice di un’associazione a delinquere, fatta di tangenti e smaltimento illecito di rifiuti.

Insieme a Leonardi è finito nei guai il fratello Salvatore e altre 7 persone, oltre all’apposizione di sigilli per un valore di 116 milioni di euro ad alcune società del gruppo imprenditoriale, tra le quali la Sicula Trasporti.

Nella discarica di Lentini sono finiti sacchetti ancora integri di rifiuti, rottami, copertoni e rifiuti ospedalieri, frigoriferi.

DISCARICA DI LENTINI
Smaltimento illecito di rifiuti: uno dei reati contestati all’imprenditore Leonardi detto “l’elemosiniere”

Le carte dell’inchiesta

Nelle carte dell’inchiesta, quasi 500 pagine di ordine di custodia cautelare, si parla di “cummigghiare”, ossia di coprire.

Coprire cosa? Tonnellate di rifiuti. Se pensiamo che questa discarica accoglie ogni giorno, in media, 2 mila tonnellate di spazzatura, il risultato finale sarebbe stato un guadagno illecito indeterminabile e un danno ambientale inquantificabile.

Le intercettazioni

L’imprenditore Leonardi, intercettato, ha rimandato la responsabilità alla Regione Sicilia e alla perenne fase emergenziale che vive l’isola. Ma la forza di questo sistema, con 500 autocompattatori al giorno, sarebbero le tante mazzette, utili a garantire controlli di comodo da parte di due funzionari pubblici “a busta paga”: Vincenzo Liuzzo e Salvatore Pecora, entrambi indagati.

LEGGI ANCHE: A Favignaga Sversano in mare fanghi tossici e la gente ci fa il bagno come fossero terme

Menti criminali all’opera: acque radioattive riversate in mare

Lo sversamento del percolato in mare

Tra i presunti illeciti ci sarebbe lo sversamento di percolato in mare, risalente al 17 novembre 2018, quando Lentini venne colpita da un forte temporale.

Il percolato, un mix di acqua e rifiuti, sarebbe dovuto finire in silos di stoccaggio, mentre Leonardi, per accelerare i tempi, avrebbe utilizzato pompe per trasferire il liquido in un terreno confinante.

Secondo gli inquirenti, Leonardi non è vittima di estorsioni ma un vero e proprio elemosiniere che per ottenere protezione e benefici dal clan Nardo di Lentini, alleato della famiglia mafiosa di Cosa Nostra dei Santapaola-Ercolano, pagava pochi soldi, fino a 5 mila euro nei periodi estivi.

discarica di Lentini, smaltimento illecito di rifiuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.