isola greca IOS strada

Attivista italiano arrestato in Grecia per un pretesto: è giustizia sommaria nell’isola di Ios

Siamo tristi di apprendere che Andrea Bosco, professore di storia in Italia e nel Regno Unito, e importante attivista ambientale nell’isola di Ios, è stato arrestato venerdì scorso dalla polizia di Ios

Attraverso un’indagine approfondita degli archivi di acquisto di terreni in Ios, Andrea Bosco ha scoperto possibili illeciti potenzialmente gravi legati agli acquisti di ampie aree di terra, effettuati da società che rappresentano un investitore principale. I contratti di acquisto sono attualmente oggetto di indagine presso il tribunale penale di Naxos.

Non rinunciando alla sua lotta per preservare la bellezza naturale dell’isola, Andrea è riuscito ad acquistare il 50% di una casa nella baia di Treis Klissies, proprio per impedire il possibile sviluppo su larga scala della baia da parte del suddetto investitore.

Uno scorcio dell’isola di Ios nella baia di Treis Klisses

Giustizia sommaria per aver riparato un percorso pubblico

Venerdì Andrea è stato arrestato per aver riparato tre (3!) Gradini sul percorso pubblico che accedeva a una spiaggia nella baia di Treis Klissies, senza previa autorizzazione.

Gli sono state prese le impronte digitali furono rilevate e fu trattato come un comune criminale.

Al contrario, durante il periodo di blocco di Covid, una strada di quattro chilometri veniva pavimentata tra la baia di Papas e la baia di Tries Klissies. A seguito delle richieste di informazioni della nostra associazione, il sindaco di Ios ci ha informato che non era a conoscenza di alcun permesso per la strada e la polizia ha rifiutato di informarci se esistessero permessi.

Per quanto ne sappiamo, nessuno è stato punito per aver pavimentato la strada, né per aver aperto la strada come una strada sterrata un anno fa. Sembra che la polizia non abbia mostrato alcun talento investigativo che ha mostrato quando ha arrestato Andrea. Andrea aveva fatto diverse denunce alla polizia in merito alla strada e la nostra associazione ha denunciato di recente.

L’applicazione della legge e della giustizia in Ios sembra essere molto irregolare. Questo crea un senso di illegalità nell’isola, a beneficio dei ricchi e dei potenti. Di chi sono gli interessi della polizia?

Lo spettacolo delle isole greche nel Mediterraneo

La lotta per la difesa delle isole greche

Questo tipo di attività di tutela del patrimonio naturalistico e territoriale delle isole greche si inquadra in una lotta che ha visto protagonista l’equipaggio di Mediterranea, in prima linea per la denuncia dei soprusi e della speculazione che sta attaccando alcune isole greche che rischiano la totale devastazione a fini commerciali, diventate bersaglio di grandi gruppi industriali.

Al video qui sotto potete vedere come di è svolta concretamente l’azione di protesta pacifica qualche anno fa. Simone Perotti ( ideatore e comandante di Mediterranea ) commenta le immagini delle iniziative del Progetto Mediterranea contro la svendita delle bellissime isole greche Meganissi ( venduta a Rotschild ) e Elafonissos. Scenari da sogno e una dettagliata descrizione di ciò che sta avvenendo e di come provare a fermarlo.

Guarda il Video di Mediterranea che occupa le isole

La situazione di oggi: Andrea Bosco liberato

Andrea Bosco oggi è libero dopo essere stato schedato e aver subito una reclusione temporanea ingiusta; sta bene, è molto motivato e combattivo nel portare avanti il progetto di conservazione delle isole greche e di creazione di un parco protetto delle Isole Cicladi come Patrimonio Unesco.

Di cosa si occupa la pagina SAVE IOS

Gran parte di IOS è stata acquistata da aziende dietro le quali si trovano interessi comuni d’investimento. Queste aziende promuovono progetti di investimento su larga scala per abitazioni turistiche complesse e hotel a cinque stelle, sproporzionate rispetto alla capacità sostenibile dell’isola.

La loro esecuzione è già stata accompagnata da ampi scempi ambientali e offesa del territorio. Sono state approvate sovvenzioni statali di decine di milioni di euro per progetti di investimento.

IOS rischia una totale distorsione della sua figura tradizionale di isola mediterranea del Mar Egeo, con le sue caratteristiche naturali dal valore inestimabile.
Questo tipo di ” sviluppo ” non è sostenibile, non promuove l’interesse pubblico e non dovrebbe essere sostenuto dallo Stato.

Articolo della pagina Save Ios


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.