area incendio amazzonia

Amazzonia: in 18 anni ha perso una superficie di vegetazione più grande del Regno Unito

In 18 anni, l’Amazzonia ha perso 269.800 km² di foreste, equivalenti a sei volte l’area dello stato di Rio de Janeiro o più dell’area del Regno Unito. Secondo IBGE (Istituto brasiliano di geografia e statistica), l’ecosistema amazzonico ha perso l’8% della sua copertura forestale tra il 2000 e il 2018. L’istituto ha analizzato tutti i cambiamenti nell’uso del suolo nei biomi brasiliani durante questo periodo. In Amazzonia, la metà dei cambiamenti (50,2%) ha riguardato la trasformazione delle aree in pascolo.

I dati fanno parte dello studio “Ecosystem Accounts: Land Use in Brazilian Biomes (2000-2018)”, pubblicato oggi da IBGE, che, per la prima volta nella sua storia, ha mappato i diversi ecosistemi brasiliani per dettagliare lo stato in cui si trovano. e i cambiamenti avvenuti dall’inizio del secolo. Nel periodo analizzato, la percentuale di terra amazzonica utilizzata per il pascolo è cresciuta del 71%, passando da 248.800 km² nel 2000 a 426.400 km² nel 2018.

È stato il bioma che ha registrato la maggior parte dei cambiamenti nell’uso del suolo. Anche l’area agricola è progredita: è cresciuta del 288,6% nello stesso periodo. Tuttavia, IBGE stima che la conversione della vegetazione in pascolo non si sia tradotta in guadagni di produzione. Nonostante occupassero molte terre, i pascoli non generavano lavoro o reddito, spiega Maria Luisa da Fonseca Pimenta, responsabile dei conti di statistica ambientale dell’IBGE e uno degli autori dello studio.

La preoccupazione maggiore non è solo la perdita quantitativa dell’area di copertura, ma anche la frammentazione che questo porta alla foresta. In altre parole, quando dico che ho perso 2 km², non sto solo perdendo quell’area, ma sto influenzando l’area successiva. Abbiamo quindi l’effetto bordo nella foresta. Diventa frammentato e più suscettibile a qualsiasi altro tipo di trasformazione.

L’area in rosso rappresenta lo Stato di Rio de Janeiro: l’area di foresta persa in questi anni è pari a 6 volte questa area rossa

La perdita di vegetazione autoctona ha raggiunto quasi 500mila km²

L’idea dello studio è quella di analizzare le restanti aree naturali del paese ed esporre, in dettaglio, le conversioni dell’uso del suolo nei biomi. La metodologia tiene conto degli stock di risorse naturali e dei riflessi delle attività economiche nei biomi dopo la perdita della vegetazione originaria.

La ricerca ha mostrato che c’è stato un rallentamento nella perdita di aree naturali in Brasile, ma tutti i biomi terrestri hanno avuto un saldo negativo tra il 2000 e il 2018 (vedi sotto). La perdita di copertura della vegetazione autoctona ha raggiunto quasi i 500mila km² nella somma dei diversi ecosistemi: in tutto la riduzione della vegetazione è stata di 489,8mila km² nel periodo.

Il Cerrado e l’Amazzonia hanno la più grande perdita di vegetazione autoctona. Mentre la vegetazione naturale della regione amazzonica si è ridotta di 269.800 km², il Cerrado ha perso 152.700 km². I due biomi rappresentano l’86% di tutta la perdita di vegetazione autoctona in questi 18 anni. La Pampa (che in Brasile fa parte del Rio Grande do Sul) è stata la più colpita rispetto alla propria area: il 16,8% della sua copertura naturale è andata distrutta nel periodo studiato.

Amazzonia

Oltre ad essere la regione che ha perso di più la vegetazione autoctona tra il 2000 e il 2018, l’IBGE richiama l’attenzione su un altro dato relativo all’Amazzonia: la conversione della foresta in un’area di pascolo. I ricercatori sottolineano che, prima, l ‘”arco di deforestazione” era più visibile sui “bordi del bioma amazzonico, nelle zone di contatto con il bioma del Cerrado”. Ora c’è stata “una notevole interiorizzazione, a seguito della costruzione di strade, argini fluviali e vicinanza di opere infrastrutturali”. La logica della costruzione stradale, secondo l’IBGE, era guidata dall’estrazione del legno e dalle miniere.

“Abbiamo osservato che la soppressione delle aree naturali accompagna le strade che sono identificate nella nostra base cartografica (…) La ricerca non cerca di fare correlazioni, ma era abbastanza evidente, principalmente in quella che chiamiamo Amazzonia orientale [area che copre Pará, Maranhão, Amapá, Tocantins e Mato Grosso] “, afferma la ricercatrice Maria Luísa da Fonseca Pimenta.

LEGGI ANCHE: L’Ecuador cede parte della foresta pluviale ai cinesi

Bioma del Cerrado

Il Cerrado è al secondo posto tra gli ecosistemi più soppressi. Lì, oltre al pascolo, la vegetazione distrutta ha lasciato il posto all’agricoltura. Tra il 2000 e il 2018, più di 100mila km² sono stati destinati all’attività agricola in questo bioma. “L’espansione dell’agricoltura è legata all’agrobusiness e agli investimenti in materie prime agricole”, afferma l’IBGE. Lo studio punta anche all’espansione della selvicoltura (che è l’esplorazione e il mantenimento del bioma per scopi commerciali, come la piantumazione di alberi per vendere legno). In 18 anni le aree forestali del Cerrado sono cresciute del 104,3%.

Un esempio di disboscamento nella zona del Cerrado

Caatinga

In contrasto con la Foresta Amazzonica e il Cerrado, la Caatinga e la Foresta Atlantica sono stati i biomi che hanno registrato miglioramenti nei tassi di perdita della vegetazione autoctona. Cioè, le aree deforestate si sono ridotte nel corso degli anni. Nel caso della Caatinga, tra il 2000 e il 2010 la riduzione della vegetazione autoctona è stata di 17,1 mila km² (media di 1.710 km² all’anno); tra il 2016 e il 2018, il periodo più recente analizzato da IBGE, il numero è stato di 1.600 km² (media di 800 km² all’anno). In questo bioma, l’unico esclusivamente brasiliano, c’è stato un grande progresso nell’agricoltura.

Pampa

A Pampa, secondo l’IBGE, c’è stato un progresso nella selvicoltura e l’espansione delle aree agricole, “seguendo la tendenza nazionale degli investimenti in materie prime, in particolare soia e altri cereali”. La sua vegetazione naturale ha subito una riduzione di 15,6 mila km² tra il 2000 e il 2018. L’istituto afferma inoltre che l’espansione di queste attività ricade in una “importante area di ricarica della falda acquifera Guarani, una delle più grandi e importanti sorgenti di acqua sotterranea del Paese”.

Foresta atlantica

Nonostante abbia registrato tassi di miglioramento nella sua conservazione negli ultimi anni, la Foresta Atlantica ha la più piccola area relativa di vegetazione originaria: rimane solo il 16,6% della sua dimensione naturale. Anche la silvicoltura e l’agricoltura sono progredite in questo bioma negli ultimi 18 anni. L’IBGE sottolinea che il rallentamento maggiore nella perdita di vegetazione autoctona si è verificato nella Foresta Atlantica. Tra il 2000 e il 2010, il bioma ha perso 8.700 km² di copertura (una media di 879 km² all’anno). Tra il 2016 e il 2018, questo numero è sceso a 577 km² (media di 288 km² all’anno).

Pantanal

Questo bioma, considerato una delle più grandi zone umide del mondo, ha registrato anche un aumento del bestiame. Tra il 2000 e il 2012, più della metà (56,1%) dei cambiamenti nell’uso del suolo verificati da IBGE è andata al pascolo con la direzione.

“In generale, questa conversione avviene su aree naturali di campagna, con una riduzione di 2.090 km² di questa vegetazione in proporzione all’aumento di 2.501 km² di aree di pascolo in gestione”. Nonostante ciò, secondo IBGE, il Pantanal è stato il bioma brasiliano che ha avuto le minori perdite di vegetazione naturale nel periodo dal 2000 al 2018 – sia in rapporto all’area (-2,1 mila km²) che in percentuale (-1,6% ).

Un problema mondiale

Come poter rendere questo grave problema brasiliano, un problema internazionale? Come possiamo noi europei avere la percezione concreta di quello che sta avvenendo e come potremmo incidere per cambiare le cose?

In Brasile si auspicano la nascita di un marchio o di un certificazione come il nostro ” doc”, che consenta di acquistare solamente prodotti che escono dalla logica dello sfruttamento indiscriminato del suolo e del popolo brasiliano.

Vista la tendenza decisamente negativa, con il presidente Bolsonaro che non fa nulla per tutelare l’ambiente, ma che, anzi, arriva addiruttura a dire che l’Amazzonia NON E’ un patrimonio dell’umanità, ci auspichiamo che nuovi metodi per invertire la rotta diventino presto realtà.

FONTE


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.